Partecipiamo tutti alla mobilitazione antifascista di sabato 6 dicembre

Di fronte al generale peggioramento delle condizioni di vita e di lavoro provocato da una crisi i cui costi sono fatti ricadere su lavoratori, studenti, precari, e su una crescente parte della popolazione spinta alle soglie della povertà, le varie formazioni neofasciste cercano di lucrare qualche consenso fomentando una guerra fra poveri.

In questo stanno coerentemente svolgendo il loro ruolo storico al soldo del padronato e dei grandi interessi: ci si scaglia contro l’ultimo degli ultimi, come se la crisi dipendesse da chi scappa da zone di guerra o di fame, e non da speculatori e finanzieri ultraliberisti che giocano con miliardi di euro per assicurare a pochi enormi guadagni a spese dei molti sempre più poveri. Del resto quello che sta emergendo a Roma con l’intreccio fra neofascisti e malavita, con la complicità della politica istituzionale, sta lì a dimostrarlo.

È necessario smascherare queste manovre vergognose, ovunque, a Roma a Tor Sapienza come a Milano al Gratosoglio, e sabato anche a Firenze, alle Piagge, dove Forza Nuova ha indetto un presidio​​ contro gli immigrati per sabato prossimo.
Tutta la Firenze antifascista deve essere nelle strade e nelle piazze delle Piagge per impedire questa grottesca parata a braccio teso.

Riportiamo il comunicato di Firenze antifascista, con l’invito a partecipare alla mobilitazione: noi ci saremo.

PerUnaltraCittà- Laboratorio politico

La FIRENZE ANTIFASCISTA lancia un appello a tutti i lavoratori, gli studenti e gli abitanti delle Piagge perché sabato prossimo scendano in strada per respingere la provocazione di Forza Nuova. La mancanza di lavoro, la mancanza di servizi come sanità e trasporti e lo stato di abbandono in cui versano le nostre periferie hanno dei colpevoli: i padroni, gli speculatori, i palazzinari e gli amministratori di questa città. Invece i fascisti vorrebbero dirci che la colpa sarebbe tutta dell’immigrato utilizzando in modo strumentale le campagne mediatiche che spesso si basano su notizie gonfiate se non completamente inventate. I fascisti sono provocatori perché vogliono dividerci e fomentare la guerra tra poveri: un gioco al massacro utile solo a chi già oggi ci sfrutta, ci licenzia o ci sfratta. Se c’è qualcuno da CACCIARE dalle nostre periferie e dalle nostre vite questi sono fascisti e padroni!

PRIMA I LAVORATORI!
PRIMA I PROLETARI!
VERSO IL CORTEO DEL 13 DICEMBRE!

Firenze Antifascista