Cultura e Media

Il popolo della Casamance desidera la pace

La Regione della Casamance si è attivata per la pace e la nonviolenza: il 14, 15 e 16 novembre scorsi diverse associazioni umaniste hanno realizzato numerose iniziative nelle città di Oussouye e Bignona, coinvolgendo le istituzioni locali e
la popolazione, e il 22 novembre la Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza è arrivata a Ziguinchor, capoluogo della Regione.

Karaoke per la pace di centinaia di cileni nella principale isola pedonale di Santiago

Un grande palco, in pieno centro di Santiago, rompe la routine abituale dei commercianti ambulanti e dei passanti, che ogni venerdì animano la più importante isola pedonale della capitale. Tutti hanno avuto la possibilità di cantare per la pace e la nonviolenza, molti giovani ma anche funzionari, passanti e signore con le buste della spesa.

Per amore ti voglio, per amore ti uccido

Il 25 novembre, Giornata Internazionale contro la Violenza alle Donne, a Madrid si è tenuto il Primo Forum Internazionale “Gioventù e Violenza di Genere”, che ha visto la partecipazione di oltre 1200 giovani provenienti da 54 paesi, per riflettere insieme sulla situazione attuale e cercare soluzioni alla violenza maschilista.

Migliaia di giovani hanno partecipato alle giornate canadesi della Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

Migliaia di giovani e di bambini hanno partecipato alla mobilitazione delle giornate canadesi della Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza: camminando, correndo, sciando, ballando, pattinando, ciascuno ha affermato la propria volontà di vivere un «futuro» senza bombe nucleari, senza nessuna guerra, in pace e senza violenza.

León Gieco promuove un’iniziativa mondiale per la pace davanti a centomila persone

Il popolare cantautore argentino León Gieco, in occasione del Festival per il 127º anniversario della città di La Plata (capitale della provincia di Buenos Aires), ha indossato la maglietta della Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza. Al concerto di “compleanno”, tenutosi in Piazza Moreno, si sono esibiti più di 10 gruppi davanti a un pubblico di centomila persone.

Con lo slogan “No alla guerra”, giovani hanno realizzato un’azione urbana a Buenos Aires

“No all’ingiustizia, no alla guerra, no alla violenza” gli slogan dei 150 giovani che hanno manifestato all’Obelisco nella città di Buenos Aires. Con una coreografia della canzone “Mal Bicho” de Los Fabulosos Cadillacs e una batucada (numeroso gruppo che balla e suona percussioni al ritmo di samba)hanno cercato di attirare l’attenzione dei passanti e della stampa locale.

20° Giornata dell’Infanzia: a Lecce Unicef e GPace insieme

In tutto il mondo oggi si festeggia il 20° anniversario della Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia. A Lecce la sezione locale dell’unicef ha organizzato una manifestazione che ha visto la presenza di centinaia di studenti delle scuole salentine. I ragazzi del GPace hanno voluto contribuire portando in piazza la bandiera della pace più grande del mondo.

Tre giorni di pace basterebbero per educare tutti i bambini

Tre giorni di pace basterebbero per educare tutti i bambini
Esperti dell’UNESCO affermano che, con l’equivalente dell’investimento di tre giorni in spesa militare, si potrebbe offrire educazione ai 75 milioni di minori che non vanno a scuola. Circa 70 paesi non riescono ad assicurare l’Educazione Primaria Universale proposta dall’ONU negli Obiettivi del Millennio per il 2015.

La Nonviolenza nei luoghi dell’11 Marzo

A Madrid la Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza ha partecipato a una cerimonia in ricordo delle vittime dell’11 Marzo 2004. Jesus Abril, membro dell’Associazione 11M vittime del terrorismo nel suo intervento si augura “ Che la pace allevii il nostro dolore”. Nel pomeriggio una manifestazione di 5000 persone ha accompagnato i marciatori per le vie della città.

Salvare il lago Chad al Summit di Copenhagen

Il Camerun e il Chad hanno adottato una posizione comune per difendere il lago Chad al Summit 2009 di Copenhagen. A causa delle attività umane, l’estensione del bacino è passata, in 40 anni, da 25.000 km2 a 2.000 km2. Questo prosciugamento drastico preoccupa i due paesi le cui popolazioni vivono una crisi permanente in quanto ad accesso alle risorse idriche.

1 388 389 390 391 392 402