In risposta al presunto proposito della Ministra degli Interni Priti Patel inglese di “respingere” in acque francesi le imbarcazioni di migranti che attraversano il canale della Manica, Steve Valdez-Symonds, direttore del programma Diritti dei rifugiati e dei migranti di Amnesty International Regno Unito, ha dichiarato:

“I piani di respingimento del governo non hanno senso, sono pericolosi e quasi sicuramente illegali. Intercettare le navi nel canale della Manica comporta un rischio altissimo e respingere chi arriva metterà in pericolo le vite di queste persone, in netto contrasto con l’obbligo giuridico di soccorso in mare.

Le persone hanno tutto il diritto di richiedere asilo nel Regno Unito. Intraprendono pericolosi viaggi e si affidano ai trafficanti solo perché non ci sono alternative sicure a loro disposizione. Le persone con familiari o con altri contatti sicuri con questo paese non hanno attualmente altri mezzi per esercitare il loro diritto di richiedere asilo nel Regno Unito, se non quello di ricorrere a viaggi terribili come questi.

Oltre ai piani draconiani di criminalizzare i rifugiati che arrivano nel Regno Unito, il governo sta giocando a fare politica con le vite delle persone nel canale della Manica. Si tratta di un atteggiamento crudele e destinato al fallimento.

La Ministra degli Interni dovrebbe porre fine a questa falsa posizione “dura” e avviare dei colloqui con il suo omologo francese in merito a una giusta condivisione delle responsabilità in materia di rifugiati con la Francia, un paese che riceve il triplo dei richiedenti asilo del Regno Unito”.