La guerra dentro. I soldati e la morte dell’anima

07.12.2014 - Damiano Mazzotti

La guerra dentro. I soldati e la morte dell’anima
Foto tratta da Facebook

Barbara Schiavulli è una giornalista freelance che ha scelto il mestiere più difficile di questo mondo: raccontare la guerra e le innumerevoli emozioni di chi lotta in mezzo alla polvere e al fango, e di fronte alla paura del fuoco nemico e del fuoco amico.

 

“La guerra dentro” (Youcanprint, 2013, 139 pagine, euro 12) è un libro che riunisce le interviste a dieci soldati italiani che hanno partecipato alle missioni all’estero: un artificiere; un artigliere che è stato ferito nel centro di Herat; un generale dei paracadutisti della Folgore; un soldato anonimo delle forze speciali (non ha rivelato il nome per motivi di segretezza); un alpino (per la precisione un rallista che aziona la mitragliatrice nei mezzi corazzati Lince); un generale e chirurgo plurispecialista del Policlinico Militare Celio; un comandante sommergibilista coinvolto nelle operazioni contro la pirateria; un tiratore scelto (cioè un cecchino); un pilota di Mangusta (un elicottero); una psicologa (sono 60 gli psicologi che si occupano dei 106 mila soldati italiani).

Negli ultimi dieci anni sono decine di migliaia i soldati italiani che hanno operato nelle peggiori aree di crisi del mondo. Ogni anno ci sono circa novemila uomini e donne attivi nelle missioni all’estero e dal 2001 ci sono stati più di 90 morti e alcune “centinaia di feriti di cui non si parla mai. Feriti nel corpo e nell’anima”. Dal 2001 gli americani hanno evacuato e trasportato più di 150.000 feriti dall’Iraq e dall’Afghanistan. Dal 2012 i soldati americani morti suicidi hanno superato quelli morti in guerra. Nel 2012 ci sono stati 349 suicidi e 311 morti in combattimento, nel 2013 si sono registrati 475 suicidi e 127 morti in guerra. La morte dell’anima è diventata la loro prima causa di morte e molti altri muoiono in incidenti stradali o colpiti dai colleghi (il cosiddetto fuoco amico).

In dieci anni di battaglie in Iraq e in Afghanistan gli Stati Uniti hanno impiegato due milioni di soldati “e a 250 mila veterani è stata diagnosticata la PTSD, la sindrome da stress post traumatico.  Negli ultimi due anni, 5000 veterani hanno tentato di suicidarsi una volta tornati a casa… Molti sono stati arrestati per atti di violenza. Molti hanno ucciso mogli e fidanzate, a volte nel sonno. Molti sono caduti nell’incubo della droga e ancora di più si sono dati all’alcool” e alle pillole.

In Iraq e in Afghanistan ci sono stati meno morti rispetto alle guerre precedenti, ma ci sono stati più feriti, colpiti soprattutto al cervello e agli arti. Oggigiorno, grazie all’ottima organizzazione dei soccorsi, un soldato non muore quasi dissanguato, ma chi sopravvive all’amputazione di uno o più arti, deve imparare a vivere una vita più o meno difficile. Ai tempi del Vietnam un ferito ci metteva 45 giorni per arrivare negli Stati Uniti dal campo di battaglia, “ora la media dall’Iraq alla Germania è di 18 ore, interventi compresi, a cui si devono aggiungere due giorni per arrivare” in America.

Naturalmente i giubbotti antiproiettile si sono evoluti e funzionano molto bene. Gli americani hanno calcolato sedici feriti per ogni soldato morto in Iraq e in Afghanistan, mentre “in Vietnam la media era di un morto ogni due feriti. Oggi è più facile che un soldato salti in aria o che venga colpito dall’onda d’urto di un’esplosione piuttosto che da un proiettile” (p. 86). Per questo motivo servono elmetti con buone imbottiture e nuovi mutandoni protettivi (sperimentati dagli inglesi).

In ultimi analisi si tratta di un libro che riesce a raccontare le particolari emozioni della vita militare e della guerra, dal punto di vista dei soldati. Però gli episodi di guerra narrati sono molto limitati, poiché i militari italiani hanno quasi sempre presidiato le regioni meno pericolose e si sono trovati poche volte in prima linea, rispetto ai più agguerriti e indottrinati colleghi inglesi e americani.

 

Barbara Schiavulli collabora da oltre quindici anni con molte testate e ha seguito la seconda Intifada, e molti conflitti armati nel mondo, soprattutto in Iraq, in Afghanistan e in Kashmir (territorio conteso situato al confine tra India, Pakistan e Cina).

Per contattarla potete utilizzare LinkedIn. Per approfondimenti personalizzati:

http://barbaraschiavulli.squarespace.com/militari

http://www.valigiablu.it/freelance-italiani-di-guerra-la-testimonianza-di-barbara-schiavulli

www.gliocchidellaguerra.it (sezione Europistan, viaggio nell’Europa islamica)

Categorie: Cultura e Media, Opinioni, Pace e Disarmo
Tags: , , , , , , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 09.12.19

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.