La Campagna per l’Indipendenza della Giustizia ha prodotto un nuovo comunicato stampa, questa volta dovuto ai nuovi attacchi che la Giurisdizione Speciale per la Pace (JEP) ha ricevuto dal Partito del Governo e dallo stesso Presidente Ivan Duque.

#NadiePorEncimaDeLaJusticia (Nessuno al di sopra della giustizia)

Dopo anni di negoziati tra il Governo nazionale e le FARC-EP, nel 2016 è stato raggiunto l’Accordo finale per la pace, che ha posto fine a un lungo conflitto armato interno che ha causato milioni di vittime e problemi non ancora risolti. In virtù di questo accordo, è stato creato un Sistema integrale di verità, giustizia, riparazione e non ripetizione (SIVJRNR), costituito da due meccanismi extragiudiziali e dalla Giurisdizione speciale per la pace (JEP), il cui obiettivo è quello di soddisfare i diritti delle vittime, garantire il loro riconoscimento come cittadini con diritti, ottenere la piena verità di ciò che è accaduto durante il conflitto e ottenere la massima giustizia con sanzioni alternative e responsabilità.

Il JEP ha un proprio regime giuridico, è autonomo e gode di indipendenza giudiziaria, come qualsiasi giudice, tribunale o alta corte. Tuttavia, sono state prese iniziative di ogni tipo contro di essa per screditarne l’attività e lo scopo. Il presidente Iván Duque ha rifiutato di ratificare la legge statutaria del JEP, ritardandone il funzionamento, e tagliandone i fondi. Di fronte alla paura della verità, il leader del partito di governo e molti dei suoi membri si caratterizzano per un atteggiamento di attacco e di discredito della JEP, al punto di proporne la fine. In effetti, tutta questa campagna diffamatoria e la richiesta di un referendum per l’abrogazione del JEP è stata una questione attuale nell’agenda di Uribe dopo tre tentativi di riformare o abrogare questa giurisdizione.

Tuttavia, c’è un forte sostegno per la JEP da parte delle vittime, della comunità nazionale e internazionale, delle Nazioni Unite e di vari organismi internazionali. Anche se la JEP è recente, c’è un bilancio positivo rispetto ai progressi che sono stati fatti. Dall’inizio del 2020 è già stata presente in 28 dipartimenti, 12.600 persone sia delle FARC che delle forze di sicurezza si sono sottoposte ad essa, ha tenuto più di 80 udienze, più di 429 persone si sono offerte volontarie per testimoniare, sette casi importanti sono stati aperti, sono state accreditate circa 308.000 vittime e sono state ricevute 309 segnalazioni.

Gli attacchi alla JEP non si sono limitati a forti critiche alla presunta impunità o a richieste di referendum in deroga, in quanto è stata adottata una misura estremamente dannosa per la sua attività. Si tratta della mancata approvazione del bilancio previsto per il 2021, che era destinato alla protezione e alla cura delle vittime, dei testimoni, dei partecipanti, dei colpevoli e ai costi per il suo funzionamento, le sue risorse saranno ridotte del 20%.

Si tratta di un attacco diretto che arriva subito dopo che la senatrice Milla Romero Soto ha annunciato che verrà presentato un disegno di legge per porre fine alla JEP, riferendosi al fatto che la JEP riceve un grosso budget eppure persiste l’impunità. Inoltre, la senatrice Paloma Valencia ha veicolato dei messaggi completamente sbagliati che ignorano l’imparzialità che qualsiasi giudice o tribunale deve mantenere. La sua critica è generata dal presunto trattamento ingiusto dei membri delle forze di sicurezza.

La JEP non rappresenta l’impunità o la parzialità nei confronti di certi imputati, la JEP cerca di fare giustizia in modo diretto, imparziale e indipendente. Con questo cerca di garantire la verità, la giustizia e la responsabilità, che di solito sono soppesate rispetto ad altri fini del tutto legittimi e auspicabili in uno Stato di diritto sociale, come la garanzia dei diritti delle vittime e il raggiungimento di una pace sostenibile. Deve essere chiaro che la giustizia transitoria non funziona allo stesso modo della giustizia ordinaria.

Per tre anni, tutti questi problemi sono stati fermamente affrontati da Patricia Linares Prieto, che è stata sostituita nella presidenza di questa Giurisdizione dal giudice Eduardo Cifuentes Muñoz, che ha una vasta esperienza nel settore giudiziario e in ambito internazionale, ed è stata magistrato e presidente della Corte Costituzionale tra il 1991 e il 2000. Assumerà la presidenza in un momento critico, in cui l’indipendenza della giustizia è stata sottoposta a costanti pressioni politiche, minacce e interferenze che hanno caratterizzato un governo autoritario che rifiuta di rafforzare lo stato di diritto sociale e la democrazia.

 

Piattaforme per i diritti umani

1. Coordinamento Colombia Europa Stati Uniti

2. Alleanza di organizzazioni sociali e affini

3. Piattaforma colombiana per i diritti umani, la democrazia e lo sviluppo

Organizzazioni

1. Collettivo Socio-Legale Orlando Fals Borda Borda

2. Commissione dei giuristi colombiani

3. Centro di consulenza per i diritti umani e lo sfollamento -CODHES-

4. Collettivo degli avvocati José Alvear Restrepo

5. Viva la Ciudadania

6. Asonal Judicial S.I.

7. Colombia Human Rights Committee

8. Corporazione Reiniciar

9. Fasol

 

Traduzione dallo spagnolo di Silvia Nocera