Il 13 maggio 202 tre membri di Internazionale Progressista – Jeremy Corbyn, Etche Temelkuran e Yanis Varoufakis – hanno indetto una conferenza stampa per pubblicizzare la Dichiarazione di Atene in relazione all’intervento russo e alla guerra in Ucraina. Ecco alcuni punti delle dichiarazioni di Jeremy Corbyn.

L’intervento russo in Ucraina è assolutamente sbagliato, a prescindere dalle circostanze e dobbiamo condannarlo a livello internazionale. Le vittime della guerra sono i cittadini ucraini, che lasciano il loro Paese a centinaia di migliaia e vengono accolti – a volte meno e a volte più – dai Paesi europei confinanti. Questa è la cosa giusta e umana da fare. Purtroppo, questo stesso volto umano non è stato mostrato dagli Stati europei nei confronti dei rifugiati provenienti dall’Afghanistan, che ha subito vent’anni di occupazione ed è uno dei Paesi più poveri del mondo, con una crisi di denutrizione e insicurezza. Purtroppo, lo stesso vale per le vittime della guerra in Siria, Libia, Yemen, nella Palestina occupata e altre parti del mondo.

Dove ci porta tutto questo? Gli orrori della guerra in Ucraina stanno distruggendo vite e luoghi, minacciando la catena alimentare globale e soprattutto le regioni dell’Africa e del Medio Oriente. I costi dell’energia stanno aumentando a livello internazionale. Le complicazioni economiche di questa guerra avranno un impatto sulle popolazioni e a causa delle disuguaglianze nell’economia, l’impatto negativo maggiore riguarderà le persone e i Paesi più poveri, mentre gli ultimi a essere colpiti saranno le persone e i Paesi più ricchi.

La mia domanda è rivolta alle istituzioni. Il linguaggio utilizzato soprattutto dai leader mondiali e dai media internazionali è bellicoso e il dibattito si svolge in termini di militarizzazione. Perché il Segretario Generale delle Nazioni Unite A. Guterres ha impiegato così tanto tempo per visitare Mosca e Kiev? Perché non è stato coinvolto fin dal primo momento per cercare di raggiungere un cessate il fuoco e guidare un processo per garantire la pace e la sicurezza?

Il significato della Dichiarazione di Atene è che se continuiamo a sviluppare sempre più alleanze militari e a spendere sempre di più in armi di distruzione di massa, dovremo affrontare quanto segue: ogni milione di dollari che spendiamo in armi è un milione di dollari che viene sottratto a scuole, ospedali, alloggi e lotta alla fame nel mondo. La pandemia non ci ha davvero insegnato nulla sulla disuguaglianza e sull’insicurezza globale?

Oggi chiediamo un cessate il fuoco urgente e immediato e le opportune garanzie da parte delle principali potenze mondiali per un futuro di pace e sicurezza. Abbiamo avuto questa opportunità nel 1991, quando l’Unione Sovietica si è sciolta con la fine del Patto di Varsavia, ma non l’abbiamo sfruttata a sufficienza. Accolgo con favore il cessate il fuoco che ha finalmente avuto luogo in Yemen e spero che questa situazione sia l’inizio di una pace più ampia in Medio Oriente, ma a questo proposito mi riservo di essere ottimista. In quest’area geografica ci sono persone che non hanno mai conosciuto la pace, ad esempio in Palestina. Eventi come la morte di Shirin, la vostra collega, una brillante e meravigliosa giornalista, che è stata colpita alla testa mentre cercava di raccontare la verità, accadono spesso e non aiutano la voce di pace che noi dell’Internazionale Progressista portiamo qui oggi nella bellissima Atene.

A una domanda sulla direzione dell’Unione Europea sulle questioni di pace e guerra, Corbyn ha risposto tra l’altro:

La direzione che sta prendendo l’Europa sembra andare oltre il carattere di blocco economico, per diventare un blocco che si avvicina alla NATO. Questo è ciò che è successo dopo Lisbona. Credo che questo sia deplorevole, perché alcuni di noi volevano che l’Europa svolgesse un ruolo diverso, che si sforzasse di raggiungere una maggiore coesione sociale, che convergesse su un salario minimo unico e su una strategia economica che non punisse i Paesi, come è successo ad esempio alla Grecia, colpita in modo così grottesco sia dalla BCE che dall’UE.

