Antonietta Chiodo

Antonietta Chiodo

Nata a Roma il 2 Aprile 1976, cresciuta a Milano, mi diplomo come perito tipografo nel 1995 lavorando per alcuni anni presso il Corriere della Sera. Ho sempre amato il circuito che crea l’informazione, dal primo tassello che può definirsi la stesura di un articolo alla creazione di stampa in esso. Ero affascinata dalla stampa offset e da quella a torchio avendo come insegnanti i tipografi storici del quotidiano locale milanese. Mi sono occupata sin da bambina di diritti umani essendo cresciuta con una madre profondamente legata alla causa palestinese, cominciando così varie letture che mi hanno trascinata nell’arco degli anni a confrontarmi sempre più la cultura islamica cercando di mantenere una visione individuale ed imparziale delle dinamiche. Amare la pittura sin da bambina mi ha portata a conseguire una mini laurea di disegnatore di animazione ed a collaborare con varie associazioni per eventi grafici e pubblicitari legati al disagio umanitario. Lavori che mi hanno donato profonde soddisfazioni con associazioni quali ANLAIDS e Gruppo Abele, da qui il mio trasferimento a Torino nel 2003. Collaborato per parecchi anni come grafico per Narcomafie la cui direttrice Manuela Mareso è una da cui ho tratto grandi insegnamenti, Animazione Sociale e Cooperazione internazionale da cui nacquero 3 mini libri che vennero applauditi a Bruxelles nel 2006. Insieme ad una equipe di psicologi e mediatori culturali tracciamo sul campo la storia dei minori in Burkina Faso, Marocco e zone desertiche limitrofe trattando i temi dell’ Aids e dei minori nelle carceri. Continuai negli anni il lavoro di collaborazione con alcuni giornali locali e soprattutto con associazione del BDS per il boicottaggio dei prodotti israeliani. Inizio 2013 mi trasferì per alcuni mesi in Brasile in una scuola che si occupava di scolarizzazione e protezione per i bambini delle favelas. Rientrata obbligatoriamente causa tumulti nelle zone di Salvador de Bahia nel 2013 ripresi il mio lavoro di cronista scrivendo ed intervistando sempre in merito alla diversità di culture nelle relazioni odierne. Ho sempre condotto il mio lavoro cercando di trarre più insegnamenti possibili dalle persone che si sono trovate a percorrere con me un percorso, legata alle filosofie buddhiste cerco sempre di relazionarmi senza alcun giudizio. Non credo che la guerra possa essere un vettore per la pace, credo nei ponti, nei confronti e nell’ascolto.

30.06.2016

Parent Circle: lottiamo per la vita non per la morte

Parent Circle: lottiamo per la vita non per la morte

Israele e Palestina due territori in lotta da decenni e divisi dall’odio, dal rancore e dall’astio e i media ci fanno credere che non esista soluzione diversa dal conflitto. Invece no, una realtà differente è possibile. Parent Circle nasce da una idea comune dei parenti delle vittime del conflitto israelo… »

20.06.2016

Valerio Nicolosi: raccontare Gaza attraverso i suoi fotoreporter

Valerio Nicolosi: raccontare Gaza attraverso i suoi fotoreporter

 Il centro per lo scambio culturale Vik sito sulla Striscia di Gaza, avvalendosi dell’aiuto di professionisti provenienti dall’Italia si occupa, come già accennato nei precedenti articoli, d’intrecciare culture differenti come forma di crescita professionale per i giovani del territorio. Valerio Nicolosi, classe 1984, filmaker e fotoreporter impegnato quotidianamente nella collaborazione… »

09.06.2016

Attentato a Tel Aviv rivendicato dall’Fplp. Il ministro Lieberman preannuncia il pugno di ferro

Attentato a Tel Aviv rivendicato dall’Fplp. Il ministro Lieberman preannuncia il pugno di ferro

La sera dell’8 giugno 2016 un presunto attacco terroristico a Tel Aviv, nei pressi della sede del Ministero della Difesa, ha colpito al cuore Israele provocando quattro morti e cinque feriti. Gli organi di polizia hanno confermato che i due terroristi sono di provenienza palestinese e hanno circa vent’anni; in… »

05.06.2016

Palestina: Khalida Jarrar tocca il cielo ma 7.000 ancora i prigionieri politici

Palestina: Khalida Jarrar tocca il cielo ma 7.000 ancora i prigionieri politici

  Khalida Jarrar, donna dal viso androgino e dai lineamenti forti, una chioma nera come la notte ha resistito dal 2 Aprile 2015 al 3 giugno 2016, giorno in cui dopo appelli mondiali per il suo rilascio richiesto da numerose associazioni tra cui Amnesty International ha ottenuto finalmente il… »

31.05.2016

Chef italiano approda a Gaza portando Pace attraverso il cibo

Chef italiano approda a Gaza portando Pace attraverso il cibo

  Siamo spesso trascinati in una realtà complessa da gestire nel quotidiano a causa delle notizie che pervengono da paesi sotto assedio demoliti dalla potenza delle multinazionali. Trovandoci oggi in un mondo in cui il denaro costantemente si riserva il potere di delineare il confine di tutto. Cosa accade invece… »

25.05.2016

Anonymus: le nostre proteste per la persecuzione al BDS

Anonymus: le nostre proteste per la persecuzione al BDS

Gravi le minacce esplicite e pubbliche che pesano sulle attività nonviolente di attivisti ed hacker di tutto il mondo, il web è da anni un ring di lotta e quelle che erano le piazze si sono trasformate oggi in tastiere e cellule di gruppi sparsi nell’etere con un unico e… »

22.05.2016

Gaza, Ali Abu Yassin, il teatro recita un’anima libera

Gaza, Ali Abu Yassin,  il teatro recita un’anima libera

Nella Striscia di Gaza, artigianato ed iniziative culturali per agevolare la crescita interiore e professionale dei giovani sono oramai all’ordine del giorno. Tra musica, danze e spettacolo si cerca spesso di riportare l’attenzione oltre la guerra, distraendo  la mancata possibilità di oltrepassare i confini. Confini che si fermano non solo… »

20.05.2016

Al-Qiq libero, nonviolenza-repressione della stampa 1-0

Al-Qiq libero, nonviolenza-repressione della stampa 1-0

La cultura della nonviolenza è un’antica forma di lotta che ormai si fa strada nell’evoluzione interiore dell’essere umano, riconoscendo che il dolore ed i soprusi potranno richiedere solamente lo stesso identico schiaffo di risposta e che quindi una risposta diversa è necessaria e possibile. Abbiamo letto molto nei mesi… »

17.05.2016

Festival del Cinema a Gaza, un red carpet di sogni

Festival del Cinema a Gaza, un red carpet di sogni

L’arte come rappresentazione di tutto, narrazione di storie, spesso legata ai diritti umani, reportage e vita reale cavalca le testate giornalistiche di questi giorni grazie alla famosa rassegna allestita nell’idilliaca cornice della Costa Azzurra. Star da ogni zona del mondo sfilano lasciando parlare più i gossip legati alle scollature o… »

14.05.2016

Al Nakba, Gaza la ricorda tramite la cultura

Al Nakba, Gaza la ricorda tramite la cultura

Al Nakba, il grande disastro del 1948, anno in cui il conflitto con lo stato d’Israele portò alla totale negazione dei diritti fondamentali della popolazione arabo palestinese, obbligando migliaia di persone alla ricerca di una nuova vita. Nel campo profughi di El Maghazi, nella Striscia di Gaza, in questi giorni… »

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.