642 migranti salvati dalle navi delle Ong negli ultimi giorni

28.01.2020 - Redazione Italia

642 migranti salvati dalle navi delle Ong negli ultimi giorni
(Foto di Open Arms)

Nel Mediterraneo in questo fine settimana centinaia di persone sono sopravvissute solo grazie all’intervento delle navi umanitarie. E’ evidente il vuoto spaventoso di capacità di ricerca e soccorso” dichiara Carlotta Sami, portavoce dell’Unhcr.

“184 persone soccorse stanotte da due gommoni dai soccorritori della Ocean Viking.  102 persone erano già state soccorse a 80 MN dalla Libia e 82 nella zona SRR maltese. Con 5 operazioni di soccorso notturne in meno di 72 ore, il totale dei sopravvissuti a bordo è adesso 407” scriveva ieri mattina nella sua pagina Facebook Sos Mediterranee Italia.

Terminato all’alba secondo soccorso di una barca in pericolo con 102 persone in acque internazionali. A bordo della Open Arms 158 naufraghi, salvati da una morte probabile” annuncia stamattina Open Arms.

Fino a questo momento l’unico porto sicuro indicato è stato quello di Taranto, dove la Ocean Viking si sta dirigendo. Ancora senza risposta la richiesta di sbarco avanzata da Open Arms e dalla Ong tedesca Sea Eye, che ha salvato 77 naufraghi con la sua nave Alan Kurdi.

Nel pomeriggio del 28 gennaio Open Arms affida a twitter un aggiornamento: “Rispondiamo a una chiamata di soccorso canale 16 VHF per possibile avvistamento di imbarcazione insicura alla deriva a circa 30 miglia dalla nostra posizione. 4 ore più tardi salviamo altre 79 persone. Ora sono 237 le persone a bordo e alcuni casi medici.”

Domenica prossima si annuncia il rinnovo per tre anni degli accordi tra Italia e Libia, senza le previste modifiche richieste per continuare l’aiuto italiano a un paese in guerra, dove i migranti in fuga vengono riportati in lager disumani.

 

Categorie: Africa, Europa, Migranti
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

 

Solidarietà ai tempi del Coronavirus

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.