Honduras: Un appello all’azione per le attiviste dei diritti umani

18.10.2017 - Peacelink Telematica per la Pace

Honduras: Un appello all’azione per le attiviste dei diritti umani

180 organizzazioni a livello mondiale chiedono che si ponga fine alla loro persecuzione e criminalizzazione

Con l’hashtag #DefendamosALasDefensoras, l’Iniziativa mesoamericana delle donne a difesa dei diritti umani, IM-Defensoras, e 179 organizzazioni internazionali, regionali e locali hanno pubblicato un appello urgente per dare visibilità al grave contesto di repressione e criminalizzazione in cui si trovano a operare movimenti sociali, organizzazioni dei diritti umani e, in modo particolare, le donne che difendono i diritti umani.Durante gli ultimi quattro mesi, IM-Defensoras[1], di cui fanno parte più di 800 attiviste della regione, ha lanciato 14 appelli urgenti in cui denunciava le aggressioni subite dalle attiviste, dalle loro organizzazioni o dalle comunità in cui vivono.

La maggior parte di queste aggressioni, spiega l’organizzazione in una lettera pubblica[2], sono state compiute da agenti dello Stato e includono l’uso eccessivo della forza, la detenzione arbitraria e l’ingiusta incriminazione.

“L’attacco contro chi s’impegna a vigilare il rispetto degli obblighi che lo Stato ha in materia di diritti umani è l’espressione di un’ulteriore chiusura degli spazi democratici, del ritorno all’autoritarismo e di una flagrante violazione dei trattati internazionali in materia di diritti umani sottoscritti dall’Honduras”, segnala IM-Defensoras.

Per le organizzazioni che integrano questo spazio, aggressioni come quelle che stanno avvenendo avrebbero come obiettivo quello di “inibire la protesta sociale e il lavoro di difesa dei diritti umani”, aprendo la strada a nuove e ancor più gravi azioni di repressione e lasciando i cittadini in una situazione di estrema vulnerabilità. Principali vittime dell’escalation della repressione sono stati i membri del movimento studentesco universitario e gli attivisti e attiviste dei diritti umani. Dopo una violenta repressione da parte della polizia lo scorso settembre sono stati fermati, arrestati e processati per direttissima[3].

Membri e dirigenti dell’Organizzazione fraterna nera honduregna, Ofraneh, del Movimento ampio per la dignità e la giustizia, Madj, e del Consiglio civico delle organizzazioni popolari e indigene dell’Honduras, Copinh sono stati diffamati, perseguitati, aggrediti e criminalizzati. Anche le attiviste che difendono il diritto alla salute e all’accesso alla terra sono state vittime di forti attacchi.

La complicità dello Stato

La maggior parte delle aggressioni, spiega il documento di IM-Defensoras, sono state realizzate dalla forza pubblica e in quei pochi casi in cui non c’è stato il suo coinvolgimento diretto, le autorità “non hanno fatto nulla per garantire la sicurezza e l’accesso alla giustizia delle attiviste”.

IM-Defensoras ha anche fatto notare come la situazione sia preoccupante in particolar modo per Miriam Miranda e Medalime David, entrambe dirigenti garífunas di Ofraneh, le quali sono state vittime di ripetuti attacchi violenti[4].

“Non dobbiamo dimenticare che l’omicidio di Berta Cáceres (avvenuto più di 19 mesi fa) è stato preceduto da una serie di aggressioni molto simili a quelle che sta subendo Miriam Miranda, la quale continua a essere fatta oggetto di persecuzione e false incriminazioni”, avverte IM-Defensoras.

Una situazione che è ancor più preoccupante quando si tratta di attiviste, in un paese come l’Honduras dove la discriminazione e la violenza di genere ha raggiunto livelli intollerabili. Tra il 2012 e il 2016 IM-Defensoras ha documentato 1.128 aggressioni e 13 omicidi di attiviste dei diritti umani.

Di fronte a questa situazione, l’IM-Defensoras, la Rete nazionale dei difensori dei diritti umani in Honduras e 179 organizzazioni internazionali, regionali e locali, tra cui la Rel-UITA, hanno rivolto un appello all’opinione pubblica nazionale e internazionale affinché esiga allo Stato dell’Honduras la fine delle persecuzioni e dell’impunità, garantendo la sicurezza di chi difende i diritti umani e il diritto a svolgere liberamente il proprio lavoro.

Note:

[1] Gruppo di organizzazioni di El Salvador, Guatemala, Honduras, Messico e Nicaragua, formato da JASS- Mesoamerica, Consorzio per il dialogo parlamentare e l’equità Oaxaca (Messico), UDEFEGUA-Unità di protezione dei difensori dei diritti umani del Guatemala, Collettivo femminista per lo sviluppo locale (El Salvador), AWID- Associazione per i diritti delle donne nello sviluppo, FCAM- Fondo centroamericano delle donne (Guatemala) e Reti nazionali delle attiviste dell’Honduras, Messico, Guatemala, El Salvador e Nicaragua.
[2]
https://goo.gl/5R3AsJ
[3]
https://goo.gl/U3fwKm

[4] https://goo.gl/gr1SDv

Fonte: Rel-UITA/LINyM

Note:Traduzione Gianpaolo Rocchi

Categorie: Diritti Umani, Non categorizzato, Popoli originari, Sud America
Tags: , , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


App Pressenza

App Pressenza

Diritti all'informAZIONE

Video presentation: What Pressenza is...

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.