Liberato Raúl Noro e altri tre detenuti della Tupac Amaru

25.11.2016 - Jujuy, Argentina - Mariano Quiroga

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo, Tedesco, Portoghese

Liberato Raúl Noro e altri tre detenuti della Tupac Amaru
(Foto di Comité por la Libertad de Milagro Sala)

Anche se il governo nazionale ha risposto alle Nazioni Unite in modo evasivo e caricaturale, invitando il gruppo di lavoro sulla detenzione arbitraria a visitare l’Argentina, la pressione internazionale ha effetto. Due settimana fa hanno liberato prima Elba Galarza e María Molina, incarcerate con ancora meno ragioni della leader dell’organizzazione di base Tupac Amaru, Milagro Sala.

Oggi è terminata a tutti gli effetti la prigionia di Raúl Noro, marito di Milagro Sala, e di altri tre detenuti: Patricia Cabana, Miguel Ángel Sibila e Iván Altamirano.

La visita delle agenzie per i Diritti Umani di ieri, con Estela de Carlotto in testa, Lita Boitano, il segretario generale della CTA, Hugo Yasky e altre personalità, ha prodotto un contraccolpo mediatico che sembra obbligare a mitigare i danni al governo, ormai illegittimo, di Gerardo Morales.

Libero infine dagli arresti domiciliari, Raúl Noro ha parlato con La Garcia e ha detto che “non saremo felici finché Milagro non recupererà la libertà, perché lei è lo spirito di tutto questo. E lo spirito di tutto questo, purtroppo, è ancora prigioniero”.

Ha fatto appello alla lotta: “ora dobbiamo fare pressione affinché vengano rispettate le risoluzioni delle Nazioni Unite, questo non è soggetto a discussione”.

“Milagro non è ancora accusata di nulla. Prova di ciò è che hanno soppresso la causa relativa al sit-in, che sarebbe stato uno spettacolo; non hanno potuto fare niente perché non avevano prove. Hanno solo versioni di versioni di versioni”, ha detto riferendosi all’annullamento del processo, che è stato rinviato perché la giustizia ha ammesso di non avere ricevuto prove per sollevare il caso in tribunale.

Alla domanda sulla persecuzione subita durante la dittatura civile-militare e genocida rispetto alla persecuzione attuale, ha replicato: “mi sono sentito come quando ero prigioniero durante la dittatura di Videla nel carcere di Jujuy, con il repressore, il tenente Bulgheroni. In quell’occasione Bulgheroni mi ha detto che la legge e la Costituzione erano loro, e pertanto io ero a loro disposizione per tutto. Dopo anni, con la prigionia di Milagro e la mia, ho avuto la stessa sensazione. Con un’aggravante: siamo in democrazia. Ma oggi ho avuto la stessa sensazione e non capivo quello che stava accadendo. L’ho realizzato quando ho letto le dichiarazioni del governatore Gerardo Morales, perché ha detto a tutti i media e alla stampa: “non ho intenzione di liberare quella donna”. Ha detto la stessa cosa che aveva affermato il tenente Bulgheroni riguardo ai militari: lui è la legge, lui è il potere esecutivo, il potere legislativo e giudiziario”.

Dopo la denuncia pubblica, c’è stato tempo per ricordare e ringraziare tutte le persone che stanno lottando per la libertà di tutti i tupaqueros. “E’ così tanta la gente che devo ringraziare che non mi bastano le parole. I comitati, i compagni e le compagne di tutto il paese e all’estero, che stanno facendo ogni sforzo affinché ci liberino tutti, a cominciare da Milagro. Estela de Carlotto, Lita Boitano, le Madri, Yasky, Pablo Miceli, che erano al sit-in e sono venuti a trovarci. I deputati nazionali, provinciali, e i consiglieri dei diversi blocchi politici, la gente della sinistra, Pérez Esquivel che è venuto a vedere Milagro e le ha portato un messaggio di Rigoberta Menchú, Piedad Córdoba, che senza conoscere Milagro ha detto che è l’eroina americana. Sono così tante le persone e i compagni che il tempo non mi basterebbe. Vi mando un abbraccio, la mia solidarietà e ancora un ringraziamento”, sono state le sue parole.

Poi si è commosso inviando pubblicamente un messaggio di incoraggiamento a sua moglie, la prima prigioniera politica del ricco Mauricio Macri: “a mia moglie, che posso dire? Quando parlavo con lei, dava forza a me, ha questa cosa così speciale, questa energia, che per me viene da un altro spazio e da un altro tempo, che la rafforza e rafforza tutti noi, e ci rinnova la speranza, e che neanche lei sa di avere. Milagro è come se fosse l’incarnazione dello spirito della cultura andina nel XXI secolo. Lei, inoltre, è la persona che adoro e voglio mandarle tutto ciò che lei sa che sento per lei”.
Traduzione dallo spagnolo di Matilde Mirabella

Categorie: Diritti Umani, Nonviolenza, Politica, Sud America, video
Tags: , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Diritti all'informAZIONE

Video presentation: What Pressenza is...

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.