Erdogan

Turchia, repressione ai tempi del virus e la puzza di un nuovo colpo di Stato

In Turchia, sin dai primi giorni dell’emergenza sanitaria, il governo centrale ha alzato l’asticella della repressione portando avanti una vera crociata contro le opposizioni e non solo. Ankara sembra che abbia deciso di sfruttare la pandemia per i proprio scopi…

Stampa, giornata mondiale della libertà che non c’è

Il 3 maggio è la Giornata mondiale della libertà di stampa, proclamata dall’assemblea generale delle Nazioni Unite il 3 maggio 1993 (ormai 27 anni fa!) seguendo una raccomandazione della Conferenza Generale dell’Unesco, la data fu scelta perché due anni prima…

Profughi di Afrin: accordi segreti tra Putin e Erdogan?

Voci, al momento non verificate, ipotizzano il trasferimento forzato dei profughi di Afrin. Circa due anni fa, diverse centinaia di migliaia di persone provenienti dalla regione di Afrin sono fuggite nella regione di Shahbah a nord di Aleppo, nella Siria…

Il conflitto mediorientale e l’ipocrisia occidentale in profonda crisi di valori

Un conflitto, quello mediorientale, che dura ormai da decenni e che si trova di fronte a un bivio: trasformarsi da conflitto per procura a scontro diretto di guerra, il quale vedrebbe affrontarsi in prima linea e in modo aperto, non solo Arabia Saudita e Iran, ma anche i loro alleati occidentali, oppure, trovare una via di risoluzione in una progressiva de-escalation della tensione.

In 20.000 per le strade di Roma, per dire no alla paura, no alla sporca guerra di Erdoğan in Siria del Nord

Ricordati gli enormi interessi economici che Italia e Europa intrattengono con Erdogan, pagato oltre 6 miliardi d’euro per respingere centinaia di migliaia di persone che scappano dalle guerre, armate con armi prodotte in occidente: guerre come quella che l’esercito turco ha mosso in queste settimane al popolo curdo in Rojava.

Migliaia a Milano per il Rojava

Nel pomeriggio di sabato 26 ottobre, oltre cinquemila persone (molti i/le giovani) hanno attraversato Milano per manifestare la propria solidarietà con la popolazione curda in Rojava, vessata dalla guerra che l’esercito turco sta ingaggiando per sopprimere la rivoluzione. Si estende e…

Difficile non odiarvi

Devo confessarlo, l’attacco di Erdogan ai Curdi ha scatenato in me sentimenti negativi che mi hanno portato a produrre pensieri altrettanto feroci. Con un rigurgito inarrestabile ho provato profondo disprezzo per l’indifferenza e per l’ignoranza italiota. Ho visto ad occhio…

Ministri, generali e ammiragli italiani alla corte del sultano Erdogan

Non sono solo gli elicotteri da guerra di Leonardo-Finmeccanica e le batterie anti-missile SAMP-T dell’Esercito schierate ai confini con la Siria a documentare la solidità della partnership strategico-militare tra l’Italia e la Turchia. Nonostante la svolta reazionaria del regime dopo…

Cessate il fuoco! No alla guerra. Salviamo le vittime

l’Onu intervenga con forze di interposizione e no-flyzone; l’UE sospenda gli accordi con la Turchia di Erdogan. Siamo dalla parte delle vittime, sempre, per aiutare, curare, accogliere, salvare vite. La Turchia ha aggredito, oggi è il carnefice da fermare. Nè…

Pescara in piazza contro la guerra di Erdogan

In contemporanea con molte altre città italiane anche Pescara mostra la sua vicinanza al popolo curdo che, dal 9 ottobre scorso, è stato preso sotto attacco dalla Turchia di Erdogan. Sabato 12 e domenica 13, dalle 10 fino alle 18,…

1 2 3 4 10