Pinochet africano condannato all’ergastolo

04.06.2016 - Djamila Andrade

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo, Portoghese

Pinochet africano condannato all’ergastolo

Hissene Habré, ex-Presidente del Ciad, é stato condannato all´ergastolo da un tribunale straordinario senegalese riconosciuto dall´Unione Africana. Habré è stato condannato per essersi macchiato di reati contro l´umanità, per essere il mandante della tortura e dell´assassinio di migliaia di avversari politici durante gli otto anni nei quali è stato presidente.
Si è appurato che più di 40.000 persone sono state uccise tra il 1982 e il 1990, da un governo che è stato artefice di una repressione feroce contro le opposizioni e che ha perseguitato le etnie rivali. Habré a 73 anni è stato anche riconosciuto colpevole di schiavismo e abusi sessuali, molti testimoni hanno raccontato l´orrore che si viveva nelle prigioni del paese. Il Giudice ha sentenziato che ¨…ha creato un sistema di impunità e terrore¨.
Basandosi sul principio di giurisdizione universale, che permette a tribunali nazionali di giudicare reati commessi in altri paesi, per la prima volta un ex capo di Stato è stato condannato dall`Unione Africana per aver commesso reati contro l´umanità. Habré è stato soprannominato il Pinochet africano, ricordando l´arresto del Generale Augusto Pinochet avvenuto a Londra, in esecuzione di un mandato di cattura internazionale emesso dal Giudice spagnolo Baltasar Garzón per reati commessi in Cile.
L´ex dittatore, fortemente appoggiato dagli USA quando stava al potere, non ha mai riconosciuto la legittimità del tribunale che lo ha giudicato rifiutandosi quasi sempre di assistere alle udienze. I suoi avvocati si sono rifiutati di ascoltare il verdetto e la sentenza di quello che considerano un processo politico deciso a priori.

E´stato un ¨verdetto storico¨, da adesso in poi ¨le vittime in ogni parte del mondo possono avere una speranza alla quale attaccarsi anche nei momenti più bui e terribili, quando la giustizia sembra impossibile di essere ottenuta¨, ha dichiarato Amnesty International.
Attivisti di tutto il mondo lo hanno descritto come il ¨ processo africano del secolo¨ che marca l´inizio di un percorso per la costruzione di una reale giustizia africana, per la quale, se Dio vuole, passeranno molti presidenti africani che usano il potere per influenzare e reprimere violentemente i proprio cittadini. Questa vittoria è anche la vittoria di tutti quelli che hanno avuto il coraggio di testimoniare e che continuano a lottare per la giustizia nei propri paesi, con la speranza che altre persone nel mondo si ispirino a questa lotta eroicamente sostenuta dagli attivisti del Ciad.

Categorie: Africa, Diritti Umani
Tags: , , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.