In mezzo all’ansia causata dalla drammatica situazione sanitaria e socioeconomica, gli ecuadoriani avranno un nuovo appuntamento con le urne il 7 febbraio. Gli oltre 13 milioni di elettori registrati dovranno scegliere un nuovo presidente e il suo vicepresidente tra sedici contendenti, così come la composizione della nuova Assemblea legislativa e i rappresentanti al parlamento andino.

Per vincere al primo turno, i candidati devono ottenere più del 40% dei voti e superare il loro rivale più vicino con un 10% di scarto. Altrimenti, i primi due andranno ad un secondo turno l’11 aprile.

Secondo tutti i sondaggi pubblicati (con il consueto beneficio del dubbio), la partita si gioca tra Andrés Aráuz, candidato successore della Revolución Ciudadana guidata da Rafael Correa e il banchiere Guillermo Lasso, sostenuto dalla Democrazia Cristiana di Jaime Nebot. L’ex prefetto di Azuay – eletto nel 2019 e che si dimette nell’ottobre 2020 per potersi candidare alla presidenza, Yaku Pérez, che rappresenta il partito indigenista Pachakutik, otterrebbe il terzo posto con più del 10% dei voti.

Segnata in precedenza da proscrizioni, arbitrarietà, litigi e atteggiamenti di parte dell’autorità elettorale, che nel suo insieme ha cercato di favorire la candidatura neoliberale – sostenuta dall’establishment economico e dai media egemonici – questa elezione rappresenta un crocevia, fondamentalmente per il popolo ecuadoriano, ma anche per la riconfigurazione della mappa politica latinoamericana.

Elezioni decisive per la mappa geopolitica dell’America Latina e dei Caraibi

Quasi dodici anni dopo il colpo di stato contro Manuel Zelaya in Honduras, le successive destituzioni illegittime di Fernando Lugo e Dilma Rouseff, i successi elettorali della destra di fronte all’erosione dei governi progressisti in Uruguay ed El Salvador, ma anche con il recupero di governi progressisti in Messico, Argentina e più recentemente con la clamorosa vittoria popolare in Bolivia, la mappa politica latinoamericana è ancora in agitazione, senza mostrare una svolta verso una tendenza certa.

In Cile, dopo le massicce mobilitazioni del 2019, la cittadinanza si è pronunciata fermamente per togliere la camicia di forza della costituzione pinochetista del 1980. Tuttavia, i galoppini politici del potere economico sono riusciti a truccare il successo e a unirsi in un’unica lista per sostenere i candidati alla Costituente e cercare di ottenere il terzo necessario che permetterà loro di porre il veto a qualsiasi trasformazione sistemica. Anche così, il Cile continua ad essere una speranza di cambiamento, se prevale la vera intenzione del popolo.

Anche in Perù, in mezzo al malcontento generalizzato verso la “classe politica”, appare la possibilità di un successo della sinistra, di natura femminista e interculturale, incarnato dalla giovane figura di Verónika Mendoza. Nel frattempo, il paese continua ad essere coinvolto in una guerra incessante di bande mafiose che si contendono il bottino del potere politico.

Il trio dell’asse neoliberale nella zona andina si completa con il presidente fotocopia di Uribe, Iván Duque, in una Colombia le cui ferite si sono riaperte dopo la breve speranza di un accordo di pace, che purtroppo è nato ferito da una morte annunciata. Il monopolio economico, politico e mediatico colombiano e la posizione del paese come punta di diamante della strategia militare e cospirativa degli Stati Uniti nella regione, pongono una grande sfida alle opzioni trasformative come quelle guidate da Gustavo Petro, il cui gruppo Colombia Humana è stato recentemente messo fuori legge in un ennesimo caso di palese lawfare.

Il Venezuela continua ad essere una nazione sotto assedio, avendo gli Stati Uniti fallito l’obiettivo di rovesciare direttamente il governo costituzionale del presidente Nicolás Maduro, ma avendo raggiunto l’obiettivo minimo di togliere alla rivoluzione bolivariana buona parte della spinta iniziale della locomotiva dell’integrazione solidale ed esempio rivoluzionario della costruzione di un nuovo socialismo dalle caratteristiche comunitarie.

Allo stesso modo, l’apparato cospirativo della destra non riposa e alimenta anche a Cuba le proteste di un piccolo settore culturale che dissente dalla politica ufficiale con l’intenzione di creare rivolte di massa che oggi sono improbabili. L’isola continua ad essere un faro di solidarietà, orgoglio nazionale e sviluppo sanitario ed educativo, mentre allo stesso tempo cerca di intraprendere sostanziali riforme economiche per migliorare il potere d’acquisto della sua popolazione.

In Brasile, una nazione dal peso specifico ineludibile nella regione, le forze conservatrici stanno spingendo per la sostituzione di un Bolsonaro indebolito – proprio come Temer, a malapena un fusibile nello schema del potere – con qualche personaggio tipico della tendenza neoliberale come l’attuale governatore di San Paolo, Joao Doria. I gruppi di sinistra, i femminismi, le identità nere e indigene, in breve, gli esclusi sociali avranno qui – come in Colombia – la sfida ripida di generare una reale accumulazione popolare di forze dietro un progetto politico trasformativo, soprattutto nella regione meridionale del paese, ancora segnata dall’impronta del razzismo schiavista.

