Gabriela Amaya

Editrice e redattrice in spagnolo. Gabriela Amaya partecipa a Pressenza dall'inizio. Ha lavorato in radio e giornali ed ha deciso,da molti anni, di fare il suo lavoro come professionista volontaria al servizio della pace e della nonviolenza. Collabora con associazioni e coordinamenti appoggiandoli nell'azione giornalistica.

Menzogne da smentire: falsi argomenti sulla necessità di privatizzare la sanità pubblica

Nell’intervista fatta da Pressenza al dottor Juan Luis Ruiz-Giménez (versione completa in spagnolo al link: http://www.pressenza.com/es/2012/12/todos-por-la-sanidad-publica/), questi sottolinea la necessità di smentire le bugie che si raccontano per giustificare la necessità di privatizzare la sanità pubblica. Queste menzogne sono fondamentalmente…

Il governo Rajoy nuoce gravemente alla salute

All’inizio di settembre si è consumato un nuovo attacco ai diritti della popolazione. In particolare contro i migranti irregolari, ai quali viene negata l’assistenza sanitaria, se non a pagamento. Questa misura si aggiunge a quelle che già si stanno applicando…

Il movimento 15M è vivo più che mai

In molti si sono chiesti se il Movimento 15M sarebbe sopravvissuto. Noi abbiamo verificato che c’è ancora molto da fare ma che il movimento è più che mai vivo. Sempre autocritico e incessantemente in cerca di un sistema diverso, celebra gli obiettivi raggiunti, si chiede in che modo procedere e qual è il passo successivo per coinvolgere il 99% della popolazione.

Evo usa lo stesso discorso con gli imprenditori e con la base sociale

Nell’incontro che il Presidente Evo Morales ha avuto stamane con gli imprenditori spagnoli, nel contesto del FORUM NUEVA ECONOMIA, è stato ascoltato lo stesso discorso che migliaia di persone hanno sentito a Leganés. In quest’occasione Morales ha garantito gli investimenti stranieri, sempre e quando rispettino la normativa boliviana.

Bolivia, la rivoluzione nonviolenta

In questo articolo l’autrice analizza le ragioni grazie alle quali è possibile affermare che il processo boliviano, guidato dal Presidente Evo Morales, è un processo umanitario, pacifico e nonviolento.
A dimostrarlo, una nuova Costituzione, considerata rivoluzionaria in molti punti, e l’atteggiamento assunto da Morales in particolari situazioni di conflitto.

Accesa nel Parco della Pace ad Hiroshima la fiamma della MM

La cerimonia si è svolta proprio davanti alla torcia accesa nel 1945 in memoria di coloro che morirono e che rimarrà accesa fino a quando non saranno eliminate tutte le armi nucleari. Rappresentanti della marcia Mondiale – presenti alla cerimonia – porteranno la fiamma di Hiroshima in tutti i paesi attraverso i quali passerà la MM, reclamando l’abolizione del nucleare.

1 3 4 5