Dopo nove lunghi giorni di attesa, Taranto è stata finalmente indicata come porto sicuro per le 659 persone salvate dalla Geo Barents, la nave di Medici senza Frontiere.

Le operazioni di sbarco sono ancora in corso e continueranno per tutta la notte: 248 persone sono già a terra, mentre altre 411 stanno ancora aspettando. Speriamo che i sopravvissuti ricevano l’assistenza e le cure mediche di cui hanno bisogno.

Non deve più accadere che persone vulnerabili siano bloccate in mare per un periodo così lungo.

Medici senza Frontiere lo annuncia su twitter. Vedendo le immagini di donne e bambini salvati dalla Geo Barents, viene spontaneo chiedersi: sono questi gli invasori da cui dobbiamo difendere i confini, anche a costo di un blocco navale, come invocato da Salvini e Meloni? La disumanità, quella sì, non ha confini.