La Procura argentina ha raccomandato la sospensione della risoluzione 41 dell’ottobre 2020, che autorizza la semina e la commercializzazione del grano HB4 (seme IND-00412-7), il grano transgenico sviluppato dalla società Bioceres e attualmente in attesa di approvazione in Brasile, principale importatore di grano dell’Argentina.

Questa immissione è subordinata all’accettazione da parte del Brasile (principale acquirente di frumento argentino) della sua importazione, che dipende dalla decisione del CTNbio, l’organismo di regolamentazione brasiliano per gli OGM. Il procuratore Fabián Canda ha esortato i giudici federali a vietare la commercializzazione del grano transgenico in Argentina, dopo che il suo utilizzo era stato autorizzato dal Ministero dell’alimentazione, della bioeconomia e dello sviluppo regionale della Nazione, Marcelo Alos.

Secondo i media locali, questa autorizzazione aveva la condizione che fosse approvata dal Brasile, il principale importatore di grano argentino, sebbene questo paese non l’avesse autorizzata. Tuttavia, il grano transgenico HB4 è stato sviluppato dalla società Bioceres, la quale ha già piantato grano HB4 per il secondo anno consecutivo in cinque province argentine.

Se la raccomandazione del Pubblico Ministero argentino sarà efficace, verrà automaticamente sospesa anche la domanda in corso in Brasile per approvare la vendita di grano transgenico.

La richiesta di sospensione della Procura si basa sull’assenza di analisi sull’impatto ambientale che questo grano transgenico ha sulla salute delle persone e sull’ambiente. La raccomandazione, infatti, evidenzia l’assenza di studi di impatto ambientale e di audizioni pubbliche che convalidino l’approvazione di questo nuovo seme transgenico, con le sue dirette implicazioni per la salute pubblica, l’ambiente, l’economia e le relazioni internazionali.

Nel testo della raccomandazione, il pubblico ministero Fabián Canda sostiene che il documento di decisione emesso lo scorso anno dalla Commissione Consultiva Nazionale per le Biotecnologie Agricole (Conabia) costituisce una “mera trascrizione delle conclusioni delle diverse valutazioni effettuate dagli organi intervenienti”, che non è conforme allo standard richiesto dalla Corte Suprema e dalla giurisprudenza del Forum. Pertanto, classifica la decisione di approvare il grano HB4 come “illegittima”.

In un’approvazione congiunta tra Brasile e Argentina, la tecnologia per la modificazione genetica del seme di grano HB4 rimane all’ordine del giorno in attesa della valutazione da parte della Commissione tecnica nazionale per la biosicurezza (CTNBio). Nel frattempo, avvocati, politici e ambientalisti di entrambi i Paesi stanno unendo le forze per fermare quello che sarebbe il primo grano transgenico commercializzato nel mondo.

Mentre la Procura argentina fa luce sulla mancanza di studi prima dell’approvazione, in Brasile, il disegno di legge che anticipa la decisione del CTNBio e vieta il grano transgenico nel Paese, sta per passare dalla prima commissione di trattamento della Camera dei Deputati. Saranno le commissioni Ambiente, Agricoltura e Giustizia ad occuparsene.

Autore del disegno di legge, il deputato federale Nilto Tatto (PT) sottolinea che non c’è accordo nel settore industriale per quanto riguarda il nuovo grano transgenico, il che potrebbe spiegare la decisione pendente da mesi al CTNBio, nonostante le politiche attuali abbiano visto il rilascio di nuovi pesticidi. Dall’inizio del governo di Jair Bolsonaro sono stati immessi quasi 1.500 nuovi pesticidi per l’uso e la vendita nei campi. Nel 2019 erano 474; nel 2020, 493; e solo quest’anno, fino a settembre, sono stati rilasciati 411 pesticidi.

“Queste misure hanno il sostegno e l’iniziativa dello stesso governo Bolsonaro, poiché la lobby terriera è molto importante alla base del governo. È un quadro organico che sta attuando l’agenda. Ma apprezzo anche l’importanza di entrare in un disegno di legge come questo, per vietare il grano transgenico, anche per aiutare ad entrare in un dibattito più ampio nella società”, sottolinea Nilto Tatto. La resistenza a queste colture si basa sul fatto che sia il riso che il grano sono la base della dieta della popolazione, in particolare nelle regioni in cui si sta tentando di imporli.

“La questione del grano rappresenta il pane quotidiano, è davvero un simbolismo. Bisogna mobilitare la popolazione, perché l’agenda ambientale stessa e il dibattito sulla crisi climatica, la deforestazione, la fame, sono le agende che iniziano a dare contenuto alla strada campagna per Fora Bolsonaro”, conclude.

Già coltivato in cinque province argentine, il grano transgenico non è ancora utilizzato nella produzione alimentare del paese vicino, anche a causa del rifiuto della stessa società civile. L’anno scorso, l’azienda Havanna ha tentato di vendere positivamente la partnership con Bioceres per utilizzare il grano HB4 nella produzione dei suoi alfajores. L’idea non ha avuto successo, bloccata dalla campagna “Bye, Havanna”, che ha rafforzato ancora una volta il rifiuto sociale dei cibi transgenici e del loro pacchetto di veleni. Nel caso del grano transgenico HB4, ingegnerizzato per resistere alla siccità, il gene inserito nel seme lo rende resistente al glufosinato di ammonio, un pesticida potenzialmente più tossico e cancerogeno del glifosato, altro elemento chimico legato a problemi di salute.

Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), l’assunzione giornaliera consentita di glifosato per il consumo umano è di 0,3 mg per chilogrammo corporeo. Per il glufosinato ammonio l’indicazione è di 0,02 mg, essendo quindi un erbicida 15 volte più tossico del già noto glifosato.

I movimenti sociali sudamericani stanno infatti proponendo iniziative popolari per fermare il grano transgenico in Brasile e Argentina. Il dubbio è lecito in quanto le sementi OGM hanno portato a gravi danni ambientali, di contaminazione e di perdita della diversità, oltre a soddisfare quantitativamente il cibo industrializzato a discapito dei valori nutrizionali.

In passato sono esemplari il caso Canola, la colza transgenica resistente all’erbicida Round-up, venduto dalla Monsanto, ed utilizzata per produrre olio commestibile o cibo per animali; o addirittura il caso del Golden Rice GR2E che, come stabilito nel 2018 dalla Food and Drug Administration, (FDA) non soddisfa i requisiti nutrizionali e rivela bassi contenuti di beta-carotene variabili da 0,50 a 2,35 ug/g (FDA 2018a). Nulla a che spartire con i livelli di beta-carotene misurati negli alimenti biologici come la carota fresca (13,8-49,3 ug/g6); verdure asiatiche (19,74-66,04 ug/g7); e spinaci (111ug/g). La FDA ha rilevato che il valore medio del beta-carotene per GR2E è 1,26 ug/g, paradossalmente più basso rispetto a 1,6 ug/g misurato per l’originale Golden Rice. Nonostante ciò, il Golden Rice è stato autorizzato nelle Filippine il 21 luglio 2021, quando il Dipartimento dell’Agricoltura ha concesso un permesso di biosicurezza per la diffusione commerciale di questo geneticamente modificato. Quando furono promosse per la prima volta le sementi geneticamente modificate, alla fine degli anni Ottanta e all’inizio degli anni Novanta, la lobby bio-tech annunciò che la seconda e la terza generazione di questi semi avrebbero portato enormi benefici per risolvere la fame nel mondo, fornendo cibo più nutriente che si sarebbe adattato meglio alle condizioni climatiche delle diverse regioni. Così non è stato.

Il dubbio sul grano transgenico è dunque lecito, come sono leciti gli argomenti sollevati dai movimenti sociali ambientalisti in Brasile e in Argentina contro il grano HB4:

Aumenterà il consumo di prodotti chimici agricoli tossici. Come abbiamo visto con la soia, gli OGM tolleranti agli erbicidi aumentano il consumo di erbicidi, poiché questo è il motivo per cui vengono sviluppati. Piuttosto che rappresentare un nuovo seme con benefici per i consumatori, la diffusione di grano GM garantisce un mercato per Bayer-Monsanto e altre multinazionali per vendere erbicidi contenenti glufosinato ammonio, un composto molto più tossico del glifosato.
• Un nuovo veleno, estremamente tossico, sarà presente nel cibo che mangiamo ogni giorno: il grano rappresenta una grande fetta dell’approvvigionamento alimentare mondiale e viene utilizzato per fare, tra l‘altro, pane, pasta, pizza, torte e biscotti. Dalla data di autorizzazione il frumento conterrà residui di glufosinato ammonio, che verranno incorporati nella farina e nei suoi derivati, il che significa che tale sostanza sarà presente negli alimenti di base consumati quotidianamente.
• La diffusione di grano OGM potrebbe contaminare l’intera catena alimentare. Il grano è per la maggior parte autofertile, ma può anche impollinarsi in modo incrociato con le colture vicine. I dati scientifici mostrano tra l’1 e il 14% di impollinazione incrociata. L’esperienza pratica ha dimostrato negli anni che la convivenza è impossibile. Come abbiamo visto con la soia, che è anche autofertile, quando viene diffuso un seme OGM l’intera catena alimentare viene contaminata.
• Questo tipo di grano è stato sviluppato per continuare l’uso di un pacchetto tecnico (semina diretta e uso intensivo di prodotti chimici agricoli), che ha già dimostrato di causare danni sociali e ambientali e danneggiare la salute.
• Un fenomeno climatico estremo, la siccità, viene utilizzato come argomento fallace per introdurre una tecnologia di dubbia efficacia. La resistenza alla siccità deriva dall’azione combinata di un insieme di geni nella pianta, mentre le tecniche di ingegneria genetica sviluppate fino ad oggi sono in grado di trasferire solo uno o un numero limitato di geni.

https://www.brasildefato.com.br/2021/10/25/ministerio-publico-da-argentina-recomenda-suspensao-de-trigo-transgenico-discutido-no-brasil

https://www.independentsciencenews.org/news/gmo-golden-rice-offers-no-nutritional-benefitssays-fda/ https://www.fda.gov/downloads/Food/IngredientsPackagingLabeling/GEPlants/Submissions/ucm6 07450.pdf