La Lifeline arriva a Malta

27.06.2018 - Redazione Italia

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo, Greco

La Lifeline arriva a Malta
(Foto di https://www.facebook.com/seenotrettung/)

La nave Lifeline, con a bordo 234 migranti rimasti in mare per oltre una settimana, è arrivata stasera a  Malta. I migranti verranno ricollocati in otto paesi europei –  Malta, Francia, Italia, Irlanda, Portogallo, Belgio, Olanda e Lussemburgo – ma l’accoglienza verrà limitata solo a chi ha diritto di chiedere asilo, mentre tutti gli altri verranno respinti.

Inoltre pare che la nave verrà sequestrata e il comandante arrestato per non aver obbedito all’ordine della Centrale Operativa della Guardia Costiera italiana di consegnare i naufraghi alle motovedette libiche, o di portarli in un porto libico. E questo nonostante i giudici di Palermo e di Ragusa abbiano scritto nelle loro sentenze che in Libia non esistono “porti sicuri di sbarco” e l’agenzia ONU per i rifugiati abbia definito più volte la situazione dei centri di detenzione in Libia “preoccupante” e “al di sotto di ogni standard internazionale”.

Un altro grave episodio di criminalizzazione della solidarietà, dunque: chi rispetta gli obblighi e le regole delle convenzioni internazionali finisce sotto processo e diventa il bersaglio di odiose campagne di diffamazione da parte di politici e media. Per non parlare dell’atroce destino riservato a chi rischia di tornare nei famigerati lager libici.

Categorie: Africa, Diritti Umani, Europa
Tags: , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.