L’Italia all’Africa: “Chiudere il rubinetto” delle partenze

31.08.2017 - Riccardo Noury

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo

L’Italia all’Africa: “Chiudere il rubinetto” delle partenze
(Foto di Andrew McConnell/MSF)

Questa espressione non è una raccomandazione alla popolazione di Roma, dovuta all’assenza di pioggia e alla conseguente carenza di riserve idriche. Piuttosto, è una politica e insieme un richiesta perentoria. Quella frase la pronuncia un super-funzionario del Ministero dell’Interno ne “L’ordine delle cose”, il nuovo film di Andrea Segre che oggi, 31 agosto, viene presentato in anteprima mondiale alla Mostra internazionale del cinema di Venezia e che dal 7 settembre sarà nelle sale italiane.

La richiesta, nel film, ha per destinatari vari soggetti libici, istituzionali e non: dalla Guardia Costiera alle milizie armate.

Nel film? Non è, anche e soprattutto, la richiesta che l’Italia sta facendo da mesi a un numero sempre più ampio di interlocutori in Africa? Alla Libia, come già sappiamo (anzi, al momento a due Libie su tre: il governo riconosciuto di Serraj e le tribù del Fezzan; ci manca la terza, quella del generale Haftar, ma grazie al ritorno dell’ambasciatore italiano al Cairo, questa lacuna verrà presto colmata), ma anche – ospiti del recente vertice di Parigi – a Niger e Ciad.

“Chiudere il rubinetto” delle partenze significa, di fatto, spostare la frontiera meridionale dell’Unione Europea, e dunque quella italiana, sempre più a sud: non più soltanto sulle coste libiche, ma nell’Africa sub-sahariana.

I risultati, per chi l’ha promossa temendo fosse a rischio anche la “tenuta democratica” del nostro paese, iniziano a essere eccellenti. Il numero degli approdi in Italia, in forte diminuzione, ne è testimone.

Per chi la subisce, quella politica, ossia i migranti e i richiedenti asilo, i risultati sono destinati a essere infernali. Non approdare significa non partire. E non partire vuol dire sia marcire nelle prigioni libiche che rimanere intrappolati nel deserto più giù

“Occhio non vede, cuore non duole”. La politica del “chiudere il rubinetto” non è in fondo altro che un’applicazione di quel detto, ormai principio ispiratore della politica italiana ed europea sull’immigrazione.

 

Categorie: Africa, Diritti Umani, Europa, Opinioni
Tags: , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.

maltepe escort