Milano, via Padova, proiezione: La Terra parla arabo & Memory of the land

28.11.2018 - Redazione Italia

Milano, via Padova, proiezione: La Terra parla arabo & Memory of the land

In occasione della Giornata internazionale della solidarietà con il popolo palestinese, in collaborazione con PARALLELO PALESTINA, in collaborazione con NAZRA Film Festival e Al Ard Film Festival:

GIOVEDÌ 29 NOVEMBRE DALLE 19.00
APERITIVO
PROIEZIONE h 21,00
via Padova 179 – Milano
ENTRATA LIBERA

Citazioni di leader sionisti, archivi audiovisivi inediti, stampa del tempo, documenti diplomatici occidentali, testimonianze di persone che hanno vissuto direttamente il periodo…

LA TERRA PARLA ARABO
un film Maryse Gargour, 61′, 2007, sott. it.
“La terra parla arabo”, attraverso lo sguardo storico e l’espressione cinematografica, esprime una verità bruciante, la pulizia e il furto della terra palestinese da parte dei sionisti. Fine del XIX sec. Il sionismo, il movimento politico (ebraico) di minoranza, appare sulla scena internazionale. Il suo scopo è quello di creare uno stato per gli ebrei di tutto il mondo. La scelta in ultima analisi, si concentra sulla Palestina. Tuttavia questa terra palestinese “parla arabo” ed è abitata da un popolo, i palestinesi. Per evidenziare il loro progetto, i dirigenti sionisti sviluppano una soluzione ben prima della Dichiarazione Balfour del 1917. Pensano prima e poi organizzano la deportazione della popolazione locale palestinese. Per questo saranno utilizzati tutti i mezzi e la forza bruta in particolare. Questo progetto, sviluppato in segreto nei primi anni, sarà gradualmente portato avanti dai suoi dirigenti dopo la grande rivolta palestinese del 1936, durante il quale ogni forma di opposizione al progetto da parte dei palestinesi sarà fortemente repressa dal mandato britannico. Il film di Maryse Gargour è costruito principalmente su citazioni di leader sionisti, su archivi audiovisivi inediti, sulla stampa del tempo e attraverso documenti diplomatici occidentali con testimonianze di persone che hanno vissuto direttamente il periodo. Il filo conduttore storico è opera dello storico Nur Masalha.

Maryse GARGOUR è nata a Giaffa. Cresce in Libano. Si laurea presso l’Institut Français de Presse e consegue un dottorato post-laurea in Scienze dell’informazione presso l’Università Paris II Panthéon.  È stata produttrice e giornalista dell’ufficio radiotelevisivo francese di Beirut. È entrata a far parte dell’UNESCO a Parigi al Consiglio internazionale del cinema e della televisione ed è stata giornalista freelance per i canali televisivi stranieri a Parigi.  Come autrice o regista, ha al suo attivo i seguenti documentari sulla Palestina: A Palestinian against Palestine (1988), Jaffa Mine (1997), Far from Falastin (1998), The Land of White (2002) e La land speaks Arabic (2007), Incontro con un paese perduto, nel 2014 … La terra parla l’arabo ha vinto il Memory of the Mediterranean Award e ottenuto la menzione speciale ASBU all’edizione 2008 del PriMed – International Prize of the Documentario e reportage mediterraneo.

MEMORY OF THE LAND
film di animazione di Samira Badran. 13′, 2018, sott. it.
Memory of the Land è un’animazione coinvolgente e stimolante, incentrata sulle violazioni dei diritti umani della Palestina occupata da Israele. Abbiamo parlato con la regista Samira Badran della sua spinta a creare un film che non solo offra un messaggio stimolante sull’oppressione, ma sia anche un pezzo di lavoro potentemente creativo. Il film è un commento sociopolitico. In esso, mostri la lotta di un corpo intrappolato in un posto di blocco dell’esercito israeliano nella Palestina occupata.

Cosa ti ha spinto a voler raccontare questa storia?

Volevo denunciare l’ingiustizia vissuta sotto l’occupazione militare israeliana e la costrizione imposta alla vita quotidiana degli occupati. Il film è una riflessione personale su alcuni aspetti della colonizzazione israeliana della Palestina. Mi concentro soprattutto su come la popolazione sia sottoposta a un regime militare di apartheid in cui i diritti umani fondamentali vengono violati quotidianamente, applicando una politica di segregazione razziale contro la popolazione palestinese. Usi più media per costruire un’estetica complessa.

