Il Camerun espelle 500 nigeriani in fuga da Boko Haram

24.02.2017 - Anderline Amamgbo

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese

Il Camerun espelle 500 nigeriani in fuga da Boko Haram

Migliaia di nigeriani sono sfollati a causa della rivolta di Boko Haram. L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati si è detto “molto preoccupato” dopo l’espulsione dal Camerun di 517 nigeriani, tra cui 313 richiedenti asilo. Il 17 febbraio più di 61.000 profughi nigeriani si trovavano nel campo Minawao nel nord-est del Camerun, ma ci sono molti altri al di fuori del campo. Boko Haram, un gruppo militante islamico che si è diviso in due fazioni, ha preso le armi contro il governo nigeriano nel 2009. Il conflitto, che si è diffuso da nord-est della Nigeria ad altri paesi della regione del Lago Chad, ha disperso più di 2 milioni di persone.

L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha confermato mercoledì che oltre 500 nigeriani scappati nel nord del Camerun per sfuggire a Boko Haram sono stati costretti a ritornare in Nigeria. L’agenzia ONU prevede di firmare un accordo con il Camerun e la Nigeria il 2 marzo per il ritorno volontario dei 85.000 profughi nigeriani, ma continuerà a sollecitare il governo del Camerun perché offra asilo a questi rifugiati e rispetti le convenzioni internazionali contro il rimpatrio forzato dei richiedenti asilo. Gli attacchi di Boko Haram hanno anche spinto la gente a fuggire dai villaggi del Camerun situati lungo il confine. Mercoledì scorso la Croce Rossa ha distribuito cibo a 2.500 famiglie sfollate in un campo in Kolofata, in Camerun.

Nel frattempo il governo nigeriano ha approvato la costruzione del ponte di collegamento Camerun-Nigeria come parte degli sforzi per rafforzare i legami bilaterali tra i due paesi. Il Ministro dell’Energia, del Lavoro e della Casa Babatunde Fashola ha detto che la costruzione richiederà 38 milioni di dollari, mentre 9 milioni di dollari saranno destinati alle consulenze.

La Nigeria e i suoi vicini hanno collaborato strettamente nella lotta contro Boko Haram, che si è alleato con l’ISIS. Cinque paesi – Nigeria, Niger, Camerun, Ciad e Benin – forniscono truppe per una task force regionale volta a snidare i militanti. Le truppe camerunesi hanno anche condotto operazioni transfrontaliere contro Boko Haram. I militanti sono stati respinti in Nigeria, ma continuano a realizzare attentati suicidi e a usare autobombe. Sette attentatori suicidi si sono fatti esplodere la scorsa settimana alla periferia di Maiduguri, la capitale dello stato di Borno nel nord-est della Nigeria.

 

Categorie: Africa, Diritti Umani
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.