Intervista al Dr. Ira Helfand di IPPNW

12.08.2019 - Tony Robinson

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo, Francese

Intervista al Dr. Ira Helfand di IPPNW

Il 6 giugno abbiamo presentato in anteprima su Pressenza il nostro ultimo documentario, “L’inizio della fine delle armi nucleari”. Per questo film abbiamo intervistato 14 persone, tutti esperti nei loro campi, che hanno saputo darci un’idea della storia e del processo che ha portato al Trattato sulla proibizione delle armi nucleari, e degli attuali sforzi per stigmatizzarle e trasformare il divieto in eliminazione. Nell’ambito del nostro impegno a mettere queste informazioni a disposizione di tutti, pubblichiamo le versioni complete di queste interviste, insieme alle loro trascrizioni, nella speranza che queste informazioni possano essere utili ai futuri registi, attivisti e storici che desiderino ascoltare le potenti testimonianze registrate nelle nostre interviste.

Questa intervista è stata realizzata il 24 settembre 2018 con il Dr. Ira Helfand, di Medici Internazionali per la Prevenzione della Guerra Nucleare, nella sua casa nel Massachusetts.

Domande: Tony Robinson, Cameraman: Álvaro Orús.

Trascrizione
Mi chiamo Ira Helfand, sono membro del gruppo direttivo internazionale dell’ICAN, sono uno dei copresidenti di Medici Internazionali per la Prevenzione della Guerra Nucleare (IPPNW), socio fondatore dell’ICAN e sono anche un ex presidente di Medici per la Responsabilità Sociale (PSR), che è l’affiliato statunitense di Medici Internazionali per la Prevenzione della Guerra Nucleare.

Da quanto tempo è coinvolto nell’attivismo antinucleare?
Finora, da 40 anni. Ho iniziato a lavorare su questo argomento nella primavera del 1978. Abbiamo iniziato la versione moderna di PSR nell’estate del 1978, appena 40 anni fa, e da allora ci sto lavorando.

Cosa ti ha portato all’attivismo antinucleare?
Come gruppo eravamo molto preoccupati per la minaccia alla salute pubblica rappresentata dall’energia nucleare, e sentivamo che era una cosa che i medici avevano la responsabilità di affrontare, ma ben presto ci siamo resi conto della maggiore minaccia rappresentata dalle armi nucleari. E in generale penso che ci ha spinto l’idea che le armi nucleari rappresentano la più grande minaccia per la salute pubblica nella storia del mondo, e che come medici abbiamo la responsabilità di affrontare questo problema. Perché tutto ciò che facciamo per i nostri pazienti nel corso della nostra pratica quotidiana sarà vano se il mondo esplode in una guerra nucleare, e questa è stata la motivazione che ci ha guidato negli anni a lavorare su questo tema.

Quali sono le prove descritte in “Carestia nucleare: 2 miliardi di persone a rischio”?

Beh, sapete, durante la guerra fredda pensavamo che l’unica vera minaccia per il mondo nel suo complesso fosse una guerra su vasta scala tra gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica, e ciò che abbiamo imparato negli ultimi anni è che anche una guerra nucleare molto più limitata, che potrebbe coinvolgere altre potenze nucleari come l’India e il Pakistan, sarebbe di fatto una minaccia per il mondo intero.

Lo scenario che abbiamo analizzato esamina le conseguenze di una guerra limitata tra India e Pakistan, in cui ognuno di questi paesi usa 50 bombe come quella di Hiroshima contro obiettivi urbani nell’altro paese, e cioè una piccola frazione del suo arsenale totale e una piccola frazione dell’arsenale globale.

Le conseguenze dirette di questo tipo di conflitti sono veramente catastrofiche. In diversi studi che sono stati condotti, si stima che fino a 20 milioni di persone moriranno nella prima settimana a causa di incendi ed esplosioni e degli effetti delle radiazioni a breve termine, ma le conseguenze globali sono dovute all’alterazione del clima. Un centinaio di bombe delle dimensioni di Hiroshima che esplodono in più di cento città causano 100 tempeste di fuoco, e trasportano circa cinque milioni e mezzo di tonnellate di fuliggine nell’atmosfera superiore, che blocca il Sole, si raffredda il pianeta, si asciuga il pianeta perché evapora meno acqua dall’oceano, quando l’aria si raffredda, per ritornare sotto forma di pioggia, si accorcia la stagione di crescita e, a causa di altri effetti, si espone il pianeta a livelli più elevati di radiazioni ultraviolette. Come risultato di tutti questi effetti climatici, c’è un effetto significativo sull’agricoltura, sulla produzione alimentare in tutto il mondo, non solo in Asia meridionale, ma anche in Africa, America Latina, Europa, Nord America, e come conseguenza di questa interruzione della produzione alimentare, crediamo che questa guerra limitata in Asia meridionale scatenerebbe una carestia a livello mondiale che metterebbe a rischio di carestia due miliardi di persone.