Questa è la tua solita pratica artistica?

Dal momento che sono un artista visiva, utilizzo tecniche artistiche diverse: disegno a penna e a inchiostro, collage, pittura acrilica, disegno su fotografia e video, ecc. Lavorare con l’animazione mi ha dato l’opportunità di sperimentare queste tecniche tutte insieme ed esprimere emozioni diverse in relazione a ciascuna situazione.

Sia la grafica che l’uso del suono in Memory Of The Land sono un forte commento politico all’autorità e alla violenza. Cosa speri di comunicare attraverso il film?

Il climax della violenza e dell’umiliazione estrema che subisce la figura è accentuato dagli ordini militari dati in un linguaggio inventato. In Memory Of The Land, è rappresentato il linguaggio universale di oppressione e controllo che la minaccia. Ciò crea un senso di tensione, ansia, claustrofobia, stress, incertezza e ragionamento arbitrario. Ho basato il film sulle pratiche dell’occupazione militare israeliana in Palestina, ma il mio obiettivo era anche quello di guardare ad un quadro più ampio. Ho voluto denunciare questa realtà per sensibilizzare allo stesso tempo sui sistemi violenti di repressione che purtroppo sono applicati in molte parti del mondo. Il personaggio principale del film è un paio di gambe.

Qual è la ragione per cui hai scelto di rappresentare il protagonista in questo modo?

Uno dei principali ostacoli che la popolazione palestinese deve affrontare è la grave restrizione alla libera circolazione tra le aree del territorio frammentato. Ecco perché le gambe troncate sono protagoniste, rappresentando l’idea e il senso del “procedere”!

Intervista di Errika Zacharopoulou –

Samira BADRAN  Artista visiva palestinese. Ha studiato all’Accademia di Belle Arti del Cairo e all’Accademia di Belle Arti di Firenze. Ha esposto ampiamente il suo lavoro: White Box Art Center a New York, Al-Hoash, l’Art Court palestinese di Gerusalemme, la Galleria Nazionale delle Belle Arti della Giordania, la Galleria d’Arte Moderna di Baghdad, la Biennale di La Habana, La Tramontana a Chaillé-les- Marais, Washington Museum of Women in the Arts, Musée du Luxembourg a Parigi, Gemeetemuseum den Haag, Rafia Gallery a Damasco, Ministero degli Esteri di Berlino … Insegna regolarmente corsi intensivi di disegno presso l’International Academy of Art-Palestine di Ramallah. Vive e lavora a Barcellona. MEMORY OF THE LAND è il suo primo film.

“La questione della Palestina è inestricabilmente legata alla storia delle Nazioni Unite ed è una delle questioni irrisolte più lunghe nell’agenda dell’Organizzazione. Settant’anni dopo l’adozione della Risoluzione 181 dell’Assemblea Generale, uno Stato sovrano e indipendente della Palestina deve ancora emergere a fianco dello Stato di Israele. Rimango convinto che la soluzione a due Stati riconosciuta da quella risoluzione sia l’unica premessa per una pace giusta, duratura e globale tra israeliani e palestinesi “.

– Segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres

Nel 1977, l’Assemblea generale ha chiesto l’osservanza annuale del 29 novembre come Giornata internazionale della solidarietà con il popolo palestinese (risoluzione 32/40 B). In quel giorno, nel 1947, l’Assemblea adottò la risoluzione sulla spartizione della Palestina (risoluzione 181 (II)). Con la risoluzione 60/37 del 1 ° dicembre 2005, l’Assemblea ha chiesto al Comitato sull’esercizio dei diritti inalienabili del popolo palestinese e della divisione per i diritti dei palestinesi, come parte dell’osservanza della Giornata internazionale di solidarietà con il popolo palestinese il 29 Novembre, di organizzare una mostra annuale sui diritti dei palestinesi o un evento culturale in collaborazione con la Missione di osservatori permanenti della Palestina alle Nazioni Unite. La risoluzione sull’osservanza della Giornata internazionale della solidarietà con il popolo palestinese incoraggia inoltre gli Stati membri a continuare a dare il più ampio sostegno e pubblicità all’osservanza della Giornata della solidarietà.

Ufficio stampa Parallelo Palestina

Categorie: Cultura e Media, Diritti Umani
Tags: , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.