Il costituzionalista e l’idraulico

25.11.2016 - Rocco Artifoni

Il costituzionalista e l’idraulico
(Foto di https://lacittadinanzadigitale.wordpress.com)

 

L’idraulico non ha mai goduto di una buona fama. Spesso viene citato ad esempio come prototipo dell’evasore fiscale, la cui prestazione viene pagata in contanti senza ricevuta fiscale o fattura (il cosiddetto pagamento “in nero”).
Adesso viene chiamato in causa – seppure indirettamente e metaforicamente – persino dai costituzionalisti. Infatti, in una recente video-intervista Giovanni Guzzetta, professore ordinario di diritto costituzionale dell’Università di Roma Tor Vergata, a proposito della necessità di superare il bicameralismo paritario, ha affermato: “come se io avessi bisogno dell’idraulico: anziché chiamarne uno, ne chiamo due che fanno lo stesso mestiere”.
Sicuramente il nesso tra attività legislativa del Parlamento e un lavandino intasato o una tubatura crepata, appare abbastanza azzardato.
Se ragionassimo così, si potrebbe anche osservare che su un aereo non serve il co-pilota che fa esattamente le stesse manovre del pilota. O addirittura, ci si potrebbe chiedere a che cosa servono i due piloti (le due Camere), se si dispone di un pilota automatico (il Governo).
Contro il bicameralismo perfetto l’obiezione più frequente è stata espressa anche da Guzzetta: “l’Italia è l’unico Paese al mondo che ha due Camere che fanno esattamente la stessa cosa: un doppione una dell’altra”. Con questo tipo di ragionamento si potrebbe anche dire che “l’Italia è l’unico Paese al mondo che ha fondato la Repubblica democratica sul lavoro” e che se passasse la revisione costituzionale sarà “l’unico Paese al mondo in cui i senatori potranno essere più giovani dei deputati” (minimo 18 anni per i senatori, minimo 25 anni per i deputati).
L’Australia è l’unico Paese al mondo che adotta il sistema elettorale … australiano! Di conseguenza dovrebbe cambiarlo? Il che sarebbe davvero un errore, dato che quello australiano è forse il sistema elettorale migliore del mondo (e se non lo conosciamo, il problema è soltanto legato alla nostra ignoranza).
Tutto questo per dire che talvolta – purtroppo – le motivazioni addotte dai sostenitori del sì (ma anche del no…) sono banali, semplicistiche, inconsistenti. Il referendum avrebbe potuto essere un’occasione per approfondire la conoscenza della nostra Costituzione: in parte è accaduto, ma troppo spesso si è liquidata la materia con qualche battuta più o meno stonata e fuori luogo.
Che vincano i sì oppure i no (e non sarebbe la stessa cosa), dopo il 4 dicembre sarà utile e necessario rimettere in primo piano seriamente il tema dell’educazione civica e della promozione di una cultura costituzionale. Come scriveva Alexis de Tocqueville, “la democrazia è il potere di un popolo informato”.
La Costituzione e la democrazia hanno bisogno della partecipazione di molti “idraulici” competenti e onesti, che sappiamo fare il lavoro a regola d’arte, senza perdere tempo ma senza la fretta che fa commettere errori anche madornali. Le regole della convivenza sono troppo importanti per ridurle soltanto a questione di costi e di numeri. L’idraulico pagato in nero costa di meno, ma non contribuisce alla cassa comune. Due idraulici che lavorano in sinergia – almeno in teoria – dovrebbero realizzare lavori di miglior qualità ed efficienza.
Tutti sappiamo che gli idraulici svolgono un servizio utile, come i costituzionalisti quando non banalizzano questioni di estrema importanza. Per questo è meglio ascoltare più di un costituzionalista: è vero che fanno lo stesso mestiere, ma ciascuno opera in modo originale. In fondo, come gli idraulici.

Categorie: Educazione, Europa, Opinioni, Politica
Tags: , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

 

Solidarietà ai tempi del Coronavirus

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.