Questioni internazionali

14.11.2019

Roma, presidio contro il golpe in Bolivia

Roma, presidio contro il golpe in Bolivia

Oltre duecento persone a protestare contro il golpe in Bolivia e a solidarizzare con il popolo boliviano e con il presidente Evo Morales. Come in altre città d’Italia, anche Roma ha voluto esprimere il suo no a quanto sta avvenendo nel paese sudamericano: nel pomeriggio via Civitavecchia – dove si… »

13.11.2019

Roma: le vene aperte di Latinoamerica e Bolivia

Roma: le vene aperte di Latinoamerica e Bolivia

Venerdì 15 novembre a Roma, presso la Casa Umanista di Via dei Latini 12, ore 20:30, charla abierta: un appuntamento per conoscere la situazione che affrontano diversi paesi del latinoamerica, in particolare la Bolivia. In Bolivia stiamo assistendo ad un colpo di stato, in Cile vediamo manifestazioni e proteste… »

11.11.2019

Bolivia. Da Cuba all’Argentina denunciato “golpe” contro Morales

Bolivia. Da Cuba all’Argentina denunciato “golpe” contro Morales

I governi di Argentina, Cuba e Venezuela hanno definito un colpo di Stato i fatti che in Bolivia hanno portato ieri sera alle dimissioni del presidente Evo Morales. Secondo il capo di Stato dell’isola caraibica, Miguel Diaz-Canel, a La Paz c’è stato un attacco “violento e vigliacco” contro la democrazia. »

10.11.2019

Alba sta con chi combatte l’Isis

Alba sta con chi combatte l’Isis

Ieri si è tenuta ad Alba una manifestazione coordinata dal Laboratorio Sociale Chabas a sostegno della popolazione curda del Rojava. Dopo un flash mob in piazza Rossetti, il corteo si è fermato davanti agli uffici e agli stabilimenti della Ferrero per chiedere di interrompere i suoi rapporti commerciali con… »

01.11.2019

In 20.000 per le strade di Roma, per dire no alla paura, no alla sporca guerra di Erdoğan in Siria del Nord

In 20.000 per le strade di Roma, per dire no alla paura, no alla sporca guerra di Erdoğan in Siria del Nord

Ricordati gli enormi interessi economici che Italia e Europa intrattengono con Erdogan, pagato oltre 6 miliardi d'euro per respingere centinaia di migliaia di persone che scappano dalle guerre, armate con armi prodotte in occidente: guerre come quella che l'esercito turco ha mosso in queste settimane al popolo curdo in Rojava. »

24.10.2019

Foresta pluviale amazzonica, vicini al “punto di non ritorno”

Foresta pluviale amazzonica, vicini al “punto di non ritorno”

Recenti previsioni contenute in un rapporto economico, indicano che la foresta pluviale amazzonica potrebbe smettere di produrre abbastanza pioggia per sostenersi a partire dal 2021. »

23.10.2019

Non è guerra, è protesta. Appello alla solidarietà con il popolo cileno

Non è guerra, è protesta. Appello alla solidarietà con il popolo cileno

Il Cile sta vivendo uno dei momenti più difficili dalla fine della dittatura militare di Augusto Pinochet. Da poco più di una settimana una ribellione popolare di massa, detonata con l’ennesimo aumento delle tariffe della metropolitana nella capitale Santiago, sta esprimendo il malessere e la disperazione di un paese che,… »

21.10.2019

Cile: gli Umanisti e il momento attuale

Cile: gli Umanisti e il momento attuale

Amiche e amici, È difficile sintetizzare quello che stiamo vivendo, ma nel tentativo di trasmettere il nostro punto di vista, vi racconto alcune cose. Credo che stiamo assistendo a qualcosa che l’Umanesimo ha annunciato già da molto tempo: un’esplosione sociale, risultato di un sistema assolutamente violento, disumano, che sta schiacciando,… »

19.10.2019

Con il popolo curdo del Rojava

Con il popolo curdo del Rojava

L’impegno a costruire occasioni di informazione, di sensibilizzazione, di movimento per solidarizzare con il popolo curdo del Rojava attaccato dalla Turchia di Erdogan costituisce oggi una priorità assoluta. Perché il “sultano” Erdogan ha avviato una guerra in violazione delle più elementari norme di diritto internazionale, intende imporre il proprio dominio… »

19.10.2019

Dominica ratifica il Trattato di Proibizione delle armi nucleari

Dominica ratifica il Trattato di Proibizione delle armi nucleari

Il piccolo stato caraibico della Dominica è il 33° stato a firmare e ratificare il Trattato di Proibizione delle Armi nucleari. E’ successo ieri, 18 Ottobre, in una breve cerimonia presso le Nazioni Unite a New York, poco prima che ICAN consegnasse la sua dichiarazione al Primo Comitato dell’Assemblea Generale delle… »

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 13.11.19

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.