Gli occhi chiusi dell’Europa sul prigioniero politico Jorge Glas

22.07.2019 - Cristina Mirra

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo, Greco

Gli occhi chiusi dell’Europa sul prigioniero politico Jorge Glas

Intervista al giornalista e attivista cileno Patricio Mery Bell sull’attuale situazione in Ecuador

Trova che i procedimenti giudiziari che hanno portato all’accusa di Dilma Rousseff, Lula e Christina Kirchner siano stati utilizzati anche per incriminare Jorge Glas e metterlo fuori combattimento?

La legge in Sudamerica è attualmente una pratica globale di persecuzione basata su accuse di falsi media che  cedono il passo a processi legali viziati. Anche se Dilma, Lula, Cristina e Glas hanno subito lo stesso meccanismo, nella situazione di Glas sono stati più crudeli e selvaggi. Lo tengono sequestrato accusato di un crimine che non esiste, che è stato abrogato anni fa. Questo rompe gli standard minimi che deve avere ogni processo e lo stato di diritto.Tutto ciò è stato denunciato da due avvocati cileni, Rubén Jeréz Atenas e il deputato Hugo Gutierrez, hanno preparato un rapporto legale che dimostra come Glas sia stato illegalmente rimosso dalla sua posizione di vice presidente da Lenin Moreno attraverso una semplice lettera inviata all’assemblea, senza rispettare i regolamenti e che è stato arrestato per essere stato accusato di un crimine che non esiste. Pertanto, Jorge Glas è un prigioniero politico, vittima di un colpo di stato contro la vicepresidenza, guidato direttamente da Lenin Moreno, e imprigionato senza reato. Jorge Glas vive una situazione di ingiustizia, crudeltà e violazione della legge.

Quali sono le condizioni di Glas attualmente?

È nella prigione comune di Latacunga, nella quale vive con pericolosi criminali. È stato vittima di torture, abusi, umiliazioni ed è ripetutamente minacciato di morte da pericolose bande di narcotrafficanti e criminali che lo usano per negoziare miglioramenti carcerari. Solo nell’ultimo mese più di dieci persone sono state uccise perché il governo di Lenin Moreno ha consegnato il controllo delle prigioni a bande criminali. Jorge Glas, che ha la nazionalità tedesco-ecuadoriana, può essere ucciso in qualsiasi momento.

Ci racconta gli anni del governo di Rafael Correa?

I dieci anni dei governi di Rafael Correa sono il campione più efficace e funzionante di modello di socialismo democratico. Sono stati migliorati tutti gli indici di qualità umana, le infrastrutture sono state modernizzate, l’istruzione e la salute sono notevolmente migliorate e sono stati raggiunti alti livelli di crescita economica, serietà fiscale e sviluppo. Un esempio su tutti, l’Ecuador è stato il primo paese in Sud America a cambiare la propria matrice produttiva ed energetica, diventando un generatore al 100% di energie rinnovabili pulite non convenzionali. Precisamente entrambi i progetti sono stati guidati da Jorge Glas Espinel. Oggi Moreno vuole privatizzare questi comparti per ottenere guadagni e tangenti da quelle imprese.

Lenin Moreno è stato eletto dai cittadini dell’Ecuador come continuatore della politica di Rafael Correa, che lo precedette e di cui fu vicepresidente. Pensa che la politica di Correa per la quale è stato eletto stia continuando?

Lenin Moreno è un traditore sadico, si è venduto alle politiche neoliberiste imposte dalla Banca Mondiale e dal Fondo Monetario Internazionale, ha donato la sovranità dell’Ecuador all’oscuro governo degli Stati Uniti; sono state convertite le Isole Galapagos, il santuario della natura, in una base militare americana, il tutto coronato dalla consegna di Julian Assange alle autorità britanniche. Moreno è un uomo corrotto che ha usato il suo potere per ricevere denaro da Odebrecht e da altre società corrotte. È positivo che i governi europei che hanno ricevuto Moreno in visita in Europa pochi giorni fa, siano a conoscenza del caso INA Investment, una società offshore creata dalle figlie e dal fratello di Moreno per ricevere tangenti.

In circoli politici insospettati si dice che gli Stati Uniti prestino molta attenzione all’Ecuador e che avrebbero uno stretto rapporto con Lenin Moreno. Crede che gli Stati Uniti stiano contribuendo a determinare il futuro dell’Ecuador attraverso il rapporto che hanno?

Ciò è evidente, l’evidenza è pubblica, Moreno è un burattino della CIA che lo usa per suo capriccio. Moreno ha negoziato con loro, attraverso Mike Pence e Manafort, per essere protetto in modo da non essere indagato negli Stati Uniti per i suoi crimini in cambio di appoggio politico. La storia sarà spietata con questo traditore che si avvicina a passi da gigante per diventare un nuovo Noriega o un Pinochet.

Trova che l’Ecuador si stia muovendo verso il progresso?

No. L’Ecuador si sta muovendo verso una crisi economica brutale, la disoccupazione e l’insicurezza. L’Ecuador è stato trasformato da Moreno in una repubblica delle banane senza Dio, bandiera e patria.

Cosa si aspetta per il futuro di questo paese?

Spero che il popolo possa sollevarsi e con coraggiosi leader riuscire a recuperare la democrazia. Mi piacerebbe sapere cosa pensano Bachelet, Merkel, Sanchez e altri leader globali della situazione in Ecuador perché, fino ad ora, con il loro silenzio si sono resi complici delle violazioni dei diritti umani commessi in questo paese, appoggiando il tradimento di Lenin Moreno.

Categorie: Interviste, Sud America
Tags: , , , , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.