Sfidando il caldo un drappello di militanti si son trovati, in occasione della visita della Ministra Lamorgese, oggi alle 14 in centro a Firenze per ribadire la loro contrarietà all’ipotesi ventilata dal Ministero degli Interni di istituire un CPR in ogni regione.

I militanti di vari comitati antizazzisti cittadini hanno anche ribadito che i CPR sono luoghi in cui la legalità viene sospesa se non soppressa, dove vengono violati sistematicamente i diritti umani e dove, per giunta, non si realizza affatto lo scopo per cui sarebbero stati creati.

Il presidio si è iscritto in una serie di mobilitazioni contro i CPR che stanno realizzandosi in varie parti d’Italia.