Più della metà delle specie di alberi in Amazzonia sono minacciate, è quanto è emerso da uno studio a cui hanno partecipato oltre 150 scienziati provenienti da 21 paesi. Finora non vi era mai stata una stima attendibile, sulla reale entità della minaccia alle specie arboree dell’Amazzonia.

Lo studio dati alla mano riporta che, qualora l’attuale tasso di deforestazione continuasse, entro la fine del 2020 più del 57% delle specie arboree saranno seriamente minacciate d’estinzione.

Per questo sono stati inseriti dai ricercatori nella lista rossa “specie in via d’estinzione” compilata dall’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura, IUCN.

Lo studio ha anche evidenziato un ruolo chiave da parte delle comunità indigene, nella conservazione delle specie arboree, nelle aree dove sono presenti comunità Indios le specie minacciate d’estinzione non supera il 30% del totale.

I dati dello studio sono davvero preoccupanti eppure i ricercatori affermano che è ancora possibile salvare la specie arboree minacciate in Amazzonia, la strategia è quella di realizzare grandi aree destinate a parchi e riserve esistenti gestite correttamente, ha esposto William Laurance della James Cook University in Australia, uno degli autori dello studio pubblicato sulla rivista “Science Advances”

In Amazzonia popolazioni Indios e specie arboree da sempre intrecciano i loro destini, gli indios vivono grazie agli alberi e alle risorse offerte dalla foresta e al tempo stesso ne sono i custodi. “Senza la presenza degli indios, già oggi il numero di specie estinte sarebbe stato oltre il doppio” ha dichiarato Nigel Pitman ecologista presso il Field Museum di Chicago, un altro degli autori dello studio.

Inoltre gli alberi e la foresta amazzonica in particolare rappresentano importantissimi ed efficaci ecosistemi per la mitigazione del clima e dell’effetto serra in atto nel pianeta.

Lo studio riporta oltre 1.500, tra mappe e proiezioni che illustrano lo stato di deforestazione in corso e riesce persino a stimare quante specie sono andate già perdute e dove.

L’inchiesta ha riguardato quasi 5,5 milioni chilometri quadrati di foresta presente in Brasile, Perù, Colombia, Venezuela, Ecuador, Bolivia, Guyana, Suriname e Guyana francese.

Il lavoro è stato coordinato da Nigel Pitman responsabile presso il Naturalis Biodiversity Center in Olanda.

Si ritiene che l’Amazzonia, prima dell’intervento dell’uomo, potesse ospitare oltre 15.000 diverse specie di alberi.

“Stimiamo che più della metà di tutte le specie potrebbe estinguersi”, ha detto un altro autore dello studio, Carlos Peres, della Scuola di Studi Ambientali della East England University in UK.

Per nostra fortuna le aree che contengono la maggior parte delle specie di arboree sono attualmente all’interno di riserve indigene che ora coprono più della metà del bacino amazzonico e probabilmente ospitano una percentuale considerevole delle specie più minacciate”.

Peres però ha avvertito che questo non basta perché le aree protette dagli indios attualmente sono sottoposte a continui mutamenti nell’assetto geomorfologico e ambientale a causa della costruzione di dighe da parte di compagnie minerarie, e sono costantemente assediate da incendi dolosi causati dall’uomo e dalla siccità, il cui livello in questi ultimi anni è aumentato.

E’ infatti storia recente la scomparsa di Eusebio, capo carismatico e Curandero degli Indios, che nell’Aprile di quest’anno è stato assassinato con un colpo di fucile sparato alle spalle, da due sicari mandati dai taglialegna locali.

Carne, Soia e Olio di Palma tra i principali responsabili della deforestazione

Le specie arboree stanno scomparendo, principalmente a causa dell’intervento distruttivo delle compagnie minerarie, degli allevamenti di bestiame, destinati alla produzione di carne per le grandi catene di fast food, come ad esempio Mc Donald oppure tagliate per far spazio alle coltivazioni di soia e olio di palma, destinati poi ad uso industriale per i grandi produttori alimentari.

Attualmente le foreste amazzoniche hanno perso il 12% della loro estensione e si prevede che possano perdere da un 9 a un 28% ulteriore entro il 2050.

La foresta amazzonica copre una superficie di 6,1 milioni di chilometri quadrati di superficie, il 60% si trova in Brasile, e mentre il Brasile ha ridotto la deforestazione negli ultimi dieci anni, quest’ultima è in aumento in paesi come Bolivia e Perù.

Il World Wide Fund for Nature (WWF) ha stimato che ogni giorno a causa della deforestazione vada perduta una superficie pari a circa 4.500 campi di calcio.

Inoltre, si prevede che la domanda di carni bovine, soia e olio di palma, sarà in aumento nei prossimi anni, che sono fra i fattori principali della deforestazione.

“Salvare la foresta amazzonica è una vera e propria battaglia del nostro tempo”, ha dichiarato Laurance.

La deforestazione nell’area amazzonica brasiliana è scesa del 18% negli ultimi 12 mesi, grazie all’adozione del Codice forestale, è quanto ha affermato pochi giorni fa il Ministro dell’Ambiente brasiliano, Isabella Teixeira.

Un Codice forestale attualmente ancora molto controverso, perché se da una parte ha migliorato la situazione generale, dall’altra la normativa approvata dopo più di un decennio di battaglie, risente ancora pesantemente delle pressioni sviluppate da parte delle organizzazioni degli agricoltori e delle grandi compagnie multinazionali.

Nonostante il calo rispetto all’anno precedente, in Brasile “si è ancora lontani dal raggiungere l’obiettivo di deforestazione minima”, ha scritto Marco Lentini del WWF brasiliano, sul quotidiano britannico The Guardian.

Così se da una parte la battaglia per la salvaguardia delle foresta amazzonica e delle popolazioni Indios ci sembra una questione lontana da noi, su cui crediamo di non poter direttamente incidere, dall’altra una nostra presa di coscienza e una conseguente riduzione dei consumi di Carne, Soia e di tutti quei prodotti industriali che contengo Olio di Palma, può dare un importante contributo alla riduzione della deforestazione in atto e diventare un gesto di reale sostegno ai popoli Indios che della foresta amazzonica vivono e proteggendola tutelano anche noi e le generazioni future.