Gianmarco Pisa

Gianmarco Pisa, operatore di pace. Impegnato in iniziative e ricerca-azione per la trasformazione dei conflitti, nell'ambito di IPRI (Istituto Italiano di Ricerca per la Pace) - Rete Corpi Civili di Pace, si occupa inoltre di inter-cultura e inclusione presso i centri di ricerca RESeT (Ricerca su Economia Società e Territorio) e IRES Campania (Istituto di Ricerche Economiche e Sociali), a Napoli, la sua città. Ha all'attivo pubblicazioni sui temi del conflitto e della pace e azioni di pace nei Balcani, per Corpi Civili di Pace in Kosovo, e, in diversi contesti, nello scenario mediterraneo.

«Conservare la normalità». A proposito del nuovo lasciapassare obbligatorio

Come sempre, nell’informazione “mainstream”, che finisce spesso per rasentare enfatizzazioni e semplificazioni tipicamente ideologiche, le questioni che hanno a che fare con l’evoluzione della pandemia (volutamente?) finiscono per mischiarsi e per confondersi, introducendo, anche per questa via, un primo vulnus…

Un luogo della memoria per la pace e la giustizia. In occasione della Giornata della Tolleranza

Si è svolta come di consueto, nella «data della memoria» del 21 ottobre, presso il parco memoriale «Kragujevački Oktobar», a Kragujevac, la commemorazione della Giornata della Memoria per le vittime della seconda guerra mondiale, cerimonia di Stato alla presenza del…

Una panoramica sull’antisemitismo, report della FRA

È stato pubblicato lo scorso 9 novembre l’importante report della Agenzia dell’Unione Europea per i Diritti Fondamentali avente ad oggetto «Antisemitismo: panoramica degli incidenti di natura antisemita riportati nell’Unione Europea nel periodo 2010-2020» (Antisemitism: Overview of antisemitic incidents recorded in…

In occasione della Giornata delle Nazioni Unite

«A un certo livello, le Nazioni Unite sono essenzialmente l’ultima variante del Congresso di Vienna tenutosi quasi due secoli fa, un luogo in cui le potenze si siedono per risolvere i problemi del mondo con reciproca soddisfazione. Sfortunatamente, a differenza…

Una riflessione sulla “riconciliazione”: il caso di Francia e Algeria

In occasione della cerimonia istituzionale per il sessantesimo anniversario della strage degli algerini, una delle pagine più tragiche del colonialismo francese, avvenuta a Parigi il 17 ottobre 1961, il presidente francese, Emmanuel Macron, ha riconosciuto i contorni e la tragedia…

Il Kosovo e la Convenzione del Consiglio d’Europa sulla lotta alla tratta

È stato pubblicato, lo scorso 11 ottobre, il secondo rapporto sulla conformità del Kosovo (in aderenza, come specifica il documento, con il dettato della Risoluzione del Consiglio di Sicurezza 1244 del 1999 e senza pregiudizio in ordine allo status) agli…

Un discorso memoriale per contrastare l’antisemitismo

Nella recente visita istituzionale in Ucraina, il presidente israeliano Isaac Herzog ha tenuto un vero e proprio “discorso memoriale”, la cui valenza politica pare evidente, per commemorare l’ottantesimo anniversario del massacro di Babi Yar, una pagina non particolarmente nota tra…

A proposito delle elezioni napoletane

Alla giornata delle elezioni comunali in molte delle principali città italiane, Napoli è giunta animata da un mix di irritazione, al cui fondo si intravede la tensione di una rabbia sociale che esiste e di un conflitto sociale che non…

La “guerra delle targhe” e il dissidio serbo-albanese in Kosovo

“Le unità speciali di polizia attualmente schierate nei punti di transito di Jarinje e Brnjak saranno rimosse contemporaneamente ai blocchi stradali a partire dal 2 ottobre 2021 alle 8.00 e terminando entro e non oltre le 16.00. La KFOR si…

La Giornata della Pace e la sfida dei diritti

Con quale approccio andare incontro, quest’anno, alla ricorrenza della Giornata Mondiale della Pace, che si celebra, come ogni anno, il 21 settembre? Si sa che nelle circostanze memoriali, la tentazione della “canonizzazione” e della “istituzionalizzazione” è sempre in agguato, e…

1 2 3 31