La finta ecologia devastante del TAV

28.07.2019 - L'Antidiplomatico

La finta ecologia devastante del TAV
Tunnel della Tratta Torino Lione (Foto di Archivio Pressenza)

Guardate questa foto: sotto le nuvole della pioggia salgono da terra quelle dei gas lacrimogeni che avvelenano i boschi della Clarea, in Valle Susa. Lacrimogeni sparati dalla polizia in quantità industriale il 27 luglio, come tante altre volte, contro i manifestanti NOTAV.

Chiomonte

Chiomonte

I sostenitori piddini del TAV in Valle Susa si distinguono dai salviniani per un argomento usato a favore dell’opera. Mentre la destra urla: basta coi no qui si deve lavorare; e con quei no da abolire intende tutte le conquiste e le consapevolezze sociali civili e ambientali degli ultimi duecento anni. Mentre la destra non va per il sottile, la finta sinistra aggiunge al linguaggio violento e reazionario del partito del PIL un tocco di ecologia ipocrita, così per distinguersi.

Il TAV ridurrebbe l’inquinamento perché i carichi dei camion viaggerebbero in treno, è l’argomento di fondo. Falso.

Perché si dimentica di dire che la possibile riduzione di traffico su gomma avverrebbe tra trent’anni. Nel frattempo per decenni la Valle Susa ed i territori vicini dovrebbero subire l’inquinamento devastante dei camion, delle ruspe, delle polveri, dei rifiuti e dei materiali di scavo, compresi quelli con amianto. E poi la distruzione dei boschi e lo sterminio della fauna locale. Solo per impiantare il cantiere di servizio in Clarea, che NON è ancora lo scavo vero e proprio ancora non iniziato, sono stati distrutti 10000 alberi.

Il governo ha fatto un’analisi costi benifici solo sul piano economico, che dimostra quanto l’opera sia inutile, che lo stesso governo ha poi bellamente ignorato.

Ma questa analisi era solo economica, non ecologica. Cioè non calcolava quanto danno ambientale in più procurava la costruzione del TAV e quanto esso fosse compensato nel futuro lontano dalla riduzione del traffico su gomma. Ma c’è chi questo bilancio ecologico del TAV lo ha fatto.
Fino al 2047 la costruzione del TAV devasterà, poi nei decenni successivi FORSE si avrà meno inquinamento, anche se le previsioni di traffico si sono rivelate tutte sbagliate e in ogni caso ci vorranno altri decenni perché ci sia qualche risultato. Come dire ad un alcolizzato ora fai una cura di grappa poi tra decenni ti disintossichiamo..Intanto muore.

Il TAV avvelena oggi in cambio di una finta depurazione domani, è la politica dei due tempi ecologica, fallimentare come quella economica. Prima i sacrifici poi lo sviluppo, così imbrogliano i lavoratori da sempre. Ora fan lo stesso con l’inquinamento: prima vi avveleniamo, poi respirerete meglio.

A questo pensavo ieri in Valle Susa mentre vedevo da lontano la nuvola di lacrimogeno innalzarsi dai boschi. Per fermare una manifestazione una marea di gas velenoso non ha solo colpito le persone, ma intossicato il bosco e colpito gli animali . Per colpire le persone si distrugge la natura.

Ecco cosa è davvero il TAV: una nuvola di veleno che coprirà la Valle Susa per decenni. La giustificazione ecologica della devastazione è la più ipocrita delle falsità, i gas lacrimogeni che distruggono il bosco per cacciare le persone ne sono un esempio e una dimostrazione.

Giorgio Cremaschi

Categorie: Ecologia ed Ambiente, Economia, Europa, Politica, Salute
Tags: , , , , , , , , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.