Basta repressione! Un grido nel silenzio di Santiago del Cile

19.01.2020 - Santiago del Cile - Redacción Chile

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo, Tedesco, Greco

Basta repressione! Un grido nel silenzio di Santiago del Cile

In silenzio, passo dopo passo, vestite di nero, in lutto per i caduti e per le vittime delle sistematiche violazioni dei diritti umani, con le mani pulite tenute in alto per far capire che quelle di Sebastián Piñera e del suo governo sono sporche del sangue del popolo cileno, migliaia di donne hanno marciato il 18 gennaio a Santiago per dire BASTA REPRESSIONE.

A noi si sono uniti anche uomini, bambini di tutte le età, un distaccamento della Prima Linea di Difesa della gente di strada per darci protezione. Tutti insieme, tutti uniti in un grido silenzioso per la vita e i diritti umani, un grido silenzioso ma assordante per la Dignità e la Giustizia.

Di particolare rilevanza è stata la richiesta collettiva e trasversale di libertà per i prigionieri politici di Piñera, la maggior parte dei quali sono giovani e adolescenti criminalizzati per aver partecipato all’esplosione sociale con tutto ciò che questo implica. Le prigioni di Piñera sono piene e lui continua ad aggiungere, a perseguitare e criminalizzare.

Continua a tentare dei progetti di legge per ottenere ancora più strumenti legali che gli permettano di limitare le garanzie umane fondamentali di libera espressione, libera circolazione, libera riunione, libera opinione e l’inalienabile diritto umano alla ribellione, al fine di mantenere il potere in un paese dove, insieme al suo governo, non ha ottenuto più del 5% di consensi nei sondaggi e ha quindi perso totalmente e assolutamente la legittimità di guidare il paese.

La lunga marcia ha avuto tre punti di concentrazione. A Plaza de la Dignidad, dove tutti abbiamo cantato El Derecho de Vivir en Paz (Il diritto di vivere in pace) di Víctor Jara; a Cerro Huelén, dove abbiamo ballato La Cueca Sola, la danza nazionale che in questa versione la donna balla senza il suo compagno, in omaggio ai prigionieri scomparsi della dittatura di Augusto Pinochet; a La Moneda, che è il palazzo del governo, dove abbiamo cantato El Baile de los que Sobran (Il ballo di quelli che sono di troppo), della banda cilena Los Prisioneros, l’inno di questa rivoluzione…

Perché questa è la rivoluzione di quelli che sono di troppo, dell’enorme maggioranza dei cileni che non appartengono all’élite del potere, del denaro, della corruzione e, oggi, dei criminali contro l’umanità e dei loro complici per azione o omissione nel potere politico.

Video e testo di Claudia Aranda:

Il BALLO DI QUELLI CHE SONO DI TROPPO

(Los Prisioneros)

È solo un’altra notte

Da camminare

E’ un’altra fine del mese

Niente da segnalare.

I miei amici sono rimasti, proprio come te.

Quest’anno hanno finito, i giochi, i dodici giochi…

Unisciti al ballo di quelli che sono di troppo

Nessuno ci disturberà

Nessuno voleva davvero aiutarci…

Ci è stato detto quando da ragazzi

Giocate il gioco dello studio

Gli uomini sono fratelli e insieme devono lavorare

Hai sentito il consiglio

Con gli occhi sul professore

C’era così tanto sole

Sopra le teste

E non era così vero, perché quei giochi alla fine

Sono finiti per gli altri con allori e futuro

E hanno lasciato i miei amici a prendere a calci i sassi…

Unisciti al ballo di quelli che sono di troppo

Nessuno ci disturberà

Nessuno voleva davvero aiutarci

Hey

Conosco alcune storie

Sul futuro

Hey

Il tempo in cui le ho imparate

Era più sicuro

Sotto le scarpe

Fango e cemento

Il futuro non è nessuno

Di quelli promessi nei dodici giochi

Ad altri sono stati insegnati

Dei segreti ma non a te

Ad altri è stata data davvero quella cosa chiamata educazione

Hanno chiesto uno sforzo, hanno chiesto dedizione

E per quale scopo

Per finire a ballare e a prendere a calci le pietre…

Unisciti al ballo di quelli che sono di troppo

Nessuno ci disturberà

Nessuno voleva davvero aiutarci

Hey

Conosco alcune storie

Sul futuro

Hey

Il tempo in cui le ho imparate

Era più sicuro

Unisciti al ballo di quelli che sono di troppo

Nessuno ci disturberà

Nessuno voleva davvero aiutarci…

Il video è di Riccardo Marinai:

Il reportage fotografico è di Helodie Fazzalari:

Categorie: Diritti Umani, Fotoreportages, Sud America, Video
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

 

Solidarietà ai tempi del Coronavirus

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.