Adolescenti in classe da lunedì 18 gennaio. L’isola che torna ad esserCI: la Scuola in presenza

17.01.2021 - Redazione Torino

Adolescenti in classe da lunedì 18 gennaio. L’isola che torna ad esserCI: la Scuola in presenza
gabriella mancini

Se fossi una vera giornalista non scriverei un pezzo su una manifestazione una settimana dopo della manifestazione stessa. Ma la realtà è che il pezzo non è propriamente sulla manifestazione del 9 gennaio in Piazza Castello a Torino e che, prima di essere una giornalista, sono un’insegnante, prima di un’insegnante sono una mamma, prima ancora una donna e soprattutto una persona. Allora, sapete cosa c’è? Che scrivo senza tempi perché quello che vi voglio raccontare non ha tempo, perché l’ineludibile stato d’invisibilità che hanno avuto i nostri adolescenti, da un anno a questa parte, non può essere scandito dal tempo ma deve correre davanti al tempo, deve superarlo e deve chiedergli un rimborso. Per le pagine rubate, per la conoscenza persa, per la privazione degli stimoli, delle passioni e di tutto quello che, anche se alcuni non ammetteranno mai, ha segnato un confine tra il prima e il dopo. Lunedì 18 gennaio, in Piemonte, 176 mila ragazzi torneranno a scuola alternandosi al 50% in classe fino a un massimo del 75%. «Speriamo che si riprendano quell’Isola che ‘non c’è più stata’» dice Aliza Matizen, insegnante di lingua e cultura spagnola all’Istituto d’Istruzione Superiore Marie CurieCarlo Levi di Collegno e sostenitrice di Priorità alla Scuola. «La Scuola deve riappropriarsi di ciò che era: il luogo dove si realizzano i sogni dei giovani, la culla per eccellenza della crescita umana e culturale di cui la dad non è che un mero surrogato». Aliza ha lo sguardo della passionaria e, non a caso, mi esprime il suo pensiero mentre alle sue spalle la manifestazione indetta da Priorità alla Scuola va avanti sulle note di Edoardo Bennato proprio con il suo storico pezzo: “L’isola che non c’è“. 

Dopo di lei a raccontarmi qualcosa è Nadia Pericoli, quattordicenne studentessa della IV ginnasio(sezione C) al Gioberti. Nadia si ritiene privilegiata poiché figlia di genitori attenti al dialogo e alla riflessione, genitori che le danno consapevolezza e coraggio per scendere in piazza a reclamare il diritto dell’unica istruzione che ha senso d’essere: quella in presenza. Nadia, con la freschezza della sua età ma anche la forza dei propri ideali, sottolinea quanto non voglia che ci sia divisione e battaglia tra docenti, famiglie e allievi ma un unico coro di persone con l’obiettivo di non essere invisibili. Per l’amica e compagna di scuola accanto a lei, Ottaviana Varo, l’esserci in piazza equivale anche al raccontare le difficoltà della solitudine data da mesi di Dad e la fortuna, però, di aver trovato, seppur in poche settimane, una classe coesa e un gruppo solidale a cui appoggiarsi e trovare la motivazione per andare avanti. «Al Gioberti l’ora di studio asincrono, i gruppi di dialogo condiviso o i momenti per ideare e creare progetti a distanza ci hanno fatto sentire meno soli e hanno ricreato una sorta di classe, seppur lontana anni luce da ciò che può nascere in presenza. Mancano gli sguardi non filtrati dal video, le battute e il coinvolgimento del sapere. Manca un tutto».  

Quel tutto che, qualche momento prima che il Comitato tecnico scientifico nazionale e il Governo decretassero il ritorno in classe degli adolescenti, si auspicava la cittadina torinese Giuseppina Pipino. Anagraficamente lontana da Nadia e Ottaviana, 87 anni contro i loro 14, ma vicina a loro con il cuore. Tanto vicina da voler leggere, per paura di scordarne le parole, una lettera di auguri ai suoi nipoti liceali. “Cari Alice, Leonardo e Sara, vi auguro di tornare presto tra i banchi, di tornare a vivere, di riscoprire la curiosità per il sapere e di sperimentare i primi amori“.  Perché la scuola è anche questo. E ora, più che mai, deve trasformarsi nell’isola che c’è. Darle colore, renderla visibile nella nebbia dei decreti, liberarla dal giogo politico e mantenerla in piedi. Salda e incredibilmente vera.

Buon ‘primo giorno di scuola’, ragazzi!

(Gabriella Mancini)

Categorie: Educazione, Non categorizzato
Tags: , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.