Gli indigeni brasiliani si aiutano da soli contro la volontà del governo

10.06.2020 - Associazione per i Popoli Minacciati

Gli indigeni brasiliani si aiutano da soli contro la volontà del governo
(Foto di youtube.com)

Dalla scorsa settimana, il Ministero della Salute brasiliano ha costantemente cambiato il modello per la pubblicazione delle attuali cifre sull’infezione da coronavirus. Le cifre totali sono state nascoste e sono stati pubblicati solo i nuovi contagi e i decessi delle ultime 24 ore. Domenica 7 giugno l’autorità ha addirittura annunciato due valori diversi. Il Ministero della Salute ha anche rimosso i dati che mostravano l’andamento degli ultimi mesi. A causa delle numerose proteste, il governo ha annunciato di pubblicare nuovamente dati dettagliati sulla pandemia. La Johns Hopkins University ha riferito oggi che il Brasile ha il più alto valore in tutto il mondo con più di 32.000 nuove infezioni.

Indipendentemente dalle politiche del governo centrale, le organizzazioni indigene continuano a indagare sulle infezioni e sul numero dei morti. L’organizzazione ombrello dei popoli indigeni del Brasile, l’APIB, li compila e li pubblica regolarmente. Secondo questo rapporto, finora sono state infettate 2600 persone indigene appartenenti a 94 popoli. Il numero di morti tra le popolazioni indigene del Brasile è salito a 247 entro l’8 giugno, con un calo del tasso di mortalità di circa il 9,5% – ancora quasi il doppio del tasso nazionale di poco più del 5%. L’autorità statale invece conteggia solo 85 morti tra gli indigeni.

Per evitare che la pandemia si diffonda nelle loro comunità, molti indigeni si sono ritirati nei loro territori e stanno monitorando l’accesso a punti di controllo appositamente istituiti. L’agenzia statale FUNAI invece è contro i checkpoint. Ciononostante, la gente continua ad entrare illegalmente nei territori per tagliare il legname, estrarre l’oro, cacciare o occupare la terra. Le barriere vengono anche aggirate o abbattute per il turismo e il commercio illegale. Così, nonostante tutti gli sforzi, il virus continua ad entrare nelle aree indigene.

Domenica migliaia di persone sono scese in strada in Brasile in oltre 20 città per protestare contro la politica di Bolsonaro, il fascismo e il razzismo. Anche gli indigeni che vivono nelle città in molti casi hanno preso parte alle proteste. Perché sono sempre stati vittime di razzismo
istituzionale, discriminazione, emarginazione e violenza. Ora sono minacciati dalla pandemia e, in più, dall’incuria del governo. Il FUNAI, l’agenzia di protezione degli indigeni, che si è posta interamente al servizio di Bolsonaro, ha finora utilizzato solo il 30% dei fondi disponibili per combattere la pandemia. Gli indigeni riceveranno quasi 3,8 milioni di euro di sostegno governativo.

Categorie: Internazionale, Popoli originari, Sud America
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.

maltepe escort