Milano, due iniziative sul viaggio dei migranti lungo la rotta balcanica

08.05.2019 - Milano - Redazione Italia

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo

Milano, due iniziative sul viaggio dei migranti lungo la rotta balcanica
(Foto di Federico Nassini)

Nonostante i muri innalzati da Serbia e Ungheria e il famigerato accordo con la Turchia, il flusso dei migranti che tentano di arrivare in Europa seguendo la cosiddetta rotta balcanica non si è mai interrotto del tutto. La situazione “gode” semplicemente di minore attenzione mediatica rispetto alla tragedia delle morti nel Mediterraneo, ma è altrettanto inumana ed è anch’essa frutto della politica criminale adottata per proteggere i confini della “Fortezza Europa.”

Per denunciare le continue violazioni dei diritti umani di uomini, donne e bambini costretti a vivere in condizioni terribili, per sensibilizzare e presentare richieste e soluzioni si terranno la settimana prossima a Milano due eventi di approfondimento sulla rotta balcanica: una mostra fotografica intitolata “Refugee journeys through the Balkan route: a crisis no more?” nel Cortile Farmacia dell’Università degli Studi di via Festa del Perdono 7 il 15, 16 e 17 maggio e l’incontro “The game: il viaggio dei migranti lungo la rotta balcanica” nell’aula 22 di Scienze Politiche di via Conservatorio 7 il 16 maggio.

Le iniziative sono frutto di una collaborazione tra un gruppo di giovani ricercatrici inglesi, il gruppo studentesco Fuori Luogo, Pressenza e l’associazione Opet Bosna, impegnata a portare aiuti umanitari a migliaia di profughi bloccati vicino al confine tra Bosnia e Croazia in condizioni disumane.

La mostra fotografica fa parte del progetto di ricerca e di lavoro sul campo IR_Aesthetics realizzato da Amanda Russell Beattie, (Aston University), Gemma Bird, (Liverpool University), Jelena Obradovic-Wochnik, vicedirettore dell’Aston Centre for Europe ed esperta in politica dei Balcani occidentali, della Serbia e del Kosovo e Patrycja Rozbicka (Aston Centre for Europe, Aston University) ed è già stata presentata a Liverpool e a Toronto. Il progetto solleva interrogativi sulle esperienze di vita dei rifugiati lungo la rotta balcanica in Serbia, Macedonia e Grecia e incoraggia a riflettere su ciò che significa essere un rifugiato in fuga dalla guerra, la povertà e le persecuzioni. E’ rafforzato da un’esperienza diretta presso il campo profughi dell’isola greca di Samos, dove migliaia di persone sono bloccate in condizioni precarie e nella più totale incertezza riguardo al loro futuro; in base a questa esperienza sono state elaborate proposte già sottoposte a politici e istituzioni di vari paesi europei.

L’incontro del 16 maggio punta a condividere le esperienze sul campo fatte in Grecia e in Bosnia, a offrire una panoramica della situazione lungo la rotta balcanica e a coinvolgere il pubblico dando spazio a domande, illustrando richieste e proponendo iniziative concrete di aiuto e solidarietà. Il “game” del titolo purtroppo non è un gioco, ma il nome che viene dato dai migranti al tentativo di raggiungere l’Europa, fuggendo dai campi profughi turchi e greci e cercando di attraversare il confine tra Macedonia e Serbia, tra Serbia e Bosnia e tra Bosnia e Croazia. Un percorso  lungo e pieno di ostacoli: camminate tra i boschi, mine antiuomo inesplose rimaste dalla guerra nella ex Jugoslavia, intemperie, violenze e abusi da parte della polizia croata che, finanziata dall’Unione Europea, respinge in maniera totalmente illegale in Bosnia i migranti che riescono ad attraversare il confine e a giungere in Europa.

Parlare della rotta balcanica dunque è una necessità e un dovere per chi non vuole arrendersi alle violazioni dei diritti umani ed è deciso a riaffermare il valore della solidarietà al di là di ogni frontiera.

Categorie: Europa, Migranti
Tags: , , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 19.11.19

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.