Prima Guerra Mondiale

Winston Churchill era un mostro

Il libro di Tariq Ali, Winston Churchill: His Times, His Crimes (Winston Churchill: il suo tempo, i suoi crimini) è un eccellente contraltare alla propaganda così stranamente imprecisa su Winston Churchill, che però è la norma. Ma per meglio apprezzare…

Educazione e retorica di guerra alla vigilia del 4 novembre

Perché è dovere di tutte le educatrici e tutti gli educatori boicottare le iniziative del Ministero della Difesa e del Ministero dell’Istruzione e del “Merito” il 4 novembre “Giorno dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate”. In questi anni abbiamo…

4 Novembre: non festa ma lutto

La data del 4 novembre viene celebrata con continuità dal fascismo fino ad oggi, per richiamare l’unità dell’Italia sotto il segno della guerra e dell’esercito. “Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate” nell’anniversario della fine del tragico conflitto mondiale del…

La grande carneficina

Oggi è il 4 novembre, per la Chiesa cattolica festa di San Carlo Borromeo, per altri ‘Festa delle forze armate’ e poi oggi ‘Festa dell’unità nazionale’. Negli anni ’70 gli antimilitaristi la ricordavano affiggendo volantini dal titolo “Non festa, ma…

Alla guerra rispondo: signornò

Il 4 novembre? E’ il giorno giusto per ricordare le “portatrici”. Erano donne che durante la Prima Guerra Mondiale, ogni giorno, all’alba, si presentavano in gruppi di 15-20. Dipendevano da un magazzino militare o un deposito. Avevano delle gerle, le riempivano di…

4 novembre: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele

Proposta del Centro di Ricerca per la Pace e i diritti umani di Viterbo, Movimento Nonviolento e PeaceLink La data del 4 novembre viene celebrata con continuità dal fascismo fino ad oggi, per richiamare l’unità dell’Italia sotto il segno della…

I fucilati di Cercivento, una storia che va ricordata

Il caporal maggiore Silvio Gaetano Ortis,25 anni di Paluzza, il caporale Basilio Matiz, 22 anni di Timau, il caporale Giovan Battista Corradazzi 23 di Forni di Sopra e il soldato Angelo Massaro 22 di Maniago dell’VIII Reggimento alpini appartenenti alla…

4 novembre 2019. Anniversario della fine della Grande Guerra

Discorso del Prof. Giancarlo Restelli davanti al monumento dei caduti di Fagnano Olona, 3 novembre 2019. A distanza di centouno anni ricordiamo la fine della Prima Guerra Mondiale, di quella guerra che i contemporanei chiamarono Grande Guerra, perché non si era…

La Prima Guerra Mondiale non va festeggiata, 4 novembre dovrebbe essere lutto

La Prima Guerra Mondiale fu uno scontro tra grandi potenze imperialiste che portò solo milioni di morte, atrocità, barbarie, distruzione e devastazione. Tanto è vero che la definizione più conosciuta e diffusa del conflitto fu quella di Benedetto XV: inutile…

Ipnosi della violenza e narrazioni diverse

Come la versione ipnotica e violenta della realtà che ci viene presentata, ci induce a due tipi di comportamenti, alla rassegnazione o alla reazione violenta.

1 2