Non conosciamo il numero esatto di persone che morirebbero, ma ci sono buone ragioni per credere che fino a due miliardi di persone sarebbero a rischio. Questo è un evento senza precedenti nella storia dell’umanità; la morte di 2 miliardi di persone non sarebbe l’estinzione della nostra specie se dovesse accadere, ma sarebbe la fine della civiltà come la conosciamo, e nessuna civiltà nella storia ha mai sopportato uno shock di questa portata, e non c’è motivo di pensare che il complesso e intricato sistema economico interconnesso da cui tutti noi dipendiamo sopravvivrà a tali perturbazioni.

Queste informazioni sono mai state discusse in forum internazionali?

Voglio dire, in questo senso, nessuno ha davvero messo in discussione questi risultati. Noi stessi diciamo che sono preliminari. La scienza del clima, credo, è molto solida. L’effetto che questo tipo di guerra avrebbe sulla temperatura, le precipitazioni, ecc. è stato esaminato da diversi modelli climatici. Hanno tutti gli stessi risultati. L’impatto sulla produzione alimentare: i dati sono più scarsi, e lo abbiamo detto fin dall’inizio. Abbiamo cercato di convincere i governi di tutto il mondo a prendere sul serio questa minaccia e a fare studi più solidi per confermare o eventualmente confutare i dati che abbiamo generato sulla produzione alimentare e, al momento, c’è un gruppo di scienziati organizzato da Alan Robock, che è uno degli scienziati del clima che ha fatto la ricerca originale con i suoi colleghi sugli effetti del clima. Alan ha messo insieme un team che studierà l’effetto sulla produzione alimentare in modo molto più dettagliato. Speriamo quindi di avere tra qualche anno dei dati più solidi, ma in questa fase sono gli unici dati esistenti e sono di dominio pubblico da sei anni. Nessuno li ha seriamente messi in discussione, quindi credo che a questo punto dobbiamo procedere sulla base di questi dati. Si tratta delle migliori informazioni disponibili e quando si scopre che un farmaco che è stato immesso sul mercato sembra avere conseguenze terribili, anche se i dati sono preliminari, lo si ritira fino a quando non è possibile studiarlo più da vicino. E dobbiamo sbarazzarci delle armi fino a essere sicuri che non accada, e comunque, questo è il caso della guerra nucleare più limitata.

Una guerra nucleare su larga scala tra Stati Uniti e Russia, che è una possibilità molto reale, avrebbe, come sappiamo, conseguenze molto più catastrofiche, e su questo non vi è sostanzialmente alcun disaccordo nella comunità scientifica.

Una guerra tra gli Stati Uniti e la Russia che coinvolgesse solo le armi che sono pronte ora, che sono disponibili per l’uso in breve tempo nel corso di una guerra, quella guerra metterebbe abbastanza fuliggine nell’atmosfera superiore da creare una nuova era glaciale. Succederebbe nel giro di pochi giorni, durerebbe un decennio o più, e questo fermerebbe la maggior parte della produzione alimentare del pianeta. In queste condizioni, credo che nessuno potrebbe obiettare che la stragrande maggioranza della razza umana morirebbe di fame e che potremmo estinguerci come specie.

Sapete, penso che alcune di queste informazioni sull’impatto umanitario della guerra nucleare siano una verità profondamente scomoda per i nove Stati che vogliono mantenere i loro arsenali nucleari. Non gli piace parlarne e, infatti, la conferenza di Oslo del 2013 è stata la prima volta che si è tenuta una conferenza internazionale a livello governativo per discutere di ciò che accade effettivamente se si usano le armi. Prima di allora, la conversazione sulla guerra nucleare era formulata in termini molto astratti, una sorta di teoria dei giochi. Se noi abbiamo queste armi e loro avranno quelle armi, ci scoraggeremo a vicenda, e così via, e nessuno ha voluto parlare di ciò che succede se le armi vengono effettivamente utilizzate, perché l’unica conclusione che si può trarre, se si guardano questi dati, è che quelle armi sono troppo pericolose per esistere. Gli Stati dotati di armi nucleari hanno cercato di mantenere il mito che esse esistono solo per scoraggiare l’uso di armi simili da parte di altri paesi, che non saranno mai usate deliberatamente.

