Z-net Italy

La comunità znetitaly è costituita da persone interessate alla pratica di relazioni umane ispirate ai valori e ai principi della libertà, dell’equità, dell’uguaglianza nella diversità, della solidarietà, della non-violenza, dell’antifascismo, dell’autogestione, dell’equilibrio ecologico.znetitaly.altervista.org/

21.12.2014

Lezioni dell’America Latina per gli Stati Uniti

Lezioni dell’America Latina per gli Stati Uniti

Ieri è stato diffuso il rapporto sulla tortura del Comitato Intelligence  del Senato. Ha causato grande impatto, facendo rivivere il dibattito a livello mondiale sull’uso della tortura negli Stati Uniti subito dopo l’11 settembre. Alcuni hanno elogiato il rapporto, comprese le organizzazioni come l’Osservatorio per i Diritti Umani,… »

21.12.2014

#WeCantBreathe: non possiamo respirare

#WeCantBreathe: non possiamo respirare

‘Viviamo in una società-post razziale’, ha detto Obama con entusiasmo, riferendosi alla sua vittoria, subito dopo essere entrato alla Casa Bianca. All’epoca è sembrata una cosa vacua, sebbene molti volessero crederlo. Oggi nessuno ci crede. Neanche Toni Morrison. Però la reazione di diecine di migliaia di giovani cittadini… »

20.12.2014

Sono cresciuto a Guantanamo: vi racconto la mia storia

Sono cresciuto a Guantanamo: vi racconto la mia storia

Fahd Ghazy è stato detenuto illegalmente Guantanamo da quando aveva 17 anni. Ora ne ha 30. Nel 2007 ha avuto l’autorizzazione al rilascio. E’ difeso dal Centro per i diritti costituzionali Comincio chiedendovi di perdonarmi, per favore, se non dirò le cose giuste o se non… »

07.12.2014

La Grecia sull’orlo di un’altra esplosione sociale?

La Grecia sull’orlo di un’altra esplosione sociale?

di Jérome Roos – 6 dicembre 2014 Lo sciopero della fame di un detenuto anarchico e la reazione nelle strade stanno rialimentando conflitti profondamente radicati e di lunga data nella società greca, risalenti al 2008, al 1973 e al 1944. E’ evidente che i giorni dell’innocenza sono finiti. Di recente… »

23.11.2014

Colombia: i primi segni di una pace violenta

Colombia: i primi segni di una pace violenta

Nel mio ultimo articolo ho descritto il processo di pace colombiano tra il governo e le FARC (Forze armate rivoluzionarie della Colombia), ho parlato dei possibili fattori di disturbo dell’accordo di pace, specialmente del ruolo  dell’ex-presidente colombiano Alvaro Uribe Velez, legato ai paramilitari. Ho trattato anche delle molte… »

22.11.2014

Voci di una terza intifada

Voci di una terza intifada

Quando un giornalista prova a fare lo storico, il risultato può essere parecchio interessante. Usare la storia come una nota a margine in un breve articolo o una breve analisi politica spesso fa più male che bene. Ora immaginate se il giornalista, tanto per cominciare, non fosse attendibile,… »

20.11.2014

Una battaglia incerta: il conflitto israelo-palestinese

Una  battaglia incerta: il conflitto israelo-palestinese

Pubblichiamo un’intervista a Richard Falk, professore emerito americano di diritto internazionale presso la Princeton University, analista critico del ruolo del diritto internazionale nella politica globale. Autore di oltre 20… »

19.11.2014

Una nuova spinta per la pace in Siria?

Una nuova spinta per la pace in Siria?

Perché non ci sono affatto dei colloqui di pace seri per porre fine alla guerra in Siria? Dopo aver privato della vita oltre 130.000 persone  e aver costretto ad andare via dalle loro case oltre 9 milioni di rifugiati, la guerra siriana ha infettato quasi ogni regione del… »

18.11.2014

La Turchia sta appoggiando l’Isis

La Turchia sta appoggiando l’Isis

In uno dei più deplorevoli tra gli sviluppi politici recenti sappiamo oggi che la grande nazione laica democratica della Turchia sta direttamente aiutando i fascisti dell’ISIS al fine di schiacciare la resistenza laica curda di sinistra. Questo fiero membro della NATO è rimasto con le mani… »

17.11.2014

Finladia, razzismo occidentale e islamofobia

Finladia, razzismo occidentale e islamofobia

È facile  rammaricarsi del razzismo che esiste in altri luoghi. È facile parlare del motivo per cui in alcuni posti non si può avere un lavoro a causa della propria religione o appartenenza etnica. O dire che in alcune nazioni si viene oppressi perché si è donna. È facile riconoscere… »

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.