Antonietta Chiodo

Antonietta Chiodo

Nasce a Roma il 2 Aprile 1976 ma si trasferisce a Milano in tenera età. Sin dall’adolescenza si attiva per difendere i diritti umani legandosi a varie associazioni di volontariato. Diplomata alla scuola del cinema di Milano lascia che l’arte, suo più grande amore, prenda il sopravvento sperimentandosi così come illustratore, scenografo ed esponendo in varie gallerie d’arte. Oggi è madre di tre figli, nel 2003 si trasferisce a Torino, collaborando per anni con il Gruppo Abele come illustratore, per Narcomafie e la Cooperazione Internazionale pubblicando 3 mini libri su Aids e minori in Africa applauditi a Bruxelles nel 2006. Sceglie poi definitivamente la via del giornalismo libero, documentando come reporter la guerra in Siria e l’ occupazione militare palestinese specializzandosi in interviste, Antonietta sceglie di documentare attraverso le parole dei diretti interessati la verità. Nel 2014 si occupa collaborando con una redazione turca di FGM, nel 2015 inizia il suo lavoro sui porti italiani denunciando tra i primi in Italia la sparizione dei 5.000 minori non accompagnati. La sua scelta è sempre stata quella di viaggiare sola affrontando spesso viaggi lunghi e sfiancanti. Nel 2017 prende forma il suo progetto dal nome La Pace dei Bimbi in West Bank, Palestina, dove, attraverso la scrittura e l’arte terapia riesce ad aprire una importante linea di comunicazione con i giovani della zona con cui è in contatto ancora oggi. Un’esperienza indimenticabile per lei e i 17 ragazzini che vedranno in questi mesi un po’ di luce e riscopriranno i loro sogni nel cassetto . Oggi, dopo una pausa di quasi due anni per la nascita dell’ ultimo bimbo Antonietta è come sempre in prima linea dedicandosi ai genitori soli e ai loro bambini, collaborando attivamente con il Cav per l’aiuto alle famiglie meno abbienti, attiva da sempre contro la pedofilia e la tutela dei diritti delle persone sieropositive nel mondo.

05.05.2016

Bombe su Gaza, Israele viola accordi nel silenzio mondiale

Bombe su Gaza, Israele viola accordi nel silenzio mondiale

Trascorsi pochi giorni dalle dichiarazioni dei rappresentanti di Hamas, in cui venne evidenziata la possibilità di una imminente nuova guerra sulla striscia di Gaza, il 4 maggio 2016 la risposta dell’aviazione israeliana non si è fatta attendere. Il primo ad essere colpito sembra sia stato l’aeroporto, non attivo dal 2000;… »

27.04.2016

Hamas: vivere a Gaza è insostenibile, si prospetta una nuova guerra

Hamas: vivere a Gaza è insostenibile, si prospetta una nuova guerra

Le dichiarazioni fatte il 26 aprile dal portavoce delle frange politiche di Hamas in merito a una probabile guerra che potrebbe abbattersi sull’enclave entro quest’estate pesano sul capo della popolazione di Gaza. Il probabile conflitto avrebbe lo scopo di mettere fine all’insostenibile rappresaglia del governo israeliano. “Alla popolazione della Striscia… »

24.04.2016

Campo profughi S.Anna, calano ombre sulla gara d’appalto

Campo profughi S.Anna, calano ombre sulla gara d’appalto

  La città di Crotone è tra le più attive nel sud Italia per l’emergenza sbarchi e campi profughi; cercheremo oggi di comprendere cosa stia realmente accadendo nei dietro le quinte della gestione delle emergenze in queste zone. Molte sono le vicende che silenziosamente portano tasselli di un puzzle a… »

18.04.2016

Nino Fezza, dalle guerre alla speranza

Nino Fezza, dalle guerre alla speranza

Intervista a Nino Fezza, cine reporter italiano che ha all’attivo 30 anni di guerre e di video reportage, inviato Rai per molti anni in cui ha osservato la morte, ma anche conosciuto il senso reale della parola speranza. La sua esistenza si è svolta quasi interamente tra le… »

18.04.2016

Gaza, centro italiano Vik ricorda Vittorio Arrigoni

Gaza, centro italiano Vik ricorda Vittorio Arrigoni

In questi giorni si è tenuta sulla striscia di Gaza una festa in memoria di Vittorio Arrigoni, attivista per i diritti umani morto per mano salafita il 15 Aprile 2011 in circostanze ancora non ben accertate; il decesso avvenne dopo ore di torture subite dal giovane. »

31.03.2016

Il molo di Crotone accoglie il primo sbarco del 2016

Il molo di Crotone accoglie il primo sbarco del 2016

  Le coste calabresi nella mattina del 30 Marzo 2016 hanno ridato vita alla macchina dell’accoglienza mettendo in atto le proprie forze con il battesimo del molo, accogliendo nuovamente persone alla ricerca di un sogno. Il giorno precedente una imbarcazione sembra sia stata intercettata al largo delle acque territoriali italiane… »

28.03.2016

Gaza, sapersi adattare con elettrica fantasia

Gaza, sapersi adattare con elettrica fantasia

Negli ultimi anni è stato insegnato tramite i racconti e le interviste pervenute dalle popolazioni sotto assedio la loro capacità di sapersi adattare al territorio ed alla povertà, utilizzando non solo il proprio istinto di sopravvivenza ma anche la genialità dell’intera comunità, condividendo tutto ciò che crei una… »

11.02.2016

Mar Egeo, Guardia Costiera italiana salva migranti ed arresta scafisti

Mar Egeo, Guardia Costiera italiana salva migranti ed arresta scafisti

Le stragi di migranti al largo del Mar Egeo non risparmiano attimi per comprendere e considerare soluzioni ovvie in questo periodo di guerre e fughe, l’essere umano è in una trappola politica che da oramai troppo tempo esclude la possibilità di concepire misure adatte ad un percorso umanitario. I rapporti… »

31.01.2016

Tragedia Mar Egeo, nave italiana la prima a prestare soccorso

Tragedia Mar Egeo, nave italiana la prima a prestare soccorso

Ennesima tragedia in mare, stavolta nelle acque del Mar Egeo. L’imbarcazione si è messa in moto dalle coste turche di Canakkale poche ore prima della disgrazia ed a quanto sembra i migranti che la occupavano di origine siriana, afghana e birmana erano diretti verso l’isola greca di Lesbo. Da ultimi… »

27.01.2016

Siria, la Croce Rossa grida la sua speranza di pace

Siria, la Croce Rossa grida la sua speranza di pace

Questi ultimi anni hanno scandito conflitti sempre più complessi ed ingestibili, al fianco delle vittime nelle guerre troviamo associazioni ed enti composti da volontari e personale medico la cui scelta di vita porta il loro desiderio di pace e nonviolenza verso l’utopia della vittoria per i più deboli, mettendo spesso… »

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

 

Solidarietà ai tempi del Coronavirus

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.