diplomazia

Si vis pacem para pacem: alcuni consigli pratici

La guerra in Ucraina ha compiuto sei mesi. Bisogna forse risalire alla guerra in Kosovo nel 1999 (che tuttavia ne durò meno di quattro, mentre di questa non si vede la fine) per trovare un conflitto che abbia stretto altrettanto…

Sintesi della Presidenza dalla Conferenza di Vienna sull’impatto umanitario delle armi nucleari

Di seguito si riportano le conclusioni rese dal Ministero degli Esteri austriaco il 20 giugno 2022 alla Conferenza di Vienna sugli Impatti Umanitari della Guerra Nucleare.   Carə Colleghə, Signore e Signori, Oggi abbiamo ascoltato presentazioni e discussioni molto istruttive.…

Presentato il Comitato sardo “No armi – Trattativa subito”

La conferenza stampa di presentazione del “Comitato No armi – Trattativa subito” nella sede dell’Ordine dei giornalisti a Cagliari ha visto una larga partecipazione di pacifisti, anche via web, che con la loro presenza attiva hanno voluto esprimere il loro consenso e…

Nord Corea: intrighi ma anche mediazioni

Dietro gli allarmi mediatici – spesso inutili o controproducenti – la crisi coreana deve essere seguita e commentata per quella che è, in termini realistici. Ho già discusso un aspetto di fondo[1], ancora falsato in molti commenti: ormai – in…

Bernie Sanders delinea una politica estera progressista

di Jake Johnson, giornalista di Common Dreams Dopo essersi dedicato per mesi a temi come l’assistenza sanitaria, i diritti sindacali e il salario minimo a 15 dollari, in un discorso tenuto giovedì scorso al Westminster College di Fulton, nel Missouri, dove…

Verso una nuova modalità di relazione tra le nazioni: la diplomazia della Nonviolenza Attiva

Nesly Lizarazo, presidente dell’agenzia di stampa internazionale Pressenza, durante la sua recente partecipazione al Tavolo di discussione “Costruzione della Pace” organizzato dal Ministero delle Relazioni Estere e della Mobilità Umana ecuadoriano, ha affermato che “l’Ecuador potrebbe dare un segnale di…

Venti di guerra fredda nei Balcani

La recente dichiarazione di Angela Merkel, per la quale il comportamento della Russia finirà per avere ripercussioni anche sul vicinato europeo, a partire dalla Moldova e dalla Serbia, minacciando perfino di rivedere, in sede europea, la politica di prossimità nei…