Alla domanda della nostra agenzia su quali iniziative possano essere intraprese dai movimenti sociali per contribuire al cessate il fuoco in Ucraina e alla ricerca di una soluzione pacifica, ma anche per contrastare i miti sull’eterna inimicizia tra la Grecia, la Turchia e Cipro, Corbyn ha risposto:

Nella mia comunità a Londra si parlano circa 17 lingue, persone provenienti da molte parti del mondo hanno trovato un posto dove stabilirsi e vivono relativamente bene insieme. Abbiamo comunità provenienti dalla parte settentrionale e meridionale di Cipro che vivono in quell’area dal 1974. Abbiamo anche generazioni successive di curdi, persone provenienti da Iraq, Siria e Turchia. Il loro dolore è evidente, ma sono tutti alla ricerca di soluzioni, poiché nei loro Paesi d’origine sono stati a lungo al potere governi oppressivi. La Grecia ha conosciuto la giunta dei colonnelli e prima ancora l’occupazione nazista e la guerra civile. Le agitazioni e le rivolte popolari sono riuscite a liberare la Grecia dalla giunta e lo stesso è accaduto a Cipro. Si tratta quindi di dare alle persone l’opportunità di rispettare se stesse, di esprimersi e di comprendere la gioia di un mondo multiforme. Abbiamo intitolato il summit dell’Internazionale Progressista “La fine del mondo”, perché doveva svolgersi nella Terra del Fuoco, ma a causa della pandemia si è poi tenuto online. Il titolo però è rimasto. Nel mio contributo al dibattito ho descritto le criticità del pianeta, la disuguaglianza e l’insicurezza alimentare internazionali e il disastro ambientale. Il nazionalismo e la guerra non risolveranno nessuno di questi problemi. Potranno farlo solo un’azione collettiva verso la pace e la sostenibilità, la comprensione della nostra storia comune e la speranza per la prossima generazione, non l’energia centrifuga tra di noi, ma l’azione centrifuga verso la pace. Non è facile, né popolare, ma c’è molto da fare e questo è il nostro obiettivo.

Alla domanda sulle sconfitte della sinistra e sull’incapacità di attuare le politiche che sostiene, ha risposto:

Sì, ci sono stati risultati elettorali che non mi sono piaciuti, come il risultato del referendum sull’uscita dall’Unione Europea, o quello delle elezioni nazionali del 2019. Questo significa che dovrei stare zitto e muto per i prossimi cinque anni e lasciare che qualcuno guidi ciò che diciamo, ciò che crediamo e ciò che facciamo? No. Mi schiererò sempre dalla parte della giustizia, della pace, della speranza e con le giovani generazioni, che stanno vivendo lo stress del debito, della povertà, dell’insicurezza, del caro casa, della mancanza di opportunità di lavoro, che stanno affrontando pandemie, guerre e il modo in cui l’economia globale si sta ricostruendo sotto i nostri occhi a favore degli oligarchi e dei potenti. Ci sono eccezioni, come i Paesi che hanno dato priorità ai loro movimenti sociali, come i Paesi dell’America Latina, o i movimenti dei contadini in India. La politica è giustizia e speranza, ma significa anche stare dalla parte di chi parla per tutti noi. Siamo al fianco dei giornalisti che hanno rischiato e perso tutto, che sono stati uccisi in molti Paesi del mondo perché si sono alzati in piedi e hanno detto la verità. Siamo al fianco di Julian Assange, che ci ha rivelato tante verità sul mondo e che ora rischia l’estradizione negli Stati Uniti, con una condanna a 175 anni in un carcere di massima sicurezza. La nostra voce è quindi una voce collettiva per la pace, la giustizia e i diritti umani.