Il martirio di Assange: non se ne intravede la fine.

17.01.2019 - Pressenza Berlin

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo, Francese, Tedesco, Catalano, Greco

Il martirio di Assange: non se ne intravede la fine.

Sono passati quasi 7 anni da quando Julian Assange ha trovato asilo presso l’ambasciata ecuadoriana a Londra per sfuggire all’estradizione da parte delle autorità britanniche. Se esce da quella porta, viene immediatamente arrestato e molto probabilmente estradato negli USA, dove rischia una lunga pena detentiva o peggio.

Per anni, il rivelatore di informazioni segrete è stato segregato nella piccola ambasciata di Londra, e da quando Lenín Moreno è presidente dell’Ecuador, la sua situazione è peggiorata. In condizioni di isolamento, non ha più contatti con il mondo esterno, tranne che con i suoi avvocati; il suo stato di salute si deteriora rapidamente e gli vengono negate le cure mediche necessarie. A questo si aggiungono le molestie quotidiane, che dovrebbero rendere la vita un inferno per il fondatore di WikiLeaks.

In un’intervista con Jorge Jurado(1), ex ambasciatore dell’Ecuador a Berlino, abbiamo parlato della situazione di Assange e del perché l’Ecuador, suo ex salvatore, è diventato il più grande tormentatore di Assange.

Questa intervista è stata realizzata in collaborazione con il nostro partner Weltnetz.tv.

(1) Jorge Jurado è stato ambasciatore della Repubblica dell’Ecuador a Berlino dal 2011 al 2016. In precedenza, è stato Ministro delle Acque, Segretario di Stato per le Miniere e Direttore degli Affari Ambientali del Comune di Quito. Fino al 2004, Jorge Jurado è stato professore all’Università San Francisco a Quito e alla Facoltà latinoamericana di scienze sociali su varie questioni ambientali. Ha studiato tecnologia energetica e ingegneria dei processi all’Università Tecnica di Berlino.

 

TRASCRIZIONE DAL VIDEO:

Reto Thumiger: Oggi diamo il benvenuto a Jorge Jurado di Quito, Ecuador, per un’intervista. Permettetemi di presentarvelo brevemente: tu sei stato ambasciatore della Repubblica dell’Ecuador a Berlino dal 2011 al 2016. In precedenza, sei stato Ministro delle Acque, Segretario di Stato per le Miniere e Direttore degli Affari Ambientali del Comune di Quito. Fino al 2004 sei stato professore all’Università San Francisco a Quito e alla Facoltà di Scienze Sociali dell’America Latina su varie questioni ambientali. Il tuo rapporto con la Germania e il tuo tedesco così perfetto vengono dall’aver studiato tecnologia energetica e ingegneria di processo all’Università Tecnica di Berlino.

Jorge Jurado: Sì, è andata così, molto tempo fa.

Durante i tuoi 5 anni come ambasciatore dell’Ecuador a Berlino, hai lasciato un’impressione duratura, molte persone ti mancano, hanno fatto amicizia e spiegato instancabilmente lo sviluppo del progressismo in Ecuador. Da allora, l’Ecuador ha avuto un nuovo presidente. Che altro è cambiato?

Caro Reto, grazie mille per questa intervista. Sono felice di avere di nuovo contatti con Berlino. Per rispondere alla tua domanda, temo che molte cose siano cambiate. Quello che abbiamo avuto fino al 2017, e perseguito come obiettivo essendo uno dei paesi progressisti dell’America Latina, è cambiato. C’è un’inversione di marcia completa e gli obiettivi e i sogni che avevamo allora non vengono perseguiti ora. Penso che ci stiamo dirigendo verso una forma assai neoliberista di economia e di governo, con tutto ciò che questo significa. I cambiamenti che hanno avuto luogo in questo primo anno e mezzo sono così grandi, che non sono più capace di riconoscere il mio paese e i progressi che avevamo raggiunto.

E’ questo il contesto in cui comprendere perché l’Ecuador è uscito dall’ALBA (Alleanza Bolivariana per le Americhe)?

