Al-Sisi e Macron, alleati contro i diritti umani

25.10.2017 - Riccardo Noury

Al-Sisi e Macron, alleati contro i diritti umani
(Foto di Flickr)

Uno dice bugie, l’altro tace. Ieri a Parigi, nell’incontro bilaterale tra i presidenti d’Egitto e di Francia, si è toccato il massimo del cinismo.

Da un lato, con una frase che avrebbe fatto ottima figura in “1948” di Orwell, l’egiziano al-Sisi ha dichiarato nel corso di una conferenza stampa che in Egitto non c’è la tortura, incurante del fatto che il corpo di Giulio e quelli di centinaia e centinaia di egiziane ed egiziani stanno lì a smentirlo nel modo più chiaro e tragico possibile.

Il presidente francese Macron ha rincuorato il suo collega, affermando che non intende ricevere né dare lezioni di diritti umani a nessuno. Tanto meno all’Egitto, aggiungo, altrimenti al Cairo potrebbero risentirsi e cambiare fornitore di armi e altro materiale bellico.

Si può dire che al-Sisi fa il suo lavoro: nega che nel suo paese vi sia la tortura. Ma in fondo anche Macron fa il suo: fare affari.

Nel ventunesimo mese dalla sua sparizione al Cairo, l’atteggiamento di Macron conferma ancora una volta quanto ipocrita sia stata e sia l’espressione “Giulio Regeni era un cittadino europeo”.

 

Categorie: Africa, Diritti Umani, Europa, Opinioni
Tags: , , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


App Pressenza

App Pressenza

Diritti all'informAZIONE

Video presentation: What Pressenza is...

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.