Antonietta Chiodo

Antonietta Chiodo

Nata a Roma il 2 Aprile 1976, cresciuta a Milano, mi diplomo come perito tipografo nel 1995 lavorando per alcuni anni presso il Corriere della Sera. Ho sempre amato il circuito che crea l’informazione, dal primo tassello che può definirsi la stesura di un articolo alla creazione di stampa in esso. Ero affascinata dalla stampa offset e da quella a torchio avendo come insegnanti i tipografi storici del quotidiano locale milanese. Mi sono occupata sin da bambina di diritti umani essendo cresciuta con una madre profondamente legata alla causa palestinese, cominciando così varie letture che mi hanno trascinata nell’arco degli anni a confrontarmi sempre più la cultura islamica cercando di mantenere una visione individuale ed imparziale delle dinamiche. Amare la pittura sin da bambina mi ha portata a conseguire una mini laurea di disegnatore di animazione ed a collaborare con varie associazioni per eventi grafici e pubblicitari legati al disagio umanitario. Lavori che mi hanno donato profonde soddisfazioni con associazioni quali ANLAIDS e Gruppo Abele, da qui il mio trasferimento a Torino nel 2003. Collaborato per parecchi anni come grafico per Narcomafie la cui direttrice Manuela Mareso è una da cui ho tratto grandi insegnamenti, Animazione Sociale e Cooperazione internazionale da cui nacquero 3 mini libri che vennero applauditi a Bruxelles nel 2006. Insieme ad una equipe di psicologi e mediatori culturali tracciamo sul campo la storia dei minori in Burkina Faso, Marocco e zone desertiche limitrofe trattando i temi dell’ Aids e dei minori nelle carceri. Continuai negli anni il lavoro di collaborazione con alcuni giornali locali e soprattutto con associazione del BDS per il boicottaggio dei prodotti israeliani. Inizio 2013 mi trasferì per alcuni mesi in Brasile in una scuola che si occupava di scolarizzazione e protezione per i bambini delle favelas. Rientrata obbligatoriamente causa tumulti nelle zone di Salvador de Bahia nel 2013 ripresi il mio lavoro di cronista scrivendo ed intervistando sempre in merito alla diversità di culture nelle relazioni odierne. Ho sempre condotto il mio lavoro cercando di trarre più insegnamenti possibili dalle persone che si sono trovate a percorrere con me un percorso, legata alle filosofie buddhiste cerco sempre di relazionarmi senza alcun giudizio. Non credo che la guerra possa essere un vettore per la pace, credo nei ponti, nei confronti e nell’ascolto.

03.11.2016

Ένας γιατρός στην Παλαιστίνη: η καθημερινή μου ζωή

Ένας γιατρός στην Παλαιστίνη: η καθημερινή μου ζωή

La storia di Mohammed, un medico palestinese che tutti i giorni si dedica alla difesa della vita, per il rispetto dei diritti di tutti. »

10.07.2016

Parent Circle: παλεύουμε για τη ζωή, όχι για το θάνατο

Parent Circle: παλεύουμε για τη ζωή, όχι για το θάνατο

Ισραήλ και Παλαιστίνη, δυο περιοχές που πολεμούν επί δεκαετίες, διαιρεμένες από τη μνησικακία, την πικρία και το μίσος, αλλά και τα ΜΜΕ που θέλουν να πιστεύουμε πως δεν υπάρχει λύση σ’ αυτή τη σύγκρουση. Όμως όχι, μια άλλη πραγματικότητα είναι δυνατή. Ο Κύκλος των Συγγενών (Parent Circle) γεννήθηκε από μια… »

22.05.2016

Γάζα, Αλί Αμπού Γιασσίν: το θέατρο έχει ανάγκη από ελεύθερες ψυχές

Γάζα, Αλί Αμπού Γιασσίν: το θέατρο έχει ανάγκη από ελεύθερες ψυχές

Στη Λωρίδα της Γάζας, οι τέχνες και οι πολιτιστικές πρωτοβουλίες για τη διευκόλυνση της εσωτερικής και επαγγελματικής ανάπτυξης των νέων ανθρώπων είναι πλέον στην ημερήσια διάταξη. Μέσω της μουσικής, του χορού και του θεάματος γίνεται προσπάθεια να δοθεί σημασία και κάπου αλλού εκτός από τον πόλεμο ή την αδυναμία των… »

Ενημερωτικό Δελτίο

Εισάγετε την ηλεκτρονική σας διεύθυνση για να λαμβάνετε τις καθημερινές μας ειδήσεις.


βίντεο 10 χρόνια Pressenza

Pressenza On Air

Μιλάγκρο Σάλα

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Portokali radio

Αρχείο

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.