Sì, certo, fa parte di quel contesto. In primo luogo, va detto che con le difficoltà economiche che il Venezuela sta attraversando, l’impulso che ALBA aveva avuto è diminuito in modo molto importante. Inoltre, anche altri paesi membri dell’ALBA stanno attraversando grandi difficoltà, per esempio il Nicaragua. L’Ecuador è uscito dal Patto l’anno scorso, se ben ricordo. Con la nuova direzione neoliberista, l’ALBA semplicemente non ha più senso per l’Ecuador, perciò il governo ha preso quella decisione.

L’esempio del governo argentino di Macri dimostra che ci vogliono solo pochi anni per invertire il grande progresso che era stato costruito durante i vari periodi di governo Kirchner…

Stiamo sperimentando esattamente lo stesso ora…

Questo è in linea con la tendenza generale che stiamo vedendo in America Latina, seguita da Brasile, Cile e altri paesi?

Sì, è una tendenza in Sud America e dico Sud America perché vedo López Obrador in Messico con grande speranza. Per questo non intendo tutta l’America Latina, ma il Sud America. La tendenza in Sud America di cui tu hai parlato è una tendenza di destra.

Questa tendenza è una questione importante, che naturalmente ci preoccupa molto. Il motivo per chiederti questa intervista era diverso, ma queste informazioni di fondo sono importanti. Siamo molto preoccupati per la situazione di Julian Assange. Con il nuovo governo dell’Ecuador, anche per lui sono cambiate molte cose. Come vedi la sua situazione presso l’ambasciata ecuadoriana a Londra?

Purtroppo, Assange deve adattarsi ad una situazione assolutamente nuova. L’Ecuador ha formalmente dichiarato che Assange può rimanere nell’ambasciata e godere del diritto d’asilo, ma a determinate condizioni. Queste condizioni sono cambiate molto, si sono inasprite. Ecco perché penso che la situazione personale di Julián Assange presso l’ambasciata ecuadoriana a Londra sia diventata molto spiacevole, perché non può più godere delle piccole libertà che aveva. Probabilmente cercano di costringere Assange a decidere lui stesso di lasciare l’ambasciata. Se uno non può più uscire all’aria aperta per qualche minuto e deve rimanere sempre in una stanza molto piccola, allora sicuramente vogliono colpirlo internamente e distruggerlo.

Sulla base delle mie informazioni, ora egli è completamente isolato, può ricevere solo pochi visitatori o anche nessuno, non ha più accesso a Internet. Pare che non stia ricevendo l’assistenza medica di cui ha bisogno. Rafael Correa, ex presidente dell’Ecuador, definisce “tortura” le condizioni di vita in cui Julian Assange vive attualmente.

Di sicuro sono condizioni di vita molto difficili per lui, sì.

Assange ha la cittadinanza ecuadoriana, può Lenín Moreno buttarlo sulla strada?

Formalmente, no. No, non può farlo. Prima di tutto è un cittadino ecuadoriano e nessun cittadino ecuadoriano può essere espulso dalla propria ambasciata. In secondo luogo, Assange ha asilo dal governo ecuadoriano e metterlo sulla strada significherebbe una rottura assoluta con gli standard internazionali, con le usanze internazionali, soprattutto qui in America Latina, dove riconosciamo il diritto di asilo come uno dei beni più alti che abbiamo raggiunto. Ecco perché penso che l’attuale governo ecuadoriano ci penserebbe molto attentamente prima di fare questo passo.

Ed è per questo che la tattica è quella di rendergli la vita così difficile da decidere lui stesso di partire?

Possiamo ragionarci. Sì, potrebbe essere una delle ragioni.

Julián Assange è un problema in Ecuador, se ne discute, o è eclissato dagli attuali problemi dell’Ecuador e dell’America Latina?

Di tanto in tanto la questione Assange viene sollevata, ma deve essere vista nel contesto: quello dei cambiamenti che purtroppo abbiamo sperimentato con il nuovo governo, che non è più così nuovo dato che è al potere da un anno e mezzo o poco più. Tutto il flusso di informazioni dalla stampa commerciale, dalla stampa egemonica, insegue i favori del governo e alcune informazioni semplicemente non vengono pubblicate. La stampa ufficiale del paese esercita una sorta di autocensura, e quindi qui non viene pubblicato quello che succede ad Assange, o che in molti paesi ci sono diversi movimenti che sostengono Assange. La popolazione è molto poco informata, non ha molto accesso ai fatti e il più delle volte le notizie circolano solo tramite i diversi social network. Ma di tanto in tanto Assange appare sui social network. Questo non è sufficiente per la popolazione del paese per vederlo come un problema. Abbiamo in Ecuador, a causa della situazione storica della società, abbiamo problemi strutturali che ci occupano costantemente e tale argomento non è qualcosa che viene discusso ogni giorno. In alcuni ambienti la questione di Assange è già stata affrontata, ma è una minoranza assoluta.

