20 maggio a Milano: corteo straordinario, palco ambiguo

20.05.2017 - Milano - Anna Polo

20 maggio a Milano: corteo straordinario, palco ambiguo
(Foto di Dario Lo Scalzo)

Centomila persone in corteo per l’accoglienza a Milano, un fiume infinito, diverso e colorato che ha percorso i bastioni da Porta Venezia a piazza del Cannone in un miscuglio mai visto: associazioni da tempo impegnate a fianco e con i migranti, partiti, organizzazioni culturali e ambientaliste, comunità straniere ognuna con i suoi costumi tradizionali, bande musicali, tanti migranti, tanti giovani, famiglie con bambini e militanti di lungo corso. Tutti uniti nel rifiutare il razzismo e la xenofobia e nell’affermare diritti che devono valere per ogni essere umano.

Sparse per tutto il corteo, legate in vita o in testa per proteggersi dal sole intenso, le coperte termiche oro e argento che la rete “Nessuna persona è illegale” ha scelto come simbolo della sua presenza, per un vero diritto all’accoglienza e contro tutte le leggi securitarie e razziste in materia di immigrazione, dalla Bossi-Fini alla Minniti-Orlando.

Arrivati in piazza del Cannone, dove è montato il palco per gli interventi organizzato da Radio Popolare, torna a farsi sentire l’ambiguità che ha caratterizzato fin dall’inizio questa manifestazione, lanciata da un assessore dello stesso partito che ha prodotto il decreto, poi legge, Minniti-Orlando e non l’ha mai davvero condannato. Escluse dal palco le associazioni e le reti che lavorano ogni giorno con migranti e profughi, dal Naga alla Rete Milano senza Frontiere, si susseguono interventi spesso vaghi e retorici, intervallati dal coro della scuola elementare di via Palmieri e da musica raggae e hip hop, con i bambini che cantano, tra l’altro, l’Inno di Mameli e giovani artisti che invitano il pubblico a battere le mani e alzare le braccia come nei concerti.

Le condanne dei muri e gli appelli alla solidarietà come fonte di una vera sicurezza si sprecano, ma le critiche alla legge Minniti-Orlando sono pochissime, così come la denuncia della vendita di armi e dell’attacco ai diritti fondamentali di migranti e non. E non si parla di politiche europee  quali il “Migration Compact”, l’esternalizzazione delle frontiere e altre nefandezze responsabili di migliaia di morti in mare e di indicibili sofferenze prima e durante il viaggio verso l’Europa.  Un’interminabile sfilata di discorsi e musica – quasi quattro ore – che finisce per disperdere l’attenzione del pubblico, prima accalcato davanti al palco e poi via via sempre più diviso in capannelli e gruppi sparsi per i prati del parco.

Al palco “ufficiale” segue quello del concerto antirazzista organizzato dalla Rete Nessuna persona è illegale. In sintesi, una mobilitazione eccezionale e incoraggiante, su cui una parte politica in gran parte responsabile  della situazione che si vuole denunciare ha messo il cappello.

Fotoreportage di Rita Cuna e Dario Lo Scalzo

Categorie: Diritti Umani, Fotoreportages
Tags: , , , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Diritti all'informAZIONE

Video presentation: What Pressenza is...

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.