Festa del Cinema di Roma. “438 Days”, una storia vera sul coraggio d’informare

29.10.2019 - Bruna Alasia

Festa del Cinema di Roma. “438 Days”, una storia vera sul coraggio d’informare

Portata sullo schermo con maestria dal regista svedese Jesper Ganslandt, “438 Days è la vicenda realmente accaduta e testimoniata dai protagonisti in un libro che ha lo stesso titolo. Racconta dei giornalisti Martin Schibbye e Johan Persson, che la sera del 28 giugno 2011 superarono il confine tra Somalia ed Etiopia, per indagare sui sanguinosi costi che le faide di una caccia al petrolio facevano pagare alla popolazione della regione dell’Ogaden. L’inchiesta avrebbe chiarito gli affari ignoti della Lundin Oil, una multinazionale petrolifera svedese e i suoi legami con Carl Bildt, già membro del cda ed ex primo ministro della Svezia. Cinque giorni dopo Martin Schibbye e Johan Persson furono catturati dai miliziani dell’esercito etiope che gli spararono malgrado fossero disarmati. Il regime dell’allora premier dell’Etiopia Meles Zenawi aveva deciso di trasformare il caso dei due reporter in un atto di forza, un avvertimento contro la libertà di pensiero e di stampa. Da qui una serie ininterrotta d’intimidazioni e la condanna a vent’anni di carcere con l’accusa falsa di terrorismo.

Il film segue la prigionia dei due cronisti fino all’esito complesso e inaspettato. “438 Days” coinvolge grazie alla bravura di Gustaf Skarsgård, nel ruolo di Schibbye, e Matias Varela, in quello di Persson, ed è diretto con ritmo e suspense da Jesper Gansland, che sul suo film ci dice: “Vedo questa storia come un mosaico di punti di vista sulla libertà di parola e di stampa. Sulla realtà dell’essere arrestati per aver indagato sulle persone al potere e sulle aziende che operano sotto l’egida di un regime oppressivo. E ovviamente sui protagonisti della storia (…) Quando sono arrestati con l’accusa di terrorismo, vengono presto a sapere che in Etiopia molte persone sono arrestate per aver parlato contro il governo o solo perché sono giornalisti. Quando i due escono di prigione, sono diventati essi stessi una storia. Questo porta a una certa consapevolezza della situazione dei giornalisti incarcerati nel mondo. È una conseguenza inattesa e notevole della loro indagine fallita sugli affari della Lundin Oil in Ogaden”.

438 dagar, di Jesper Ganslandt

Interpreti: Gustaf Skarsgård, Matias Varela, Faysal Ahmed, Nat Ramabulana, Fredrik Evers, Josefin Neldén

Sceneggiatura:  Peter Birro (dal libro omonimo di  Martin Schibbye e Johan Persson)

Fotografia: Sophia Olsson

Montaggio: Hanna Lejonqvist

Scenografia:  Fred Du Preez

Costumi: Clinton Booyse

Musica: Jon Ekstrand

Suono:  Andreas Franck, Fredrik Dalenfjäll

Produttore:  Sandra Harms, Karl Fredrik Ulfung

Co-produttore:  Anna Croneman, Peter Possne

Produzione: Miso Film Sweden

Co-produzione: Sveriges Television, Film i Väst

Distribuzione internazionale: SF Studios

 

Categorie: Africa, Cultura e Media, Europa, Opinioni
Tags: , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.