L’ordine naturale

13.03.2019 - Silvia Nocera

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo

L’ordine naturale
(Foto di Silvia Nocera)

Di quale natura parla il Ministro della Famiglia e della Disabilità Lorenzo Fontana, quando afferma che l’unico modello di famiglia valido è quello “naturale”, con quell’espressione confortante e fiduciosa da Mastro Lindo che certamente dice la verità?

E’ già stato ampiamente dimostrato che nell’ambiente naturale, quello formato da composti inorganici e organici, microorganismi, batteri e virus, flora, fauna e umanità, tutte le forme di sviluppo, riproduzione, associazione e “genitorialità” sono consentite al fine della conservazione e crescita delle diverse specie. Dagli insetti alle scimmie antropomorfe i comportamenti omosessuali e la creazione di famiglie “arcobaleno” sono ampiamente presenti e, nel caso degli umani, essi sono documentati fin dagli albori nella storia, con significati e ruoli di diversa importanza nelle varie epoche e nelle differenti civiltà.

Nella storia del Cristianesimo ci sono state voci autorevolissime che, nella forza e nell’infinita capacità di adattamento e di crescita osservate nell’ambiente naturale, hanno visto una manifestazione dell’incommensurabile amore di Dio, fino a identificare quel loro Dio con la Natura, con la N maiuscola. E fino a qui si intravede una certa logica, data probabilmente da esperienze personali particolarmente intense. Ma come è potuto accadere che questo Dio=Natura sia diventato poi così intollerante da non considerare più suoi figli, tutte le meravigliose e varie manifestazioni del suo amore?

Non c’è alcun ordine naturale nella demonizzazione delle famiglie arcobaleno, del divorzio, dell’aborto e di tutte le misure che oggi cercano di descrivere con il linguaggio della legalità, aspetti del paesaggio umano che esistono da sempre e che crescono con l’avanzare della nostra civiltà. Sono solo deliri di sette oscurantiste, sono le urla decadenti di un mondo che non vuole morire e che non è capace di trascendere, sono espressioni demenziali di menti traumatizzate da un’accelerazione dei tempi che spesso spaventa. Ma la paura è reale, quella vibra fra la gente e risuona di fronte a quelle grida fanatiche.

La differenza spaventa, ci spaventa ancora perché non siamo capaci di riconoscerci l’un l’altro al di là delle spoglie diverse e colorate che ci sono state regalate o che abbiamo indossato volontariamente. Io non credo in Dio e non credo nella Natura divinizzata, ma sento chiaramente che ogni umano ha il diritto di percepire la divinità nel suo modo particolare, di seguirne i precetti e di crescere in base alle sue esperienze. Ma ha anche il dovere di rispettare profondamente l’esistenza di ogni altro essere umano, con le sue credenze, i suoi precetti e le sue forme di crescita. Non possiamo più cadere, come tante volte abbiamo fatto nella nostra storia, nell’inganno della verità assoluta, quella che ha generato conflitti e tragedie di cui nessuno oggi vuole più sentirsi responsabile.

Categorie: Europa, Internazionale, Opinioni, Umanesimo e Spiritualità
Tags: , , , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.