La pressione sull’Ecuador da parte degli USA è aumentata, o la volontà dell’attuale governo di resistere a quella pressione è diminuita rispetto a quella del governo precedente?

È difficile saperlo. Formalmente, la situazione non è cambiata. Ci sono molte voci che, dopo la visita del Vice Presidente Pence in Ecuador pochi mesi fa, la pressione degli USA perché revochino l’asilo ad Assange è molto forte. Questo non è, naturalmente, oggetto di informazione ufficiale, nessun membro del governo o dell’ambasciata USA ammette nulla di simile. Ma dopo quella visita, le condizioni di asilo per Assange sono molto cambiate, in peggio.

Se ho capito bene, non c’è pressione all’interno dell’Ecuador su Moreno per trattare meglio Assange o per trovare una soluzione umana al problema, allora in realtà solo la pressione internazionale può aiutare. Cosa può fare la società civile tedesca per sostenere Assange?

Non solo in Germania, penso che sia molto importante esercitare una pressione molto forte, duratura e quotidiana. Solidarietà internazionale con questa persona che ora si trova in una situazione molto difficile. In Germania c’è la possibilità di fare molto per lui. Far pressione sui politici tedeschi perché anche loro premano per un certo cambiamento, in modo che il governo britannico prenda una strada diversa. La pressione internazionale deve essere molto più forte. Da qui ho l’impressione che la situazione di Assange non sia un argomento quotidiano, ma lui la subisce ogni giorno. Non vedo altro modo se non quello di aumentare la pressione della solidarietà internazionale e di continuare a espandere le campagne il più possibile.

Con la tua esperienza di diplomatico, quale potrebbe essere una soluzione? Uno non può rimanere in un’ambasciata per sempre, indipendentemente da come è trattato. Il governo britannico è determinato ad arrestarlo quando lascia l’ambasciata. Ufficialmente negano di volerlo estradare, ma è presumibile che ciò avverrà non appena gli statunitensi emetteranno un mandato d’arresto internazionale. Come possiamo risolvere questa situazione di stallo diplomatico?

Non vedo molte opportunità. A meno che non ci sia un cambio di governo in Gran Bretagna. Ma con l’attuale governo della signora May non cambierà nulla. La pressione dell’Ecuador per continuare a negoziare è diminuita molto, molto. Forse se la discussione del Brexit nel Parlamento britannico porterà a un cambiamento nel governo britannico e Jeremy Corbyn salirà al potere, si aprirebbe una finestra per un’uscita, una via onorevole per uscire da questo punto morto.

Infine mi interesserebbe sapere, Jorge, se tu fossi ancora ambasciatore dell’Ecuador a Berlino, come ti comporteresti, quanto spazio di manovra ha un ambasciatore?

Mi hai fatto una domanda molto difficile perché non vorrei mai essere ambasciatore in questa situazione. Un ambasciatore ha un certo margine di manovra, ma, naturalmente, è obbligato a seguire le linee guida del governo e io mi troverei immediatamente in conflitto con le mie idee sul governo attuale. Beh, è difficile dire qualcosa a riguardo. Ma questi piccoli margini potrebbero forse essere utilizzati in modo intelligente, almeno fino a un certo limite.

Oppure potresti essere rimosso come ambasciatore o, come dite voi, dimetterti perché non è più d’accordo con il governo.

Esatto.

Grazie mille per questa interessante conversazione e spero che non sia l’unica. Ci sono ancora molte altre questioni, che cosa sta succedendo in Ecuador e in America Latina, di cui possiamo parlare e ci piacerebbe molto farlo un’altra volta.

Sono lieto di essere a disposizione e vi ringrazio per questa opportunità di parlare con voi e con Berlino. Grazie mille.

 

Traduzione dalla trascrizione spagnola, a cura di Leopoldo Salmaso

 

Categorie: Cultura e Media, Diritti Umani, Europa, Internazionale, Interviste, Politica, Video
Tags: , , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.