L’Italia consenta una discussione democratica sul CETA

04.07.2016 - Redazione Italia

L’Italia consenta una discussione democratica sul CETA
Oltre 6 mila italiani chiedono a governo e parlamento di aprire il dibattito sul CETA, accordo commerciale Ue-Canada
Roma, 4 luglio 2016 – Alla vigilia della decisione Ue sul CETA, il trattato di libero scambio tra Ue e Canada, oltre seimila italiani chiedono a governo e parlamento di consentire una discussione democratica sugli accordi commerciali: http://www.progressi.org/stopceta
Oggi è avvenuta la consegna delle firme al Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, alla Presidente della Camera Laura Boldrini e al Presidente del Senato Pietro Grasso, oltre che ai parlamentari nazionali ed europei delle commissioni interessate.
Progressi in questi mesi ha raccolto e presentato le preoccupazioni dei cittadini nei confronti del trattato che rischia di favorire le multinazionali americane a discapito dei piccoli produttori e dei lavoratori italiani. Oltre alla nostra petizione sul CETA, stiamo portando avanti la raccolta firme contro il TTIP insieme alla Campagna StopTTIP Italia, a cui hanno aderito oltre 20 mila persone.
“Abbiamo lanciato la petizione sul CETA solo pochi giorni fa, quando abbiamo saputo che il governo italiano – a differenza di quelli tedesco, francese e austriaco – premeva per scavalcare i parlamenti europei e lasciare la competenza esclusiva alla Commissione”, spiega Vittorio Longhi, fondatore di Progressi.
Tra domani e mercoledì, infatti, il Consiglio Europeo e la Commissione prenderanno una decisione sulla competenza per la ratifica finale del CETA.
Per questo motivo Progressi sta facendo pressione anche sui parlamentari italiani e su quelli europei, a cui ha girato la raccolta di firme.
Venerdì scorso 36 deputati del Partito Democratico hanno rivolto un’interpellanza al ministro Calenda per chiedere di discutere TTIP e CETA in Parlamento.
“È la prima volta che si apre il dibattito su questi trattati all’interno del partito di maggioranza – spiega Longhi – Si tratta di un risultato significativo e dimostra che certe istituzioni sono permeabili alla spinta dal basso, alle domande legittime dei cittadini su quanto si decide a Bruxelles”.
Progressi.org
Categorie: Comunicati Stampa, Europa, Nord America, Politica
Tags: , , , , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 19.02.20

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

Chiudiamo le pagine di chi spegne i sorrisi

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.