L’attacco contro i Kurdi smaschera l’ambigua politica di Ankara

27.07.2015 - Associazione per i Popoli Minacciati

Quest'articolo è disponibile anche in: Tedesco

L’attacco contro i Kurdi smaschera l’ambigua politica di Ankara
(Foto di archivio Pressenza)

L’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) in occasione della sessione speciale della NATO di domani ha lanciato un appello affinché il governo turco non riceva carta bianca per un attacco militare contro i Kurdi. Artiglieria e aviazione turca affermano di aver sferrato un attacco contro il cosiddetto “Stato islamico” (IS). Ma, di fatto, continuano a sostenere questi estremisti anche bombardando i loro avversari. Gli attacchi dell’esercito turco contro le posizioni kurde nel nord dell’Iraq e della Siria smascherano finalmente la politica ambigua del governo turco: Erdogan attacca in maniera calcolata le forze che hanno garantito a Yezidi, Cristiani, Armeni, Kurdi e altre minoranze etniche e religiose protezione dalla furia degli jihadisti. Questa è una vergogna!

L’APM ha rimarcato le proprie accuse alle autorità turche: hanno permesso consapevolmente il passaggio degli islamisti radicali principalmente attraverso la Turchia verso la Siria e l’Iraq per massacrare persone innocenti, violentare donne e cacciare interi gruppi come gli Yezidi dal Sinjar, gli Assiri/Aramei/Caldei cristiani e gli Shabak dalla piana di Ninive e Mosul nel nord Iraq o dei Kurdi a maggioranza sunnita di Kobanê nel nord della Siria.

Da venerdì scorso ci arrivano ormai notizie sul fatto che l’esercito turco è impegnato in attacchi contro posizioni delle “Unità di difesa popolare” (YPG) kurdo-siriane ad ovest e ad est di Kobane in Siria. Nelle zone di confine con il Kurdistan iracheno e l’Iran, gli aerei da combattimento e l’artiglieria turchi hanno attaccato anche obiettivi civili. Numerose città da Zakho a occidente fino alle montagne di Qandil a oriente, come Mergasor, Khakurk, Piran, Keshan, Midzor, Kato, Swel, Kesta, Balok e Sidekan, riferiscono di essere state bombardate. Dettagli precisi sulle vittime non sono ancora disponibili, poiché gli attacchi continuarono senza sosta. Numerosi campi di contadini kurdi e cristiani sarebbero in fiamme.

Categorie: Comunicati Stampa, Medio Oriente, Pace e Disarmo
Tags: , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.