Diciotti, l’odissea continua: i migranti hanno cominciato lo sciopero della fame

24.08.2018 - Agenzia DIRE

Diciotti, l’odissea continua: i migranti hanno cominciato lo sciopero della fame
Sul ponte della Diciotti (Foto di Flavio Lo Scalzo)

Sulla nave Diciotti, ancorata da giorni nel porto di Catania, i migranti hanno iniziato lo sciopero della fame. A darne notizia il senatore del Pd Davide Faraone che ieri è salito a bordo dell’imbarcazione.“Ho appena avuto notizia dalla Capitaneria di Porto che a bordo della nave Diciotti c’è tensione e i migranti hanno iniziato uno sciopero della fame. Pertanto, le visite a bordo per esprimere solidarietà e verificare le condizioni della nave sono sospese per ragioni di sicurezza”, scrive su Twitter Faraone.

MIGRANTI. SALVINI: SCIOPERO FAME? FACCIANO COME CREDONO

“Immigrati della #Diciotti in sciopero della fame? Facciano come credono. In Italia vivono 5 milioni di persone in POVERTÀ assoluta (1,2 milioni di BAMBINI) che lo sciopero della fame lo fanno tutti i giorni, nel silenzio di buonisti, giornalisti e compagni vari. #primagliitaliani”. Così il Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, su Twitter.

Leggi anche:

Diciotti, l’odio corre sul web: “No minori ma futuri stupratori”

Diciotti, a bordo ci sono ‘veri’ rifugiati: ecco perchè

Diciotti, Tutori minori Lazio: “Pronti ad assumere la tutela dei 27 bambini”

Migranti, Martina a Di Maio: “State portando il Paese nel baratro”

Diciotti, Salvini: “Vogliono arrestarmi? La maggioranza del popolo è con me”

Mercoledì sera, intanto, sono sbarcati i 27 minori non accompagnati  presenti sulla nave, dopo che il Ministro dell’Interno Matteo Salvini rompendo il silenzio, in diretta su Facebook, ha dichiarato: “I bambini sbarcano, gli uomini giovani e palestrati no. L’Italia ha un cuore grande gli altri, scelgano, l’Europa è grande. La via del futuro è quella australiana, in Europa non metti piede senza”.

DICIOTTI, SAVE THE CHILDREN: MINORI CON FERITE D’ARMA DA FUOCO

“Mentre 150 persone rimangono sulla Diciotti, 27 minori soli sono sbarcati ieri a Catania. Nonostante il grande supporto della Guardia Costiera, molti sono fortemente deprivati, rimasti anche 3 anni nei centri libici, al buio per mesi, pure con segni di ferite da arma da fuoco”. A scriverlo in tweet Giovanna Di Benedetto, portavoce di Save The Children Italia.

DICIOTTI, MSF: A BORDO MINORI TORTURATI PER OLTRE UN ANNO

A bordo della nave Diciotti c’erano minori “stanchi, esausti, confusi”, reduci da “periodi di detenzione molto lunghi in Libia, superiori ad un anno, durante i quali hanno subito violenze fisiche e maltrattamenti”.

È quanto emerge dalla video-testimonianza di Nathalie Leiba, psicologa dell’ong Medici Senza Frontiere, che ieri sera, a Catania, ha assistito alcuni dei 27 minori sbarcati dalla nave della Guardia Costiera. I ragazzi, eritrei, “ci hanno raccontato le loro storie- dice Leiba- uno non riusciva a vedere bene, mi ha spiegato che è stato un anno detenuto al buio, subendo vessazioni, torture, mentre i libici lo costringevano a telefonare alla famiglia in cambio di denaro”.

Un altro ragazzo “aveva dolore alla spalla e la mano ritratta”. Secondo il suo racconto, riportato dalla psicologa, “i trafficanti stavano litigando per chi avrebbe dovuto rapire il gruppo di cui faceva parte e gli hanno sparato, quando lui aveva 15 anni”.

I minori “hanno espresso preoccupazione per i loro amici rimasti a bordo- conclude Leiba- sicuramente trattenere queste persone su una nave non aiuta il loro benessere psicologico”.

Categorie: Africa, Diritti Umani, Europa, Politica
Tags: , , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


App Pressenza

App Pressenza

Diritti all'informAZIONE

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.