Gianmarco Pisa

Gianmarco Pisa, operatore di pace. Impegnato in iniziative e ricerca-azione per la trasformazione dei conflitti, nell'ambito di IPRI (Istituto Italiano di Ricerca per la Pace) - Rete Corpi Civili di Pace, si occupa inoltre di inter-cultura e inclusione presso i centri di ricerca RESeT (Ricerca su Economia Società e Territorio) e IRES Campania (Istituto di Ricerche Economiche e Sociali), a Napoli, la sua città. Ha all'attivo pubblicazioni sui temi del conflitto e della pace e azioni di pace nei Balcani, per Corpi Civili di Pace in Kosovo, e, in diversi contesti, nello scenario mediterraneo.

Qualche osservazione su contenimento, controllo, e lasciapassare

L’introduzione del Green Pass, o per meglio dire il lasciapassare obbligatorio a partire dal 6 agosto, solleva quesiti che non dovrebbero restare inevasi e che, prima di tutto, andrebbero liberati dagli approcci faziosi delle opposte tifoserie: da una parte, i…

«Canti e colori, grida ed avanza», Genova 2001-2021

Il “ventennale di Genova”, la ricorrenza dell’anniversario delle mobilitazioni popolari, sociali, di ampi spaccati giovanili e di vasti settori del lavoro, che hanno animato la traiettoria del cosiddetto “movimento dei movimenti”, che hanno segnato la scena politica di quel frangente…

Memoria e Futuro, una prospettiva di giustizia sociale e ambientale

È un lavoro di notevole interesse, quello curato da Alfonso Navarra, Laura Tussi e Fabrizio Cracolici, dal titolo Memoria e futuro (Mimesis Edizioni, Milano – Udine, 2021), recentissima pubblicazione collettiva che raccoglie contributi di autori diversi, quali Vittorio Agnoletto, Moni…

Un “nuovo” premier per Israele?

Lo scenario politico israeliano pare andare incontro a una riformulazione, della quale dovranno presto essere misurati, sul banco di prova delle emergenze sociali, politiche e strategiche che Israele e l’intera regione stanno attraversando, dimensione ed effetti. Il primo segnale è…

Peacekeeping: la giornata degli operatori e delle operatrici di pace

Alla vigilia della pubblicazione, per i tipi della Associazione Editoriale Multimage, del volume Di terra e di pietra. Forme estetiche negli spazi del conflitto, dalla Jugoslavia al presente, Firenze, 2021: qui la scheda. Quest’anno più che mai, la giornata del…

Le scuse per la guerra alla Jugoslavia

Alla fine, si è tramutato in un evento “storico” il vertice dello scorso 18 maggio tra il presidente serbo Aleksandar Vučić e il suo omologo ceco, Miloš Zeman, a Praga. Il primo a dare notizia dell’evento è stato il portavoce…

Il 25 maggio e le «vie nazionali»

Il 25 maggio, giornata nella quale si è celebrata ininterrottamente nel lungo arco di tempo che intercorre tra il 1945 e il 1988, è la ricorrenza di una storica festività jugoslava, la Giornata della Gioventù (Dan mladosti). Si tratta, al…

Napoli in piazza per la Palestina

Come tutte le maggiori città del Paese, anche Napoli è stata attraversata da migliaia di persone che si sono riversate nelle strade per dare vita a una grande manifestazione contro l’aggressione israeliana a Gaza, contro le violenze e i raid…

Un non-paper anche per la Republika Srpska?

Nella ridda dei non-paper delle ultime settimane, non poteva mancare un ventilato non-paper redatto (?) in uno dei contesti più delicati dei Balcani Occidentali, la Republika Srpska, la Repubblica Serba di Bosnia. L’attuale presidente della presidenza tripartita di Bosnia Erzegovina,…

Kosovo, nel tempo dei non-paper

La redazione del quotidiano Koha Ditore ha pubblicato quest’oggi un articolo nel quale riferisce di essere entrata in possesso di un documento, che verrebbe presentato come un “non-paper”, un testo scritto non intestato, non firmato e di valenza non ufficiale,…

1 2 3 30