Prima di tutto, sappiamo che non è vero. Gli Stati dotati di armi nucleari, in particolare gli Stati Uniti, in passato hanno utilizzato armi nucleari e hanno spesso minacciato di utilizzarle nuovamente, anche contro Stati non dotati di armi nucleari. Sono quindi considerate dai militari, almeno negli Stati Uniti e apparentemente anche negli altri Stati dotati di armi nucleari, non solo come un deterrente, ma anche come strumenti di combattimento, cioè come armi che possono essere utilizzate in vari scenari. Questa verità deve essere sottolineata. Dobbiamo capire che queste armi non esistono semplicemente per dissuadere dal loro uso, ma per essere utilizzate. Ma al di là di questo, anche se si presume falsamente che esistessero solo per impedirne l’uso, non ci riescono molto.

Sappiamo di almeno sei occasioni in cui il mondo è arrivato a pochi minuti da una guerra nucleare perché la deterrenza è fallita, perché l’uno o l’altro Stato dotato di armi nucleari, di solito gli Stati Uniti o la Russia, credeva di essere sotto attacco e di fatto ha iniziato il processo di lancio delle proprie armi nucleari, per poi fermarsi all’ultimo minuto quando l’errore è stato scoperto. Sappiamo che è successo sei volte. Questa è una situazione estremamente pericolosa. [Ci siamo dentro.]

Sapete, siamo stati incredibilmente fortunati. Robert McNamara ha detto dopo la crisi missilistica cubana: “Abbiamo avuto molta fortuna”. È stata la fortuna a impedire la guerra nucleare e, in sostanza, la politica di mantenimento di tali armi, che è la politica dei nove Stati dotati di armi nucleari, è solo una speranza che la fortuna continuerà, e questa non è una politica accettabile.

Quali sono le possibili implicazioni di una detonazione nucleare in prossimità di una centrale nucleare?

Beh, sapete, negli ultimi anni abbiamo avuto la tendenza a concentrarci molto di più sugli effetti del clima perché sono molto più grandi. Voglio dire, è il cambiamento climatico che ucciderà la civiltà, ma è molto appropriato preoccuparsi anche degli effetti delle radiazioni e dell’incredibile aumento della minaccia radioattiva posta dall’esistenza di centrali nucleari. Questa è una delle principali preoccupazioni durante i giorni molto tesi di quest’anno in Corea.

Ci sono circa 50 reattori nucleari, se non sbaglio, in Giappone e penso che ce ne siano 22 in Corea del Sud e, in caso di guerra in quella parte del mondo, molti, se non tutti, potrebbero subire fusioni catastrofiche con il rilascio di enormi quantità di radioattività e, a livello locale, in Corea e Giappone, questo sarebbe forse l’effetto dominante. Milioni di persone sarebbero esposte a dosi letali di radiazioni e decine di milioni di persone sarebbero esposte a dosi di radiazioni che le metterebbero a maggior rischio di cancro se sopravvivessero all’immediato dopoguerra.

Si tratta quindi di un problema enorme che di solito viene completamente ignorato.

Qual è l’importanza del Trattato di proibizione e quale sarà il suo impatto?

Beh, il trattato di divieto, a mio avviso, è un enorme passo avanti. È una dichiarazione dell’intera comunità mondiale che queste armi sono troppo pericolose per esistere e devono essere eliminate, qui non si parla più di controllo o di riduzione delle armi, si parla dell’assoluta necessità di eliminare completamente questo tipo di armi, e quando il trattato sarà ratificato dai 50 paesi richiesti ed entrerà in vigore, farà parte del diritto internazionale.

È chiaro che nessuno dei nove Stati dotati di armi nucleari fa parte di questo processo. Lo abbiamo capito fin dall’inizio dei negoziati, ma nonostante ciò, credo che questo trattato eserciterà una forte pressione su di loro affinché si muovano nella direzione necessaria per eliminare i loro arsenali. Creerà una nuova norma sulle armi nucleari. Le stigmatizzerà, il che è un passo fondamentale perché i paesi accettino di abbandonarle, e il fatto che sta esercitando pressioni su di loro, credo, si rifletta chiaramente nella ferocia con cui gli Stati dotati di armi nucleari si sono opposti a questo trattato.

