Afrin, chiesta la condanna della Turchia per crimini di guerra

21.03.2018 - Peacelink Telematica per la Pace

Afrin, chiesta la condanna della Turchia per crimini di guerra
(Foto di Moon of Alabama)

La Turchia ha invaso la Siria per stroncare i curdi ad Afrin.

Il 15 marzo PeaceLink scriveva al Ministro degli Affari Esteri per una risoluzione ONU simile a quella che consentì all’Italia, 12 anni fa, di frapporsi con successo tra le forze armate israeliane e libanesi, riportando la pace. Vedere https://www.peacelink.it/pace/a/45179.html

Così non è stato e in Siria l’assedio e i bombardamenti hanno fatto vincere la Turchia. Ad Afrin si assiste al dramma dei civili curdi: “Oltre 200 mila senza cibo né acqua”. La Turchia appoggia l’ELS (Esercito Siriano Libero) e la situazione si fa sempre più drammatica
(http://www.repubblica.it/esteri/2018/03/19/news/afrin_siria_turchia_curdi-191679462/).

Ora viene chiesta la condanna della Turchia per crimini di guerra, come si legge su
http://www.uikionlus.com/reportage-relativo-alla-criminale-politica-di-erdogan-contro-il-popolo-curdo/

Decine di testimoni hanno presentato alla giuria popolare di Parigi le prove di quella che Fermon (1) afferma essere una “deliberata strategia criminale di Erdogan contro i Curdi; siamo di fronte ad uno stato, la Turchia, che agisce come una vera e propria organizzazione criminale al di fuori di ogni controllo, che ha sostenuto e sostiene organizzazioni terroriste legate alla djhad islamica e a Daech (2) pur di contenere le rivendicazioni legittime dei Curdi, che occupa e bombarda indiscriminatamente altri stati sovrani come la
Siria o l’Irak per impedire l’autogoverno democratico, laico e progressista dei Curdi”.

—–

(1) Jan Fermon, avvocato belga Segretario Generale dell’Associazione Internazionale degli Avvocati Democratici, è il Procuratore Generale presso il Tribunale Permanente dei Popoli (TPP) convocato a Parigi il 15-16 marzo 2018 per giudicare la politica di Erdogan nei confronti dei Curdi. Ha dichiarato:
“La Turchia come tale, il suo Presidente Erdogan devono essere condannati per crimini di guerra e crimini contro l’umanità”.

(2) Una particolare impressione l’ha fatta la testimonianza di David Phillips, attualmente Direttore del programma di peace-building e diritti umani della Columbia University negli Stati Uniti, che ha occupato anche posizioni di rilievo in seno a numerose organizzazioni politico-diplomatiche USA, oltre ad essere un noto commentatore politico americano sui fatti in Medioriente. “La Turchia si presenta come alleato della NATO o dell’Occidente -dice Phillips- ma in realtà abbiamo prove schiaccianti sul suo sostegno a Daech e all’integralismo djjadista nella regione: i passaporti trovati in possesso di esponenti di Daech sono stampati in Turchia; le carte telefoniche da loro usate sono state fornite dal MIT; esistono campi di reclutamento djhadista in Turchia, da cui sono stati poi inviati combattenti a Kobane, Afrin e altre aree curde; abbiamo le tracce di finanziamenti illeciti dal governo turco verso organizzazioni estremiste; ospedali alla frontiera con la Siria hanno accolto ed accolgono combattenti di Daech, compresi esponenti di primo piano
dell’organizzazione di Al-Bagdadi, il capo dello stato islamico; il figlio di Erdogan è personalmente coinvolto in operazioni di sostegno finanziario a Daesch. Se la Turchia presentasse oggi una domanda di adesione alla NATO verrebbe immediatamente respinta -afferma Phillips- perché la Turchia non fa assolutamente parte di quella “comunità di valori” che la NATO dice di rappresentare”.

Categorie: Comunicati Stampa, Medio Oriente, Pace e Disarmo
Tags: , , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 06.12.19

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.