Linea d’Ombra

Trieste, tavolo su migranti: il niet della Caritas

L’UNHCR, che monitora la situazione a Trieste e sul confine con la Slovenia, ha indetto un tavolo con le realtà che si occupano di migranti A questo tavolo la Caritas della città ha risposto no. Dichiarando che non è disposta…

Linea d’Ombra: “Siamo consapevoli che la guerra in Ucraina è una nuova crisi di una guerra permanente economico-politica”

Noi di Linea d’Ombra che da oltre due anni siamo quotidianamente in contatto con persone che fuggono da guerre – Afghanistan, Siria, Iraq… – siamo perfettamente consapevoli che l’invasione della Russia in Ucraina, con annessi e connessi interessi atlantici, è…

Politica, migrazioni: una disperata speranza

Sempre di più mi torna in mente questo motto di Carlo Michelstaedter Mi sembra che indichi l’essenza del navigare nel mare sordido dei nostri tempi in cui non si intravvede un orizzonte; quell’orizzonte che, per oltre un decennio o poco…

Gian Andrea Franchi: fra l’archivio e Samaria, far politica oggi

L’archiviazione della denuncia a Lorena e a me trova nel testo pubblicato dall’ASGI il 26/11 un’analisi articolata. Vi si mette in rilievo che il caso è stato risolto favorevolmente – come scrive il magistrato – “anche senza ricorrere alla cosiddetta…

Lorena Fornasir, Gian Andrea Franchi: l’aiuto, la solidarietà, il soccorso, al contrario della crudeltà, non sono e non devono essere reato

Archiviate le accuse di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina a carico di Lorena Fornasir e Gian Andrea Franchi di Linea d’Ombra ODV di Trieste Lo scrivemmo: “nei corpi dello Stato ci sono anche fior di professionalità, non si può credere che qualcuno…

L’incontro con persone migranti: la riscoperta del corpo attraverso il contatto con “corpi di dolore”

L’impegno con i migranti è una sorta di riscoperta del corpo, attraverso il contatto e l’incontro con ‘corpi di dolore’, di un dolore storico e politico, frutto di una profonda radicata ingiustizia storica. Questo è il punto: non si tratta…

Balkanroute calling: la carovana è partita!

E’ partita oggi da Trieste per arrivare a Maljevac sul confine croato-bosniaco la carovana per la libertà di movimento “Balkanroute calling” con lo scopo di denunciare le politiche di respingimento dell’Unione Europea. La carovana, a cui hanno partecipato circa cinquanta…

25 Aprile a Trieste: Festa di liberazione e solidarietà nonviolenta

Anche Trieste ha risposto all’appello intitolato “Tutte le vite valgono” proposto da Rete DASI (Diritti, Accoglienza, Solidarietà Internazionale) Friuli Venezia Giulia il 17/1, quando è iniziato un digiuno a staffetta di sensibilizzazione sulla rotta Balcanica e i relativi respingimenti dei…

Gian Andrea Franchi: Amir Labbaf, la politica e il corpo

Amir Labbaf è iraniano, è un attivista per la difesa dei diritti Darwish, vive ora su una sedia a rotelle in un campo profughi bosniaco La politica, la politica nella società, dal ‘basso’, la lotta di classe, la politica non…

Un Ponte di Corpi a Claviere

Ieri in molte piazze italiane ed europee si è tenuta la manifestazione “Un ponte di corpi“ Molto importante dal punto di vista simbolico è stata la manifestazione che si è tenuta al confine francese, in un’Europa che col trattato di…

1 2