Se non sentissero che gli si sta facendo pressione per cambiare la loro politica, non gli importerebbe, ma lo sentono profondamente e hanno lavorato molto duramente per cercare di fermare questo trattato. Per noi, quindi, il compito ora è quello di determinare come utilizzare il trattato nel modo più efficace possibile per esercitare pressioni sugli Stati dotati di armi nucleari. Penso che questo comporterà lavorare soprattutto negli “Stati ombrello” – i paesi che hanno alleanze nucleari principalmente con gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e la Francia – per far aderire anche loro a questo processo e isolare ulteriormente i paesi che dispongono di armi nucleari. E dobbiamo iniziare a concentrarci sull’attività politica anche all’interno degli Stati dotati di armi nucleari. Così, per esempio, qui negli Stati Uniti, abbiamo lanciato a livello nazionale una campagna chiamata “Back from the Edge” [dietro al margine]: un appello per la prevenzione della guerra nucleare volto a creare un consenso nazionale negli Stati Uniti sulla necessità che gli Stati Uniti cambino radicalmente la propria politica nucleare, abbandonino una politica basata sul mantenimento costante dell’arsenale nucleare e optino invece per proseguire attivamente i negoziati con gli altri otto Stati dotati di armi nucleari al fine di istituire un sistema verificabile, e con un limite di tempo, per eliminare tutte le armi che esistono ancora oggi nel mondo. E dobbiamo vedere questo tipo di lavoro anche negli altri Stati dotati di armi nucleari, e certamente c’è un lavoro in corso in Francia, nel Regno Unito, e non tanto in alcuni degli altri Stati dotati di armi nucleari.

Quali sono i prossimi passi da compiere?

Ebbene, penso che i paesi che hanno firmato il trattato debbano valutare cosa possono fare ora per esercitare pressioni sugli Stati dotati di armi nucleari. Possono bloccare il flusso di capitali per la corsa agli armamenti nucleari? Possono negare il trasporto militare armato di armi nucleari sul loro territorio e nelle loro acque territoriali? Possono costringere gli Stati dotati di armi nucleari a ritirare le armi nucleari che sono di stanza al di fuori dei loro confini e restituirle ai loro stessi paesi? E poi devono dare tutto il sostegno possibile ai movimenti politici che stanno crescendo all’interno degli Stati dotati di armi nucleari per costringerli a cambiare politica.

E quando ho citato quell’elenco di paesi dove c’è molta attività visibile, ho trascurato l’India, dove invece c’è una campagna molto vigorosa. IPPNW ha un grande affiliato in India che sta lavorando molto duramente per creare opposizione pubblica e lo stanno facendo con alcuni grandi alleati. Stiamo lavorando con il Rotary in India e con altri gruppi per cercare di riuscirci.

Qual è la sua motivazione personale come attivista antinucleare?

In sostanza, penso che ci troviamo di fronte a una situazione incredibilmente pericolosa. Penso che se non ci sbarazziamo di queste armi, loro si sbarazzeranno di noi, e tutto ciò che abbiamo a cuore, la nostra carriera, le nostre case, i nostri figli, le nostre famiglie, sarà distrutto, e non c’è ragione perché accada.

Queste armi non sono una forza della natura, non sono un atto di Dio. Abbiamo costruito queste armi. Sappiamo come smantellarle, e sta a noi decidere se fare la cosa giusta e sbarazzarci di queste armi o meno. E penso che sia la cosa più importante da fare al mondo.

Sono anche un po’ ottimista sul fatto che possiamo farcela. Non posso garantirlo. Non so se ci riusciremo, ma negli anni ’80 stavamo entrando in una guerra nucleare. C’erano 60.000 testate nel mondo. Gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica stavano aggiungendo tremila testate in più all’anno ai loro arsenali nucleari, e stavano facendo piani attivi per scatenare in Europa una guerra nucleare che avrebbe distrutto l’umanità.

Un movimento in Europa, in Unione Sovietica, qui in Nord America, ha fermato quella marcia verso la guerra. Abbiamo messo fine alla corsa agli armamenti della Guerra Fredda. Abbiamo invertito la corsa agli armamenti della Guerra Fredda, e penso che abbiamo salvato il mondo. Penso che ci sarebbe stata una guerra nucleare se non fosse stato per quel movimento politico. Pertanto, ciò che ci chiediamo oggi non è impossibile. Ci chiediamo solo di fare di nuovo quello che abbiamo già fatto con successo una volta, e quel senso di possibilità che ha mantenuto l’ottimismo è anche una parte molto importante della mia mentalità.

Mi preoccupo di cosa succederà se non agiamo e penso che, se agiamo, possiamo salvare il mondo. Questa è una cosa molto buona da fare con la tua vita, è qualcosa che vale la pena di fare e lo spero quando la gente ci pensa.

Voglio dire, quando parlo in pubblico si può vedere la gente che dice: “Oh, mio Dio! È un problema così grande, che posso fare io?” E penso che sia importante comprendere che nessuno di noi lo farà da solo, ma se ognuno di noi fa quella parte del lavoro che è il suo compito, possiamo avere di nuovo successo proprio come negli anni ’80 e possiamo tornare a salvare il mondo, e possiamo guardarci allo specchio e dire: “Ehi, va bene, sto facendo quello che mi spettava”.

Categorie: Interviste, Pace e Disarmo, Video
Tags: , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.