Di fronte a questo scenario, un successo di Andrés Aráuz in Ecuador rafforzerebbe il blocco progressista, in un sicuro allineamento con Andrés Manuel López Obrador, Alberto Fernández e Luis Arce – quest’ultimo a sua volta un ponte con le sinistre nuclearizzate nell’ALBA-TCP – che permetterebbe una parziale ricostituzione di un fronte di integrazione sovrana, capace di affrontare la diplomazia colonialista dell’OSA.

Questo fronte, costituito da una base sociale non omogenea, anche se non produrrebbe una rottura diretta con le matrici del capitalismo mondiale, sarebbe in condizione di orientare la post-pandemia nel senso di una maggiore protezione all’educazione e alla salute pubblica, della distribuzione diretta di risorse ai settori impoveriti, dello sviluppo tecno-scientifico di maggiore autonomia e cooperazione intra-regionale e Sud-Sud e soprattutto eserciterebbe un freno all’appetito irrazionale del capitale multinazionale sulle riserve naturali e le capacità umane della regione.

Dopo il tradimento, recuperare la speranza

Ciò che i media egemonici chiamano “apatia” o “disinteresse” da parte della maggioranza dell’elettorato e che si riflette in un’alta percentuale di elettori “indecisi” nei sondaggi non è così. La parola appropriata è disillusione. La svolta radicale del governo di Lenin Moreno verso destra, il tradimento del mandato per il quale era stato eletto, il patto di evidente allineamento alle direttive statunitensi e agli interessi del potere economico, con la conseguente diffamazione mediatica, la persecuzione e la proscrizione del Correismo, il co-governo e la condivisione con l’ormai candidato Lasso e il suo alleato Nebot, la nuova dipendenza dal FMI e, infine, la catastrofe sanitaria che ha colpito il paese, hanno alimentato nella popolazione lo storico spirito di ribellione che si è manifestato nei giorni di ottobre del 2019.

In quei giorni storici, il governo e il potere costituito si opponevano alla repressione e al cinismo, aspettando che quella fiamma si spegnesse. L’unità sociale di quei giorni in aperta ribellione al sistema non si è tradotta, almeno non ancora, in unità politica, poiché persistono i risentimenti di un tempo, i protagonismi e anche la contraddizione irrisolta tra le tendenze nazional-sviluppiste – ora con Aráuz convertite in un tecnosviluppismo più ecologico – e la corrente indigenista più incline ai proclami ambientalisti e del Buen Vivir.

Come recuperare la speranza in tempi di disillusione e frammentazione? Tempi in cui coesistono sogni generazionali diversi, in cui l’irrazionalismo guadagna terreno di fronte alla mancanza di senso generalizzato di una realtà di consumo materialista, in cui il divisionismo delle correnti del progresso umano viene fomentato dal potere conservatore. Soprattutto, in tempi in cui i nuovi paradigmi umanisti del futuro non riescono ad affermarsi con chiarezza.

Tempo di cambiamenti

La strategia di persecuzione e proscrizione politica, favorita dall’infiltrazione della magistratura e dalla manipolazione permanente dei media, ma anche dall’invecchiamento e dalla morte hanno costretto le forze progressiste a proporre candidati diversi dalle icone politiche dell’inizio del secolo. La partenza di Chávez ha posto Nicolás Maduro come massimo rappresentante della rivoluzione bolivariana, mentre Miguel Diaz Canel è stato consacrato a Cuba come primo presidente nato dopo la rivoluzione.

Di fronte all’imprigionamento illegale di Lula, la sinistra brasiliana si è rivolta a Fernando Haddad (PT), ma anche a Manuela D’Avila (PCdoB) e Guilherme Boulos (PSOL) come giovani esponenti di un progetto di rinnovamento politico. In Argentina, il kirchnerismo ha forgiato un fronte che riuniva tutto il peronismo e altri settori del centro-sinistra e della sinistra, ottenendo la vittoria con la candidatura di Alberto Fernández. In Bolivia, il colpo di stato non è riuscito a consolidarsi e Luis Arce, ex ministro di Evo, è stata la figura scelta per rappresentare i movimenti sociali e l’eredità del processo di cambiamento.

I referenti storici, anche quando non giocano un ruolo centrale nell’amministrazione, non hanno perso il peso conferito dal popolo dell’epoca, svolgendo funzioni strategiche nel complesso quadro politico di ogni paese.

Nel caso ecuadoriano, la speranza di “tornare migliori” della Rivoluzione Cittadina, che ha ottenuto importanti trasformazioni costituzionali, un embrione di plurinazionalità, ma soprattutto grandi miglioramenti nel tenore di vita delle maggioranze, è centrata nella giovane figura di Andrés Aráuz, economista ed ex ministro della conoscenza e del talento umano nel governo di Rafael Correa, che compirà 36 anni il giorno prima delle elezioni.

Come ha dichiarato nelle interviste, ha indicato la sua intenzione di intraprendere riforme che permetteranno una maggiore democratizzazione della comunicazione e assumerà l’importante missione di rimettere l’Ecuador sulla via dell’unità regionale distrutta dalla pressione colonialista del governo degli Stati Uniti e dei suoi vassalli regionali.

Questo cambio generazionale promette di intraprendere nel paese forti riforme alla matrice produttiva, basando la sfida di sollevare attraverso lo sviluppo tecnologico digitale sovrano con giustizia sociale un paese impoverito, devastato e nuovamente indebitato. L’alternativa in questo frangente è neoliberale e nefasta.