Al bivio e sulla stessa barca

04.04.2020 - Enrique Collado - Redacción Barcelona

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo, Francese, Tedesco, Catalano

Al bivio e sulla stessa barca

Per la prima volta nella storia ci sentiamo tutte e tutti “toccati”, direttamente o indirettamente, ognuna e ognuno di noi, da un piccolo virus che se ne infischia di confini, classi sociali o religione.

Ci troviamo a un bivio come specie; non solo per via dell’ormai noto virus, ma anche per i cambiamenti che si sono verificati negli ultimi tempi in tutti i campi e che la pandemia ha portato alla luce.

Forse assisteremo a un ‘cambio di rotta’ dopo la pandemia, anche se non sappiamo se sarà nella direzione che potrebbe piacerci.

Volgeremo il nostro sguardo indietro o scruteremo nuovi orizzonti? Andremo avanti con la stessa forma emotivo-mentale o apriremo mente e cuore a una nuova forma di sensibilità? Diventeremo consapevoli, finalmente, di navigare sulla stessa barca?

Quello che avanza senza remore è che la percezione di essere parte di un grande organismo, dove ciò che accade dall’altra parte del mondo si ripercuote direttamente sulle nostre vite e dove la cosa più importante è la salute, sia fisica che emotiva, mentale e spirituale. La percezione di quanto collaborare sia imprescindibile perché cominciamo a essere consapevoli, nel profondo, della nostra dipendenza dalle altre persone e sentiamo una sorta di bisogno autentico di prenderci cura le une degli altri.

Tuttavia, non possiamo chiudere gli occhi davanti all’altra grande tendenza: quella di cercare capri espiatori, di fomentare l’odio, di chiudere cuore e mente, di puntare il dito… Atteggiamenti propri di chi non capisce molto bene quello che sta succedendo e i cambiamenti di ogni tipo che si stanno verificando – e non mi riferisco solo alla già citata pandemia – in tutti i campi: dalla tecnologia alla fede, dalla vita pubblica al privato delle relazioni interpersonali… e sono loro le persone pervase da quel sentimento nefasto che ha portato con sé tante disgrazie nel corso della storia: la paura.

Come diceva Silo*: “In realtà non è il cambiamento in sé a inquietarci, ma la direzione che esso prenderà”.

Viviamo un momento cruciale per l’umanità.

In passato quando un Impero cadeva, un altro prendeva il suo posto. Oggi tutto è interconnesso e, anche se sembrano esistere diversi modelli, in realtà ce n’è uno solo perché il vero potere lo detiene IL SISTEMA, indipendentemente dall’abito con cui vengono presentati i presunti modelli diversi. Un potere basato sulla violenza, sulla competizione, sulla disuguaglianza… e che adora lo stesso Dio: IL DENARO. Oggi, pertanto, non è possibile che qualcosa di altro affiori in superficie perché siamo parte di un unico e medesimo Sistema.

Di fronte a tale scenario, il bivio a cui ci troviamo davanti come specie si espande.

Possiamo fare qualcosa in più di quanto non stiamo già facendo per estendere la nostra influenza e dare al cambiamento quella spinta di cui tanto abbiamo bisogno e che ardentemente desideriamo?

E sarà lì che ci incontreremo… al bivio.

Sapremo scegliere quale via percorrere?

Speriamo di saper scegliere la migliore e la più bella…. per tutte e tutti.

 

*Silo, pseudonimo di Mario Luis Rodríguez Cobos (Mendoza 06.0.1938 – 16-9.2010), è stato uno scrittore argentino e fondatore del Movimento Umanista e Il Messaggio di Silo. Silo.net

Traduzione dallo spagnolo di Chiara De Mauro

Categorie: Diversità, Opinioni, Salute, Umanesimo e Spiritualità
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

 

Solidarietà ai tempi del Coronavirus

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.