Associazione per i Popoli Minacciati

L'APM dà voce alle vittime delle violazioni dei diritti umani. Assieme alle vittime, ci impegniamo per i diritti delle minoranze etniche, linguistiche e religiose minacciate e perseguitate, dei popoli senza Stato e delle comunità dei popoli indigeni. Senza condizionamenti politici o ideologici rendiamo noti crimini contro l'umanità e accusiamo i responsabili di genocidi, di esodi di massa, di repressioni, di persecuzioni e di discriminazioni. Con il nostro stato consultivo presso le Nazioni Unite abbiamo il diritto di parola alle Conferenze internazionali. In questo modo consentiamo ai rappresentanti di queste minoranze l'accesso agli organi dell'ONU. La nostra organizzazione lavora al livello internazionale: l'APM si trova in Germania, Italia (Sudtirolo), Francia, Svizzera, Austria, Lussemburgo e Bosnia-Herzegowina. www.gfbv.it

04.07.2019

Il Panchen Lama, rapito dalla Cina, è scomparso da 24 anni

Il Panchen Lama, rapito dalla Cina, è scomparso da 24 anni

Il destino del secondo più alto leader spirituale dei Tibetani, il Panchen Lama, è stato discusso ieri 2 luglio 2019 durante l’attuale sessione del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite a Ginevra. Al Side Event dell’Associazione per i popoli minacciati (APM) è stato ricordato il rapimento di Gedhun Choekyi… »

25.03.2019

Mali: aumentano le aggressioni dei Dogon ai nomadi Peulh

Mali: aumentano le aggressioni dei Dogon ai nomadi Peulh

In seguito alla morte violenta di 115 persone, uccise durante un attacco a un villaggio, l’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) ha accusato il governo del paese africano di essere corresponsabile di quanto accaduto. Da mesi la violenza tra Dogon e Peulh è in aumento e il governo ha ignorato… »

12.03.2019

Preoccupazione per una spedizione dell’Agenzia brasiliana FUNAI

Preoccupazione per una spedizione dell’Agenzia brasiliana FUNAI

L’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) esprime la sua profonda preoccupazione per la spedizione organizzata dalla Funai (Agenzia brasiliana per gli Affari Indigeni) e partita lo scorso 7 marzo verso la riserva di Vale do Javari nella regione amazzonica di frontiera con il Perù per contattare un gruppo in isolamento… »

15.02.2019

A meno di due mesi della presidenza Bolsonaro le associazioni indigene presentano un rapporto spaventoso

A meno di due mesi della presidenza Bolsonaro le associazioni indigene presentano un rapporto spaventoso

Lo scorso 13 febbraio le maggiori associazioni indigene del Brasile hanno consegnato alla Commissione Interamericana per i Diritti Umani l’ultimo rapporto sugli episodi di violenza contro le comunità e i popoli indigeni del Brasile. Il rapporto firmato dall’organizzazione dei popoli indigeni del Brasile APIB, dalla Federazione dei popoli indigeni dell’Amazzonia… »

13.02.2019

Camerun: assalto ad ospedale. La guerra civile si inasprisce

Camerun: assalto ad ospedale. La guerra civile si inasprisce

Dopo la morte violenta di quattro pazienti bruciati vivi durante un attacco a un ospedale in Camerun, l’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) ha chiesto un’indagine indipendente e la persecuzione legale dei responsabili. Nella notte dal 10 al 11 febbraio uomini armati hanno attaccato e dato fuoco all’ospedale… »

10.12.2018

APM chiede garanzie di sicurezza per Yezidi

APM chiede garanzie di sicurezza per Yezidi

Comunità di credo non musulmane hanno bisogno di una prospettiva per il futuro in Medio Oriente. Con davanti agli occhi la tragedia di oltre 3.000 donne e ragazze yezide rapite nel Nord dell’Iraq e ancora in mano alla violenza dello Stato Islamico (IS), l’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) si… »

17.10.2018

Etiopia: il nuovo governo punta su donne e pace

Etiopia: il nuovo governo punta su donne e pace

La formazione del nuovo governo è un segno positivo di rinnovamento e speranza non solo per l’Africa L’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) saluta con speranza il nuovo governo etiope che dopo decenni di guerra, arbitrarietà, abuso di potere e corruzione sembra voler puntare in modo… »

11.10.2018

Brasile: con Bolsonaro si prospetta un futuro funesto per popolazioni indigene

Brasile: con Bolsonaro si prospetta un futuro funesto per popolazioni indigene

L’associazione per i diritti umani cattolica CIMI pubblica nuovi dati spaventosi Per le popolazioni indigene del Brasile il 12 ottobre, giorno in cui in tutte le Americhe si celebra l’arrivo di Cristoforo Colombo nel continente, è un giorno di lutto. In occasione della Giornata di Colombo e in vista del… »

26.09.2018

Mali: il paese sconvolto da nuove violenze. Almeno 19 nomadi Tuareg disarmati uccisi

Mali: il paese sconvolto da nuove violenze. Almeno 19 nomadi Tuareg disarmati uccisi

Non trova pace il Mali, dove negli scorsi giorni sono stati uccisi da un gruppo di assalitori non identificati almeno 19 nomadi Tuareg disarmati. Martedì 25 settembre un gruppo di motociclisti ha attaccato due accampamenti di nomadi Tuareg del gruppo degli Ibogholitane a 45 km dalla città… »

10.08.2018

Mali: nuova ondata di violenza oscura le elezioni presidenziali

Mali: nuova ondata di violenza oscura le elezioni presidenziali

14 morti in un attacco ai Peul: dall’inizio dell’anno si contano 317 morti A pochi giorni dal ballottaggio per le elezioni presidenziali in Mali si registra una nuova escalation di violenza tra la popolazione appartenente ai gruppi etnici dei Peul e dei Dogon nel centro del paese. Lo scorso 9… »

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.