Resistenze, Diritti, Democrazia: Manuela D’Avila a Napoli

14.12.2018 - Napoli - Gianmarco Pisa

Resistenze, Diritti, Democrazia: Manuela D’Avila a Napoli
(Foto di Città Metropolitana di Napoli)

La conferenza internazionale, tenuta presso la Città Metropolitana di Napoli, su iniziativa di Rifondazione Comunista e del GUE (il Gruppo della Sinistra al Parlamento Europeo), in occasione dell’arrivo in Italia della figura, in questo momento, più in vista dell’opposizione brasiliana, la deputata Manuela D’Avila, non è stata solo un successo di pubblico e di partecipazione: è stata, più di ogni altra considerazione, un’opportunità importante per condividere riflessioni e attrezzare iniziative per la difesa dei diritti e della democrazia, contro l’abuso del potere (anche quando viene presentato in vesti «formalmente legali») e contro la riduzione dei diritti e degli spazi per la democrazia (fino addirittura a paventare inquietanti ritorni al passato).

La possibilità, per i termini “legalità” (formale) e “giustizia” (sostanziale), di entrare in contraddizione, è stata più volte richiamata nel corso delle relazioni: vi ha fatto riferimento la stessa Manuela D’Avila, quando ha richiamato l’attenzione dei presenti sul golpe istituzionale consumato contro Dilma Rousseff e sul golpe giudiziario che ha portato alla messa in carcere del candidato presidenziale, già presidente del Brasile, Luiz Inácio “Lula” da Silva; ma vi ha fatto riferimento, mutatis mutandis, anche il Sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ricordando appunto come, talvolta, il rispetto della legalità formale e dei “protocolli” prevalga sulla giustizia o addirittura intervenga a “legittimare”, in vari modi e forme, ingiustizie, abusi e violazioni.

Diventa allora chiaro come il tema della «democrazia» finisca con l’essere inestricabilmente legato a quello dei «diritti»: se la democrazia formale si riduce ad una mera liturgia procedurale, solo una democrazia animata dalla partecipazione delle masse e dal primato dei diritti può connotarsi in termini di democrazia sostanziale, diventare propriamente democrazia, mantenere l’orientamento programmatico che è proprio di qualunque esercizio democratico, vale a dire di sviluppare la più ampia adesione delle masse al potere e di assicurare la più ampia estensione della sfera della libertà e della giustizia. D’altra parte, quando si parla di diritti, è più che mai opportuno parlarne in termini di «tutti i diritti umani per tutti»: a pochi giorni dalla celebrazione del 70° anniversario della promulgazione della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (1948), è essenziale ricordare che il “corpus” dei diritti fondamentali è inderogabile ed indivisibile, diritti civili e politici, diritti economici, sociali e culturali e, in ultima generazione, diritti dei popoli e dell’ambiente.

Il Brasile, geograficamente all’altro capo del mondo, politicamente non è lontano da noi: i casi dell’Ungheria e della Polonia, dei nuovi sovranismi e nazionalismi, del ritorno di pulsioni reazionarie e xenofobe, pure sono stati, opportunamente, richiamati, nello svolgimento della conferenza. Sembra l’eco del Malcom X che rivendica il primato della verità, di essere: «per la verità, non importa chi sia a dirla e … per la giustizia, non importa contro o a favore di chi»; o del Malcom X che insiste sul carattere, perfino strutturale, del razzismo: «È impossibile per un bianco credere nel capitalismo e non credere nel razzismo. Non puoi avere il capitalismo senza razzismo». Non saranno i respingimenti di massa, l’estensione di muri, barriere e filo spinato, persino la compressione dei diritti dei migranti a rendere le nostre città più sicure, ma solo le politiche di inclusione, il riconoscimento di diritti uguali, possibilità di lavoro e di emancipazione per tutti.

Dall’America Latina all’Europa, questa riflessione richiama quella di uno «spazio pubblico» da estendere in modo da sviluppare la democrazia e contrastare le pulsioni antidemocratiche o reazionarie. Vi è la questione dei popoli indigeni e delle comunità minoritarie, che sempre più devono vivere in maniera protagonistica lo spazio della democrazia e le cui lingue, memorie e culture devono essere tutelate. Vi è la questione delle relazioni tra i popoli, che sempre più devono esplorare occasione di fratellanza e cimentarsi nella ideazione e nello sviluppo di una vera e propria «diplomazia per la pace», come ha richiamato la stessa Console Generale a Napoli della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Amarilis Gutierrez Graffe.

Vi è la questione della protezione dell’ambiente e dell’ecosistema, a partire dalla sfera delle risorse comuni fondamentali, quali la terra e l’acqua, ma anche le informazioni e la conoscenza, non solo perché dalla loro conservazione dipende il futuro del pianeta e dell’umanità, ma anche perché sempre più sono preda degli appetiti delle maggiori potenze politiche e delle multinazionali private, come ha puntualmente ricordato Alex Zanotelli. Tutto questo compone la sfera dei diritti e lo spazio della democrazia, recuperando anche le osservazioni condivise in sala da Eleonora Forenza, deputata europea del GUE, seguendo, peraltro, la falsariga del titolo stesso della conferenza, appunto, «Brasile/Italia/Europa: Resistenze, Diritti, Democrazia».

Così Alessandro Fucito, presidente del Consiglio Comunale di Napoli, nel suo richiamo all’impegno, della Città di Napoli, nello sviluppo dei commons e delle relazioni di solidarietà internazionale e di amicizia tra i popoli. E così Elena Coccia, Consigliera Metropolitana alla Cura del Patrimonio Culturale e ai Beni Comuni, che ha aperto i lavori della conferenza, richiamando l’attenzione di tutti sull’unità delle energie e delle resistenze e sull’impegno a sviluppare ancora di più l’iniziativa a tutela dei diritti e per i beni comuni.

Categorie: Europa, Politica, Sud America
Tags: , , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


video 10 anni Pressenza

Eventi 10 anni di Pressenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.